Il premio Laudato Medico a due dottoresse pugliesi

  • In BARI
  • ven 29 Novembre 2019
Il premio Laudato Medico a due dottoresse pugliesi
A destra le due dottoresse pugliesi (foto concessa per la pubblicazione da Europa Donna Italia)

Sono una radiologa e una oncologa, rispettivamente di Bari e di Brindisi

BARI - Due donne, medici pugliesi, sono tra i quattro che a Milano, il 28 novembre 2019, hanno ricevuto il "Premio Laudato Medico – Umberto Veronesi", istituito da Europa Donna Italia. Sono le dottoresse Palma Fedele, della Breast Unit dell’Ospedale Perrino di Brindisi per la categoria degli oncologi, e Emanuela Garasto, della Breast Unit dell’ospedale San Paolo di Bari per la categoria dei radiologi.

Alle due specialiste pugliesi, insieme con i colleghi Giuseppe Di Martino, della Breast Unit dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Caltanissetta per la categoria dei chirurghi, e Simona Cristallini, della Breast Unit dell’Ospedale di Lucca, per la categoria dei radioterapisti, è stato riconosciuto il merito di essere, su indicazione e votazione dei pazienti, i più empatici, umani e disponibili in tutta Italia.

La loro capacità di rassicurare, con semplici parole, disponibilità a spiegazioni, dimostrandosi più comprensivi oltre che più vicini, insieme con tanta professionalità hanno stupito le pazienti affette da tumore al seno, da loro seguite, tanto da autoconvincerle, all'insaputa delle interessate, a segnalarle al premio nato propiro con lo scopo di promuovere e far esaltare l'umanizzazione della medicina nella pratica quotidiana, così come insegnava il professor Veronesi. Nelle quattro diverse categorie premiate, tre riconoscimenti sono andati a professioniste donne, due pugliesi che sono riuscite a distinguersi con caratteristiche positive non solo nel loro reparto, ma nell'intero ospedale, nella città, nella regione e in tutta Italia.

La sala conferenze del Palazzo Reale, in piazza del Duomo, ha visto introdurre l’edizione 2019 della cerimonia con la lettura, da parte dell’attrice Carla Signoris, di un brano di un libro dello stesso Veronesi intitolato "Una carezza per guarire” . In salta, oltre ai dodici finalisti, era presente il professor Rodolfo Passalacqua, responsabile scientifico del progetto di umanizzazione delle cure oncologiche “HuCare”, che ha dato un suo contributo alla riuscita della serata.

Alle due dottoresse pugliesi, oltre ai complimenti, l'augurio non solo di continuare su questa strada ma soprattutto di restare sempre in Puglia.

Altri articoli interessanti
"Quattro medici pugliesi finalisti al Premio Laudato Medico"