Arriva il mercatino dell’antiquariato con l’associazione Zacaredde

Arriva il mercatino dell’antiquariato con l’associazione Zacaredde

Insieme con gli stand di hobbisti, nella Villa Comunale

MESAGNE - Si chiamerà “Mesagne, vecchi tempi” il mercatino dell’antiquariato che si svolgerà ogni terza domenica del mese a partire dal 19 gennaio 2020 in una via centrale della città non distante dalla Villa comunale dove contemporaneamente saranno allestite le bancarelle degli hobbisti locali.

L’iniziativa pensata dall’associazione culturale “Zacaredde” di Ostuni, che prende il nome da una parola dialettale salentina ‘zacareddhe’, ovvero i nastrini colorati appesi ai tamburelli della taranta o quelli venduti alla festa di San Rocco, vuole essere un modo non solo per tenere vivi ricordi e le tradizioni ma soprattutto per farli conoscere ai giovani ed ai bambini che altrimenti non avrebbero occasioni di vederli personalmente.



E l’associazione non a caso ha scelto come nome un simbolo che lega tutto il Salento. I nastrini colorati considerati portafortuna si vendono in occasione delle feste patronali, come quella di San Rocco con i fedeli che acquistano a Ferragosto le ‘zacareddhe’ per decorare (ogni colore ha un significato diverso) un angolo di casa o da legare ad un dito in attesa di sorprese in arrivo. Nastrini che in tutto il Salento rappresentano non solo un segno di tradizione e di devozione, ma soprattutto legato all’esorcismo delle tarantolate. Secondo la tradizione la tarantola mordeva chi indossava vestiti con colore sgargiante, per cui durante il rito la tarantolata strappava il colore odiato.

E per far conoscere le tradizioni, gli oggetti di un tempo, viene organizzata la mostra mercato itinerante che svela ricordi e curiosità, i primi per coloro che hanno vissuto con oggetti simili, i secondi per chi non ha mai visto gli ‘antenati’ ad esempio dei telefonini, o gli orologi a pendolo, grammofoni, lumi o utensili da lavoro, piuttosto che mobili, oggetti d’arte d’antiquariato e tanto altro. Ma soprattutto un’occasione di richiamo di coloro che amano l’antiquariato e sono sempre alla ricerca di ‘vecchie’ novità di pregio o oggetti vintage che hanno segnato epoche come gli anni Sessanta e Settanta.

Il progetto dell’associazione culturale “Zacaredde” di Ostuni, è stato accolto con un atto di giunta dell’Amministrazione comunale di Mesagne predisposto dal competente ufficio alle Attività produttive che ne riconosce la compatibilità con il regolamento comunale delle attività commerciali su area pubblica.

“L’appuntamento “Mesagne, vecchi tempi” rappresenta un’occasione di richiamo per gli appassionati del genere e una piacevole novità per la città tutta: si svolgerà in una via centrale, per l’occasione libera dal traffico veicolare per consentire di vivere al meglio l’iniziativa”, ha spiegato il sindaco Toni Matarrelli. Negli stessi giorni, lungo il viale interno della Villa comunale è prevista la presenza degli hobbisti locali, quindi collezionisti di monete, francobolli ed altro, da tempo attivi sul territorio con propri stand. La proposta ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio e le tradizioni locali attraverso lo scambio e la cessione tra privati di beni antichi e usati. Una pratica che allunga la vita delle “cose” che vengono così sottratte all’abbandono e allo smaltimento, si legge nella relazione di presentazione dell’assessore alle Attività produttive, Antonello Mingenti.