I documenti anagrafici potranno essere richiesti nelle edicole

  • In BARI
  • ven 10 Gennaio 2020
I documenti anagrafici potranno essere richiesti nelle edicole

Lo prevede una convenzione tra Comune, Snag e Confcommercio Bari-Bat

BARI - Documenti come lo stato di famiglia, il certificato di nascita, piuttosto che quello di residenza ed altri solitamente emessi dagli uffici di anagrafe e stato civile, potranno essere richiesti a Bari alle edicole. A partire dalle prossime settimane, si potrà andare nell’edicola più vicina per ottenere i documenti ed evitare code negli uffici comunali.

A consentire tutto questo è una convenzione, la prima nel nostro territorio, sottoscritta dal vice-sindaco di Bari Eugenio Di Sciascio, il direttore di Ripartizione del Comune di Bari Rosalba Cirillo, e il presidente dello Snag Bari (Sindacato autonomo dei giornalai) Antonio Losapio. Mentre la Confcommercio di Bari-Bat organizzerà i corsi di formazione.

Grazie a specifici corsi di formazione, le rivendite di giornali, abilitate dal Comune saranno dotate di propria identità digitale Spid, e così sarà possibile, accedere ad una serie di servizi della pubblica amministrazione, tra i quali l’emissione e la stampa di certificati di anagrafici. Una convenzione che permetterà al Comune di avere una rete capillare sul territorio dove il cittadino potrà svolgere velocemente le operazioni senza doversi recare agli sportelli comunali e alle rivendite di offrire ai propri clienti un nuovo servizio e valorizzare il ruolo delle edicole come “centri servizi per il cittadino”.

“Sicuramente lo Snag – spiega il presidente Antonio Losapio - continuerà a promuovere e sensibilizzare le edicole del territorio barese e pugliese, sul servizio oggetto della convenzione in quanto crediamo fermamente nell’utilità e nelle potenzialità di una rete tra le edicole. Abbiamo la necessità che le edicole si riconoscano e si strutturino in una rete in quanto solo così sarà possibile integrare e sviluppare altri progetti. Questa iniziativa, a livello nazionale rappresenta un primo passo, affinché le edicole vengano messe al centro dell’attenzione del mondo politico.”

Per gli edicolanti, in crisi come tutto il mondo dell’editoria, sarà una nuova opportunità, così come annuncia il direttore di Confcommercio Bari-Bat Leo Carriera, nonché la possibilità offerta agli Uffici Anagrafe di poter snellire un po’ di lavoro a vantaggio dei cittadini che eviteranno lunghe code per documenti che possono essere rilasciati in pochissimi minuti.

Le edicole offriranno nuovi servizi ed è questa “una iniziativa che ha come punti cardine il rinnovamento delle edicole, la creazione di un ulteriore canale comunicativo tra il Comune e i cittadini – ha sottolineato Carriera - Gli edicolanti del territorio di Bari e della Bat interessati ad attivare questo servizio, e quindi a frequentare i corsi di formazione necessari, possono contattare gli uffici provinciali di Confcommercio”.


Articoli più letti