La Regione stanzia fondi per corsi di formazione per cassintegrati

  • In BARI
  • ven 08 Novembre 2019
La Regione stanzia fondi per corsi di formazione per cassintegrati

Previsto un catalogo regionale realizzato appositamente per profili professionali richiesti dalle aziende

BARI - Gli ammortizzatori sociali, lo sa soprattutto chi li ha vissuti, non sfociano quasi mai in un lavoro in sostituzione di quello che si sta per perdere definitivamente. Allungano i tempi prima di lasciare senza un reddito fisso chi all’improvviso si trova senza più dignità, soprattutto se si tratta di over 45enni.

Finalmente qualcuno sembra essersi accorto di questo e cerca di correre ai ripari destinando corsi mirati a questa fascia di lavoratori, in particolare cassintegrati, che stanno affrontando crisi aziendali per cui rischiano di trovarsi tagliati dalla possibilità di un’occupazione alternativa. La Regione Puglia ha infatti pubblicato un avviso per la formazione di coloro che si trovino in cassa integrazione (Cigs). E così investe 10 milioni di euro “per dare opportunità ai lavoratori pugliesi” come affermato dal presidente Michele Emiliano con la speranza che possano essere reinseriti nel mondo del lavoro.

L’avviso è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia il 7 novembre 2019 con il titolo “Formazione a sostegno dei lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria coinvolti in situazione di crisi” per organizzare e realizzare corsi per la formazione e la riqualificazione professionale dei lavoratori in cassa integrazione straordinaria che vogliono accrescere le proprie competenze migliorando la loro occupabilità.

I lavoratori in Cigs potranno acquisire ulteriori competenze utili e mentre seguiranno le lezioni, formandosi e studiando, percepiranno anche un’indennità di frequenza (oltre alla Cigs) che “garantirà loro serenità mentre seguono il corso di riqualificazione professionale” come affermato da Michele Emiliano.

Tramite la sovvenzione, il lavoratore potrà frequentare uno dei corsi di formazione professionale previsti da un catalogo regionale, appositamente realizzato in funzione delle caratteristiche dei profili professionali delle aziende di provenienza dei lavoratori. La formazione dei cassintegrati è un tassello che completa la serie degli interventi formativi a sostegno dei lavoratori e dell’impresa, favorendo al contempo la competitività delle nostre aziende e l’inclusione sociale dei lavoratori.

L’avviso è finalizzato a potenziare le competenze dei pugliesi che si trovano in una situazione di difficoltà occupazionale puntando sulla formazione.

Per l’assessore regionale all’Istruzione, Formazione, Lavoro, Sebastiano Leo, non ci sono dubbi: “È un avviso importante per tutte quelle donne e quegli uomini in cassa integrazione senza certezza per il futuro. Le diverse crisi aziendali che hanno coinvolto aziende presenti in Puglia hanno gettato nella disperazione tante famiglie e proprio per questo si è reso necessario intervenire. Stiamo parlando di persone che rischiano l’espulsione dal mercato del lavoro e che grazie a questo bando potranno accrescere, migliorare e diversificare le proprie abilità professionali potenziando la loro occupabilità, perché la carta del futuro si gioca sulle competenze”.

Il bando “Formazione a sostegno dei lavoratori in cassa integrazione guadagni straordinaria coinvolti in situazione di crisi”, insieme a Garanzia giovani, Pass imprese e i contratti di apprendistato, ma anche MiFormo e Lavoro e diverse altre misure che sono prossime alla pubblicazione, condivide l’idea di fondo di puntare sulle competenze e sulla qualificazione di profili richiesti dal mercato del lavoro e dalle imprese.