Il cicloturismo in Salento ha un sito web dedicato

  • In LECCE
  • lun 25 Maggio 2020
Il cicloturismo in Salento ha un sito web dedicato

Nato da un'idea del giornalista Roberto Guido, cicloesploratore per passione

LECCE - Itinerari, ciclonews e servizi nel portale dedicato al cicloturismo del Salento per scoprire le bellezze da visitare e ammirare pedalata dopo pedalata. A curare il portale che si chiama “Salento.bike” è il giornalista Roberto Guido, giornalista e autore di due guide cicloturistiche, che offre l’opportunità di scoprire la bellezza del Salento a passo lento, secondo il ritmo della pedalata, con una serie di itinerari che sfruttano la rete di strade secondarie e rurali del territorio.

semplice e intuitivo, il sito non si limita alla narrazione dei percorsi ma, grazie alle tracce gpx e all’utilizzo di una nuova app da scaricare gratuitamente, consente di poter percorrere realmente gli stessi itinerari, senza alcuna difficoltà.

L’anima del progetto è soprattutto la passione per il viaggio, per l’ambiente e naturalmente per la bicicletta e per la Puglia. Prendendo a prestito il termine coniato da Cosimo Chiffi, è la “cicloesplorazione” che muove Salento.bike e gli appassionati che vorranno seguire questo sito, che non ha fini commerciali. Nel sito viene stimolata la ripresa del turismo sostenibile nel Salento, grazie a un’attività che è ideale per mantenere il distanziamento fisico (importante nella nuova fase da emergenza da pandemia da coronavirus) e che si svolge in luoghi mai affollati.

Dieci gli itinerari presentati tra cui le due tappe salentine della Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese e la Via Francigena del Salento in tre tappe, ma se la formula dovesse avere successo presto saranno presto implementati nuovi percorsi. L'augurio è che possa diventare un luogo collaborativo con l'apporto delle associazioni dei ciclisti salentini per farne una vetrina dei percorsi più belli.

Salento.bike è ideato da Roberto Guido, giornalista di professione, cicloesploratore per passione, uno dei principali esponenti del Coordinamento dal Basso per la Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese.