Tre province della Puglia nel monitoraggio sanitario degli over55

  • In BAT
  • mer 23 Febbraio 2022
Tre province della Puglia nel monitoraggio sanitario degli over55

Circa 10mila i pugliesi di Bat, Lecce e Taranto potranno iscriversi all’iniziativa europea

BARLETTA - La Puglia, con circa 10mila cittadini over55 (su 40mila totali), entra a far parte di un progetto sperimentale per promuovere corretti stili di vita e individuare precocemente eventi a rischio di ricoveri ospedalieri o prestazioni sanitarie urgenti e non. Tre su sei le province che saranno coinvolte: Barletta-Andria-Trani, Lecce e Taranto. Un modello che potrebbe diventare presto la chiave di volta della trasformazione dei sistemi sanitari.

Gatekeeper” (dall’inglese custode) è il più vasto progetto europeo mai realizzato in tal senso per un’età ritenuta a rischio salute. La Puglia sarà protagonista insieme con altri 10 siti pilota dell’Europa. A coordinare l’iniziativa è Aress Puglia (Agenzia regionale strategica per la salute e il sociale) affiancata da Innovapuglia e impiegherà le più moderne tecnologie di "Internet of Things", "Big Data" e "Artificial Intelligence".

E’ online infatti il portale per la sperimentazione di app abbinate a smartphone a disposizione dei cittadini dei territori delle Asl di Bat, Lecce e Taranto per partecipare al più ampio studio per la valutazione dell’utilità di comuni smartphone associati ad app dedicate alla promozione di corretti stili di vita e per il monitoraggio del loro rapporto costo-efficacia. Si sperimenterà l’approccio concreto di promozione della salute fuori dagli ambulatori con l’impiego delle reti sociali e dell’intelligenza artificiale. Tra l’altro saranno gestiti i pazienti con complicanze da Bpco, multicronici e diabetici, nonchè identificati precocemente pazienti da reospedalizzare e con scompensi cardiaci, si punterà a prevenire l’ictus, con monitoraggio continuo dei parametri sanitari correlati.

I soggetti partecipanti devono avere età maggiore di 55 anni, non avere malattie conclamate ed essere residenti da almeno sei mesi in una delle città coinvolte. Per partecipare volontariamente alla selezione basterà visitare il sito dedicato a Gatekeeper ed inviare le informazioni personali richieste.

Si tratta di un’opportunità della medicina predittiva e della diagnosi precoce attraverso l’uso di strumenti digitali in vista di un futuro sempre più demograficamente “anziano”. E si aggiunge al progetto regionale dedicato al monitoraggio a distanza del paziente cronico, attraverso la telemedicina e la tele-assistenza.

(Maggiori informazioni sono reperibili sul sito web di Gatekeeper Puglia)