Alla fiera ‘Klimahouse' attenzione per 4 palazzi di edilizia popolare

Alla fiera ‘Klimahouse' attenzione per 4 palazzi di edilizia popolare

Il progetto, in via di ultimazione, del Comune di Brindisi presentato alla fiera internazionale di Bolzano

BRINDISI - Questo palazzo, in via di completamento, realizzato con tecniche di edilizia ecosostenibile e di efficientamento energetico, in quanto rivestito da un ‘cappotto’ per l’isolamento tecnico non tradizionale, si trova a Brindisi nel quartiere Paradiso. Si tratta di un esempio di eccellenza di edilizia popolare che ha suscitando interesse e attenzione alla fiera internazionale “Klimahouse” a Bolzano e che rientra a pieno nello slogan di questa edizione “Costruire bene. Vivere bene”, svoltasi dal 22 al 25 gennaio 2020.

Nello stand dell’azienda Over All (produttrice di isolamento termoriflettente) fa bella mostra di se l’intervento edilizio che il Comune di Brindisi sta realizzando non ad un solo palazzo ma ad un totale di quattro palazzine per complessivi 50 alloggi destinati ad altrettante famiglie senza casa.

Si tratta di un intervento di edilizia popolare in cui l’Amministrazione comunale di Brindisi, attraverso lo staff tecnico del settore Lavori pubblici, ha incentrato l’intervento sulla ecosostenibilità ed il risparmio energetico curando ogni aspetto che permetterà agli alloggi di essere certificati in classe energetica A, garantendo un notevole risparmio in termini energetici e di inquinamento atmosferico.

In particolare è stato studiato un sistema di isolamento termico a cappotto di tipo non tradizionale, con la realizzazione di una parete statica a doppia camera dello spessore complessivo di soli 8 cm, mediante l’utilizzo di materiale termoriflettente che consentirà di ottenere prestazioni eccezionali ed un elevato risparmio energetico. La parete è rifinita in esterno da lastre precolorate in fibrocemento la cui prerogativa è la durabilità nel tempo, così da ridurre gli interventi manutentivi. L’intervento edilizio è in via di ultimazione e presto 50 famiglie brindisine potranno prendere dimora in alloggi distanti dai canoni di edilizia popolare a cui si è normalmente abituati.

“La città ecosostenibile che stiamo progettando passa soprattutto da questi interventi - spiega l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Elena Tiziana Brigante - che evidenziano la nostra lungimiranza. L’attenzione a costruire con specifici materiali e utilizzando le innovazioni a nostra disposizione è alla base della nostra strategia. Lo scopo, ovviamente, è quello di lavorare per avere una città che sia coerente con la nostra idea di rispetto dell’ambiente”.