Primo ciak per un cortometraggio con protagonisti 4 attori pugliesi

Primo ciak per un cortometraggio con protagonisti 4 attori pugliesi

Si girerà tra Torre Santa Susanna e Ostuni il film con debutto alla regia di Francesca Schirru

OSTUNI - Quattro attori pugliesi, uno di ‘adozione’, fanno parte del cast del film “Di notte, sul mare” che segna il debutto alla regia di Francesca Schirru, al suo debutto in tale ruolo in quanto delegato di produzione di “Altre storie srl” di Roma, Da oggi a Torre Santa Sabina e Ostuni, sono iniziate le riprese del film breve “Di Notte, Sul Mare”, scritto e diretto dalla Schirru.

Protagonisti principali del cortometraggio sono Angela Curri, 26 anni di Noci, (serie TV “Braccialetti Rossi” e “La Mafia uccide solo d’estate”), il tarantino Nicolas Orzella, 25 anni, (“Il paese delle spose infelici”), l’altro tarantino Domenico Fortunato, 57 anni, (“Il male oscuro”, “Dimenticare Palermo”, “Spectre”, serie TV “Gente di mare” e “Rex”) e Arianna Gambaccini, marchigiana ma da anni trapiantata a Giovinazzo (cortometraggio “La giornata” sulla bracciante agricola morta di fatica nel 2015 ad Andria).

Prodotto da “Altre Storie” con Rai Cinema e il supporto di Apulia Film Commission, il team creativo include il direttore della fotografia Giorgio Giannoccaro, lo scenografo Francesco Scandale e la costumista Giulia Pagliarulo. L’organizzazione generale è affidata ad Antonio Alessi.

“Di Notte, Sul Mare”, con riprese nelle due località della Puglia (sino al 5 ottobre 2019), racconta la difficile storia d’amore tra Monica (Angela Curri) e Mattia (Nicolas Orzella). Quando in un incidente stradale rimane ucciso il diciannovenne Federico, Monica e Mattia sono due ragazzi innamorati e pieni di sogni. Il tragico evento, oltre a spezzare la vita del fratello di Monica, rompe irreparabilmente l’equilibrio delle loro giovani vite. Mattia decide di allontanarsi quindi dalla cittadina sul mare dove vivono, mentre Monica sceglie di rimanere per continuare a lavorare nel ristorante di suo padre Nunzio (Domenico Fortunato), un criminale di provincia, rimasto ormai solo. Tutto, o quasi, sembra essere tornato alla normalità. Ma il nuovo fragile equilibrio appena instaurato nelle loro vite sarà ben presto nuovamente sconvolto.

Il film breve fa parte del progetto di Altre Storie “i baby del cinema” nato per sostenere giovani registe e registi nella realizzazione dei loro primi film brevi: cortometraggi pianificati e prodotti come i lungometraggi, strategici sia per selezionare sia per valorizzare nuovi talenti italiani. A questo proposito il produttore di “Altre Storie”, Cesare Fragnelli, dichiara: “L'attenzione per il cinema è ormai prepotente nelle politiche di sviluppo della Regione Puglia e questo è sotto gli occhi di tutti nei risultati conseguiti dall’Apulia Film Commission. Il Cinema è finalmente visto non solo per Ie sue caratteristiche culturali, preziose e immancabili, ma anche per i suoi risvolti economici, con sviluppo di nuovi assetti imprenditoriali e professionali. E quando una Regione, che mi ha dato i natali, colloca l'industria culturale nel cuore del dibattito e della decisione pubblica come componente essenziale per un futuro migliore mi fa sentire orgoglioso, oltre a darmi l’importantissima possibilità, anche grazie a Rai Cinema, di scommettere su un autore del domani, contribuendo nel mio piccolo alla crescita culturale del nostro Paese. E così, finalmente, dietro la macchina da presa una ragazza di giovane età: Francesca Schirru. Tutto questo, diversamente, con politiche cieche, non sarebbe stato possibile. Viva il Cinema, Viva la Puglia!”

Sul debutto di Francesca Schirru, il direttore dell’Apulia Film Commission, Antonio Parente dichiara: “Siamo felicissimi di ospitare un tasso così elevato di qualità e di sperimentazione cinematografica. I cortometraggi, i lungometraggi e i documentari costituiscono per noi di Apulia Film Commission un asset diverso di sviluppo della nostra industria cinematografica, perché permette a diverse realtà di esprimersi in forma singolare. Siamo, inoltre, contenti della presenza di Rai Cinema all’interno di un ulteriore progetto che ospitiamo e al quale diamo tutti il nostro supporto e professionalità”.