Antonello Venditti sarà l’ospite d’onore di “Alba dei Popoli”

  • In LECCE
  • gio 06 Dicembre 2018
Antonello Venditti sarà l’ospite d’onore di “Alba dei Popoli”
(foto tratta dal sito web www.antonellovenditti.it)

Il programma del Comune di Otranto prevede anche festa per la fine dell’anno ed eventi all’alba di Capodanno

OTRANTO - Sarà Antonello Venditti con le sue straordinarie e poetiche canzoni a salutare il 2018 nel concerto “Alba dei Popoli” in programma ad Otranto il prossimo 30 dicembre. Sarà dunque il cantautore romano l’arista di grande fama che si esibirà in una delle kermesse più rappresentative delle iniziative musicali in Puglia.

Considerato fra i più popolari e tra i più prolifici della cosiddetta Scuola Romana, dal 1972, anno del suo debutto discografico, ha condensato nel suo repertorio canzoni d'amore e d'impegno sociale. E’ uno tra gli artisti italiani con il maggior numero di dischi venduti. Antonello Venditti si esibirà nella suggestiva piazza di Otranto, largo Porta Terra con inizio alle ore 21, proponendo i suoi più grandi successi. Cinquant’anni di carriera, 50 anni di emozioni che hanno coinvolto diverse generazioni. Un repertorio sempre attuale che ha caratterizzato la storia di molti. Ha emozionato, ma continua a farlo, almeno due generazioni di appassionati mettendo in musica i suoi sentimenti e l’amore, tematiche sociali e culturali. Il cantautore presenterà in una versione unplugged le sue più importanti canzoni, ripercorrendo tutta la sua incredibile carriera.


>


“Alba dei Popoli”, manifestazione storica inserita nella programmazione “Luce d’Oriente” vanta 20 edizioni di musica, arte, appuntamenti culturali, spettacoli. Una rassegna organizzata dal Comune di Otranto che pone l’accento su Otranto come luogo simbolo del Mediterraneo, crocevia di culture, intreccio di etnie. Una kermesse che prende spunto dalla forza simbolica esercitata dal primo sorriso del sole del nuovo anno all'Italia. La luce che giunge dall'Oriente illumina per prima proprio la città del Salento, posta nel punto più ad Est d’Italia.

Una manifestazione divenuta simbolo del Capodanno in Puglia e non solo. In tantissimi, infatti, scelgono ogni anno Otranto per festeggiare l’anno nuovo. Le iniziative musicali per dire addio al 2018 e dare il benvenuto al 2019 continueranno il 31 dicembre quando, nella stessa piazza, a partire dalle ore 22, si potrà trascorrere insieme la festa di popolo con animazioni varie ci saranno i dj Wender dello Zoo di 105, Radio Ciccio Riccio, Pierdavide Carone e Antonio Maggio.

Ma “Alba dei Popoli”, organizzata dal Comune di Otranto, è inserita nella programmazione “Luce d’Oriente”, che propone un mese di eventi nel periodo delle festività natalizie. Dall’8 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 una serie di appuntamenti, per grandi e piccini, si susseguiranno nella Città dei Martiri, con le serate clou del 30 e 31 dicembre. Si inizia l’8 dicembre, alle ore 16.30 in largo Porta Alfonsina, con l’accensione dell’albero di Natale e delle luminarie, insieme con gli spettacoli di giochi d'acqua e luci e grande ruota panoramica. Mentre i bambini potranno consegnare la letterina per Babbo Natale al suo elfo di fiducia, il tutto in un’atmosfera natalizia e festosa con tante sorprese tutte a cura dell’associazione Art’Etica. Seguirà alle ore 17.30 la “pittulata” dell’Immacolata in piazza de Donno a cura delle associazioni Carpe Diem e Art’Etica. Il pomeriggio del giorno dopo, il 9 dicembre, nel centro storico a partire dalle ore 16.30 ci sarà invece la prima edizione di “Un dolce Natale a Otranto” a cura della Pro loco Otranto. Un percorso natalizio con mercatini, musica e dolci tradizionali, sarà allietato da canti tipici natalizi e dimostrazioni enogastronomiche a cura dell’Istituto Alberghiero di Otranto ed una mostra di opere realizzate dagli studenti dell’Istituto d’Arte di Poggiardo.

Sempre la Pro loco Otranto dal 9 dicembre al 6 gennaio, aprirà le porte di Torre Matta per far ammirare il presepe artigianale realizzato dal maestro Rocco Zappatore. Il maestro della cartapesta, della ceramica, delle pietre, del legno e della pittura è uno dei più grandi artisti-teologi di questo secolo. Il presepe è realizzato interamente in cartapesta con sculture ad altezza naturale, dove tutto si confonde tra storia e rievocazione della nascita di Gesù Bambino.

Non mancheranno esibizioni di scuole e presentazioni di libri, così come la beneficenza che nei giorni 15 e 16 dicembre vedrà una raccolta in favore di Telethon a cura dell’Associazione Marinai d’Italia nei Giardini pubblici. Il giorno della Vigilia di Natale appuntamento con la “Natività subacquea”: alle ore 17 nel porto di Otranto alcuni sub della Sezione della Lega Navale di Otranto si immergeranno nelle acque del porto per riporre la statuetta del Bambinello nella Grotta della Natività.

Il 28 dicembre concerto gratuito in Cattedrale dove, a partire dalle ore 19 ci sarà il “Gran Concerto lirico natalizio a cura dell'associazione “Hydruntum Art”. Mentre il 30, oltre al concerto di Venditti, è previsto, in mattinata con starter alle ore 9.30 sul lungomare degli Eroi, la “Maratonina dell’Alba dei Popoli”, a cura dell’associazione dilettantistica “Otranto 800”. A mezzanotte spettacolo pirotecnico, e poi per la prima alba d’Italia del nuovo anno, il “saluto al sole” nascente a cura del Cea Terre di Enea. Proprio nel luogo dove il sole disegna il “tramonto rosa nella Baia dell’orte” sarà allestita una performance teatrale ed artistica con letture di vari brani della selezione “poesie adriatiche” di Renato Grilli. Un percorso lungo l’Adriatico, da Dubrovnik a Valona, da Trieste ad Otranto, che disegnano, poeticamente, le due sponde dell’adriatico. Con performance teatrali tra cui lo speciale percorso ispirato al “Salto dell’Acciuga” di Nico Orengo, ospite di Otranto e del Salento in occasione della premiazione nel corso dell’iniziativa “l’olio della Poesia” e “Mediterraneo” di Predrag Matvejevic’.

Il Sole sorgerà alle ore 7.09, la performance è prevista quindi dalle 5.45 e si inizierà con le video proiezioni sull'edificio del faro per un quarto d'ora ed a seguire il sound design. Mentre il sole piano piano sorge e si ammira l’incredibile scenario di Capo d’Otranto con le montagne dell’Albania, gli Acrocerauni, l’isola di Saseno, il Karaburun e le isole greche di Othonoi e Merlera (a volte si riesce persino a vedere Corfù). Ai lati la Baia dell’Orte e la Palascìa con il Capo di Leuca sullo sfondo. Il sound design, con le voci dei delfini, tonni, pesce spada, tartarughe marine, amalgamati per creare un paesaggio sonoro in 3d in grado di far percepire la vera, grande ricchezza del luogo, invisibile ai più, per un tema è duplice: promozione dell'Area Marina Protetta di Capo d'Otranto e testimonianze della resilienza (natura che rinasce dopo catastrofi).

Il sound design accompagnerà il sorgere del sole e disegna nella mente dello spettatore un paesaggio tridimensionale disvelando con il suono non solo il paesaggio che progressivamente illumina il sole (vento, alberi, rocce, scogli, uccelli, etc), ma anche il paesaggio sottomarino. Sorge il sole e, con intensità, si sottolinea il momento con un brano dedicato “Soundwalk Palascìa”. Sono previste performances artistiche con musica live, musica elettronica, jam session, dj set, videoinstallazioni.

Nel primo giorno dell’anno nuovo, il 1° gennaio 2019, si svolgerà la “Regata dell’anno”, giunta all’VIII edizione. Le imbarcazioni del Campionato Invernale "Più Vela Per Tutti" daranno vita ad una veleggiata-regata, la prima dell’anno, che partirà dal Porto di Otranto e raggiungerà una boa posizionata a est del Faro di Capo d'Otranto, doppiando così Punta Palascia, il punto più ad est d'Italia. La manifestazione è aperta a tutte le imbarcazioni in regola con le norme vigenti per la navigazione da diporto. La partenza è fissata alle ore 11.15 dal porto di Otranto. E poi ancora tanti appuntamenti con le scuole sino al giorno dell’Epifania.