Sorgerà a Catino il primo stadio per il rugby ed il football americano

  • In BARI
  • mer 18 Ottobre 2017
Sorgerà a Catino il primo stadio per il rugby ed il football americano

Il ministro dello sport Lotti a Bari per un sopralluogo su due campi sportivi

BARI - I due milioni di euro, stanziati dal Governo con il piano “Sport e Periferie”, saranno investiti dal Comune di Bari per effettuare, in due impianti sportivi, interventi di riqualificazione. Si tratta del campo da calcio in via Caravella a Catino-Santo Spirito, mai completato, e del campo Bellavista, a Japigia, la struttura che ospita la maggior parte delle gare regionali di atletica leggera.

Su entrambi i campi ieri è stato effettuato un sopralluogo dal sindaco di Bari Antonio Decaro e dall’assessore allo Sport Pietro Petruzzelli che hanno accompagnato il ministro per lo Sport Luca Lotti.

Il primo impianto visitato è stato il campo da calcio, mai completato, che una volta riqualificato diventerà il nuovo stadio del rugby e del football americano. L’intervento prevede la realizzazione di un campo in erba sintetica che sarà utilizzato dai giocatori delle due diverse discipline sportive e dell’area destinata al classico terzo tempo e agli spogliatoi.

A seguire, il sindaco ed il ministro, accompagnati dai rappresentanti della Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera), hanno visitato il campo a Japigia. L’impianto dispone di una pista di atletica a 6 corsie che occupa una superficie complessiva di 4.303 mq, con una lunetta dedicata al salto in alto di circa 2.060 mq. Al suo interno, inoltre, sono presenti spazi dotati di pedane per l’esercizio delle diverse discipline di atletica. Grazie al finanziamento del Governo, sarà possibile sostituire integralmente il manto della pista di atletica, sottoposto ad uso intensivo e per questo deteriorato, impiegando le tecniche più innovative attualmente utilizzate per gli impianti agonistici.

“Ancora una volta si tratta di opere finanziate attraverso il fondo governativo Sport e Periferie – ha detto il ministro Lotti - che ora, con la nuova Legge di Stabilità, vogliamo rendere strutturale. Interventi concreti sul territorio che cambiano davvero la vita dei cittadini, investendo sul patrimonio di passione, salute e socialità che lo sport riesce a garantire in modo straordinario”.

Grazie a questi investimenti Catino, e la città di Bari, avrà il primo stadio della palla ovale. Il progetto complessivo ammonta a due milioni di euro. Grazie al bando “Sport e Periferie” ne è stato riconosciuto uno, con il quale si completerà la progettazione e si inizieranno i lavori.

Il campo ha un valore simbolico per il quartiere, perché è un’opera mai completata ma che, nonostante le attuali condizioni, viene vissuta già da tanti bambini e ragazzi della zona con attività varie. A dimostrazione che lo sport non è solo una pratica sportiva ma un’attività che unisce e che serve a fare comunità.

“I finanziamenti sono indirizzati, non a caso, sulle periferie – ha aggiunto il sindaco Decaro - dove è ancora più forte il bisogno di socializzare e di stare insieme. Con questo intervento vogliamo occupare uno spazio incolto con la forza e l’energia sana dello sport, realizzando un impianto dedicato al rugby e al football americano. Due sport di squadra, relativamente nuovi per questa città, che possono aiutarci a fare breccia nel cuore di tante ragazze e ragazzi che, attraverso la pratica sportiva e i valori che essa insegna, possono riappropriarsi dei loro quartieri e viverli. Per noi è importante realizzare qui a Catino questo impianto perché vogliamo che tutti gli appassionati e gli sportivi che seguono queste discipline possano conoscere tutta Bari, comprese le periferie che hanno tanto da dare alla città. Lavoreremo in modo da far partire il bando di gara all’inizio del nuovo anno”.

A Japigia, invece, sarà riqualificata la pista d’atletica di una struttura tra le più utilizzate di Bari che, oltre agli sportivi agonistici, è aperta ogni giorno ai cittadini che praticano running e sport a corpo libero.

Il bando nazionale ha consentito a diversi sindaci di tutta Italia di finanziare servizi, spazi per la socializzazione, aree pedonalizzate, giardini e parchi in quartieri difficili. A Bari è già avvenuto nei rioni San Paolo e Libertà. Fondi strategici che hanno consentito non solo di effettuare quelle operazioni necessarie a completare o riqualificare campi sportivi ma soprattutto a collegare le periferie con il centro cittadino, per una sorta di ricucitura urbanistica ma anche di tipo sociale.