Dal 25 maggio spiagge aperte con 15 Comuni pugliesi Bandiera blu

  • In BARI
  • sab 23 Maggio 2020
Dal 25 maggio spiagge aperte con 15 Comuni pugliesi Bandiera blu
Lo splendido mare di Otranto

Sarà un’estate all’insegna della sicurezza da coronavirus ma sempre con mare pulito e servizi turistici ad hoc

BARI - L'estate 2020 ormai prossima sarà sicuramente diversa a causa delle attenzioni e restrizioni per evitare il ritorno del coronavirus (come da indicazioni nazionali del presidente del Consiglio). Ma il tratto di spiagge pugliesi potrà vantare 15 Bandiere Blu, due in più rispetto allo scorso anno. La ong (organizzazione non governativa) internazionale Foundation for Environmental Education (Fee), Fondazione per l’educazione ambientale, basandosi sui prelievi delle Arpa, le agenzie ambientali delle Regioni, ha premiato le Isole Tremiti, prima volta in assoluto, e Melendugno (in realtà alla 10ª bandiera dopo essere stata esclusa nel 2019 per non aver raggiunto l'obiettivo di percentuale minimo di raccolta differenziata dei rifiuti poi recuperata) tra i 12 Comuni italiani new entry rispetto al 2019 con mare e spiagge puliti e servizi dedicati ai turisti.

La Bandiera Blu è il riconoscimento ufficiale all'impegno dei Comuni che hanno attuato politiche attente alla sostenibilità perseguite sul territorio attraverso l'educazione ambientale, la qualità delle acque di balneazione, la depurazione delle acque reflue, la gestione dei rifiuti, la regolamentazione del traffico veicolare, la sicurezza e i servizi garantiti sulle spiagge.

Isole Tremiti (per la provincia di Foggia che sale a tre località) e Melendugno (Lecce, con un totale di quattro Comuni) si sono aggiudicate l'ambito drappo blu aggiungendosi alle confermate località di Otranto, Castro e Salve (5° anno) per il Salento, Maruggio (per il secondo anno consecutivo) con Campomarino, Ginosa (giunta alla 22ª bandiera) e Castellaneta (sesta bandiera) nella provincia di Taranto, Carovigno (4° vessillo), Fasano (9ª bandiera) e Ostuni (26ª volta) nel Brindisino, Polignano a mare (13ª bandiera) per la provincia di Bari, Margherita di Savoia (7ª volta) per la Bat, Peschici (13ª) e Zapponeta (terza bandiera blu) per Foggia.

La Regione Puglia, con il consenso unanime dell'Anci, l'associazione nazionale di balneari, ambientalisti e disabili, ha emanato l'ordinanza balneare 2020 con cui stabilisce che l'attività potrà partire dal 25 maggio ma sottolineando che “Sarà l’estate della responsabilità e della sicurezza condivisa, per consentire a tutti di non perdere l’appuntamento con la bellezza del mare pugliese”, come commentato dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Le regole per l’estate, approvate all’unanimità, si baseranno sul senso di responsabilità di ciascuno, in modo che tutti possano godere del mare e delle spiagge arginando il più possibile gli effetti della tempesta coronavirus. I circa 900 chilometri di costa pugliese saranno accessibili dal 25 maggio al 30 settembre 2020. I concessionari di spiagge e altri tratti di costa saranno obbligati ad aprire gli stabilimenti e assicurare servizi professionali di assistenza alla balneazione dal 1° luglio al 6 settembre. Tra le novità più importanti, la cooperazione per cui i 69 Comuni costieri potranno svolgere, anche su siti specifici, attività di sorveglianza finalizzata al contenimento della emergenza sanitaria da Covid-19, avvalendosi di volontari, enti pubblici o privati in regime di convenzione. In generale, valgono, naturalmente, le limitazioni, il distanziamento tra le persone e gli obblighi di tracciamento dettati a livello nazionale e dalle ordinanze del Presidente della Regione Puglia.

Moltiplicati i servizi per l’accesso dei disabili alle spiagge libere, a febbraio scorso la Regione Puglia ha infatti deciso di investire altri 300 mila euro. Il 60% dei Comuni costieri pugliesi, 41 per essere precisi, ha beneficiato di contributi regionali per dotare le loro spiagge libere di passerelle, corrimani, parcheggi dedicati, gazebo, servizi igienici o pedane mobili per l’accesso diretto a mare dei disabili. Un numero destinato ad aumentare nelle prossime settimane e che accresce il valore della dotazione di 200 sedie job, le speciali carrozzine che consentono ai disabili anche di fare il bagno, che la Regione Puglia acquistate e distribuite già nell’estate 2018, a tutti i Comuni costieri.

I Comuni pugliesi stanno lavorando per organizzarsi ad ospitare ed accogliere in sicurezza tutti i turisti che vorranno trascorrere qui le vacanze. A Ginosa si sta pensando di accogliere le famiglie in spiaggia in tre diverse fasce orarie: primo mattino, metà mattino e pomeriggio, mentre a Margherita di Savoia è stato predisposto il collegamento con autobus da e per l’aeroporto “Karol Wojtyla” di Bari-Palese.