Cinque ristoranti pugliesi contro la malnutrizione infantile nel mondo

  • In BARI
  • lun 19 Novembre 2018
Cinque ristoranti pugliesi contro la malnutrizione infantile nel mondo

Si trovano a Polignano, Conversano, Cerignola ed Ostuni e partecipano alla campagna “Azione contro la fame”

BARI - Cinque ristoranti di Polignano a Mare, Conversano, Cerignola ed Ostuni, sono tra i circa 150 ristoranti e pizzerie di tutta Italia che, dal 16 ottobre al 31 dicembre 2018, contribuiscono ad una raccolta fondi per combattere la malnutrizione infantile. Basterà cenare in uno di questi locali aderenti all’iniziativa della onlus “Azione contro la Fame” giunta alla quarta edizione e che, nata nel Regno Unito, si è estesa, oltre che in Italia, anche in Spagna, Francia, Canada, Perù, Colombia, Bolivia e Guatemala.

Alla campagna solidale “Ristoranti contro la Fame”, centinaia di chef (stelle Michelin) e ristoranti in tutta Italia, aiutano a raccogliere fondi per i progetti contro la malnutrizione infantile, che l’organizzazione realizza in 46 Paesi del mondo. Un’azione di solidarietà a cui la Puglia ancora una volta darà il suo contributo con l’impegno in prima linea della catena di ‘pescatori in cucina’ di “Pescaria”, realtà da sempre attenta alle tematiche sociali, che partecipa per la prima volta alla campagna con l’originale locale di Polignano a Mare e i due nuovi punti vendita a Milano. In tutti e tre ristoranti i clienti potranno scegliere tra due piatti solidali: la lasagna o la parmigiana di mare dello chef Lucio Mele.


>


La piccola cittadina di Polignano a Mare vanta anche la partecipazione del ristorante “Puro”, che ha scelto come piatto solidale il suo famoso sushi roll giap-pugliese. Altra novità del 2018 è l’adesione dell’ostaria “U’Vulesce” di Cerignola, dove invece i clienti potranno fare una donazione chiedendo a fine pasto il Cioccolatino della Felicità, creato appositamente dalla cioccolateria artigianale “La Perla” di Torino. Si schiera al fianco di Azione contro la Fame pure il ristorante “Pascià” di Conversano, della chef Maria Cicorella, non nuovo a questa iniziativa e che parteciperà come esponente della cucina d’eccellenza pugliese all’annuale cena di raccolta fondi organizzata da Azione contro la Fame ed il Grand Hotel Parker’s di Napoli. Mentre a “Cielo”, ad Ostuni, è stato programmato un menù solidale da 7 portate.

Lo scorso anno la campagna ha raccolto 100.000 euro di donazioni, un risultato importante che ha contribuito a rendere possibili i programmi di intervento che Azione contro la Fame porta avanti lì dove ce n’è più bisogno, come in Bangladesh, dove oltre 900mila profughi Rohingya in fuga dal Myanmar si sono rifugiati nell’ultimo anno.

Il cibo è un diritto umano e per diffondere questo messaggio l’organizzazione Azione contro la Fame ha deciso di lanciare l’iniziativa social internazionale #Foodis, dedicata ai ristoranti che parteciperanno all’edizione 2018 in tutto il mondo, che con un semplice hashtag potranno condividere pensieri e riflettere intorno al concetto di cibo attraverso i principali canali social. Per conoscere tutti i 150 ristoranti e pizzerie aderenti all’iniziativa solidale e gli indirizzi esatti basta visitare il sito web Ristoranti contro la fame.