Servizio civile, ecco le occasioni in Puglia

  • In BARI
  • lun 23 Settembre 2019
Servizio civile, ecco le occasioni in Puglia

Tante le associazioni e gli enti, persino i Comuni, della Puglia che hanno visto approvati per il volontariato

BARI - Oltre 2.500 giovani potranno effettuare servizio civile, remunerato, grazie a progetti che saranno sviluppati in Puglia nel 2020. Il Bando nazionale di selezione degli operatori volontari del Servizio Civile, per questa edizione, ha una importante novità (ma non è l’unica): si fa Universale, grazie alla possibilità di presentare domanda per 130 progetti, in più, all’estero con 951 posti a disposizione.

Il bando, pubblicato dal Dipartimento delle Politiche giovanili e del Servizio Civile Universale, punta a selezionare giovani operatori volontari per 39.646 posti in tutta Italia. In Puglia sono previsti 2.553 posti ordinari di cui 1.273 nelle sedi degli enti iscritti nell’Albo Puglia distribuiti in 185 progetti, 1.280 nelle sedi degli enti iscritti nell’Albo nazionale distribuiti in 131 progetti, 101 posti con “misure aggiuntive”. Fra i progetti all’estero, 38 sono stati presentati dagli enti iscritti nell’Albo Puglia o con sede legale in Puglia.

Le domande devono essere inviate esclusivamente online e fino alle ore 14 di giovedì 10 ottobre. È possibile presentare domanda di partecipazione per uno dei 3.797 progetti che si realizzeranno tra il 2019 e il 2020 su tutto il territorio nazionale o all’estero. I progetti hanno durata variabile tra gli 8 e i 12 mesi. La candidatura è riservata a giovani dai 18 ai 29 anni non compiuti al momento della presentazione della domanda, con cittadinanza italiana ma anche comunitari e extracomunitari regolarmente soggiornanti. Per gli universitari l'esperienza vale anche per il riconoscimento di crediti formativi da spendere nel corso degli studi.

La gestione on line delle procedure di partecipazione non è la sola novità ma, certamente, quella che più allarga e semplifica le modalità di accesso. La candidatura passa dalla piattaforma “Domanda on Line” (Dol), raggiungibile tramite computer, tablet e smartphone. Per accedervi bisogna dotarsi dello Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale, con un livello di sicurezza pari almeno a 2. Altra importante novità riguarda gli impegni settimanali che sono stati alleggeriti: i progetti avranno, infatti, una durata variabile tra 8 e 12 mesi, con un orario di servizio che si riduce, per la prima volta per tutti i volontar, da 30 a 25 ore settimanali e con un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1.145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi. Infine, per la prima volta dal 2001 il compenso è adeguato secondo la “variazione, accertata dall'Istat, dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati”, passando così da 433,80 a 439,50 euro al mese.

Per chi vorrà presentare la propria candidatura la piattaforma prevede tre sezioni (da completare): scelta del progetto, inserimento di propri dati e dichiarazioni, con la possibilità di allegare il proprio curriculum ed il tasto ‘Presenta la domanda’. Confermata e inoltrata la domanda on-line, che potrà essere solo una per tutto il Bando, sarà il Sistema di protocollo del Dipartimento ad inviare al candidato, tramite posta elettronica, la ricevuta di attestazione della candidatura con il numero di protocollo e la data e l’orario di presentazione della domanda stessa. La domanda va intestata all’associazione o ente scelto e va specificato il progetto per la candidatura così come va indicata la sede.

Anche quest’anno, per facilitare la partecipazione dei giovani e, più in generale, “per avvicinarli al mondo del servizio civile” è disponibile il sito dedicato "Scelgo il servizio civile". Agli enti che ospitano i volontari con i progetti di servizio civile compete l’obbligo di informare i giovani sugli elementi essenziali dei propri progetti e comunicare tutte le informazioni utili per le selezioni.

Al termine del Bando, gli enti dovranno concludere le procedure di selezione entro il 31 dicembre 2019, mentre gli avvii avverranno nelle date successivamente indicate dal Dipartimento e saranno completati entro il 30 aprile 2020. La scadenza, per tutti i bandi, è entro le ore 14 del 10 ottobre 2019. Il bando ordinario nazionale 2019 è pubblicato sul sito web del Servizio civile così come le varie offerte.

Di seguito varie offerte di associazioni ed enti pugliesi.
Anci Puglia seleziona 65 giovani volontari da impiegare in 5 progetti da realizzare nella sede di Bari e presso i Comuni di: Binetto, Canosa, Castrì, Collepasso, Corato, Cursi, Faggiano, Guagnano, Lequile, Neviano, Palagianello, Poggiorsini, Polignano a mare, Sammichele di Bari, San Cesario, San Ferdinando di Puglia, Specchia, Trepuzzi e Triggiano. I giovani selezionati da Anci Puglia saranno impegnati nei settori: integrazione sociale, lotta alla dispersione e abbandono scolastico e tutoraggio; educazione e promozione culturale, accesso ai servizi informatici e valorizzazione e promozione del territorio. La durata del servizio è di 12 mesi, con un impegno settimanale di 30 ore. I candidati dovranno presentare domanda esclusivamente attraverso la piattaforma Domande on Line (Dol). Nella sezione Top news del portale internet dell’Anci Puglia è possibile consultare le schede di sintesi dei Progetti Anci Puglia con tutti i relativi elementi essenziali. Ulteriori informazioni potranno essere richieste direttamente ad Anci Puglia, via Marco Partipilo 61 a Bari, e-mail serviziocivile@anci.puglia.it– tel 080 5772316.

All’Asl Foggia sono previsti 50 volontari per quattro progetti che saranno realizzati nelle sedi aziendali di Foggia, Manfredonia, Monte Sant’Angelo, San Marco in Lamis, Lucera, Cerignola e San Severo. Per informazioni ci si può rivolgere all'Ufficio Servizio Civile Nazionale Asl Fg-Welfare Comunitario e Innovazione Sociale tel. 0881.884528, inviando un email a serviziocivile@aslfg.it o visitando il sito dell'Asl Fg.

Pure l'Asl Lecce è pronta ad arruolare 47 giovani volontari per essere “Al servizio del cittadino”. Ai giovani selezionati e impegnati per un anno (25 ore settimanali per 5 giorni a settimana) sarà chiesto accogliere e accompagnare gli utenti nei percorsi assistenziali dei Distretti Socio Sanitari. In più, i volontari entreranno nei sei ospedali della Asl e potranno anche scoprire come funzionano la Direzione Generale e l’Ufficio Relazioni con il Pubblico. Proprio il “contatto” con gli ospedali sarà il valore aggiunto del progetto, rientrando nel filone del percorso “Hospitality: curare i luoghi di cura”, su cui la Regione Puglia e le Asl pugliesi, a partire da quella di Lecce, stanno ponendo particolare cura e attenzione. Sul sito web dell'Asl Lecce ulteriori informazioni.

La Fondazione Ant mette a disposizione dei giovani maggiorenni con meno di 29 anni, 46 posti in 20 sedi, per il progetto “AvANTi tutta! Insieme per agire, costruire, crescere” della durata di 12 mesi con un orario pari a 25 ore settimanali per l’impiego temporaneo in varie attività, tra le quali: la diffusione della conoscenza della Fondazione, la realizzazione di campagne di raccolta fondi ed eventi, lo sviluppo dei programmi di prevenzione oncologica, la ricerca di nuovi sostenitori, la gestione amministrativa e il “Servizio Famiglie” per la consegna dei presidi ai nostri assistiti (nelle sedi in cui è presente). Tutte le informazioni sul progetto sono sul sito di Fondazione ANT. I ragazzi pugliesi potranno scegliere tra le sedi di Bari, Molfetta, Foggia, Lecce e Taranto.

Sono 4 i volontari ricercati dal Comune di Barletta per il progetto "Equofront" con l'obiettivo di superare il concetto di tolleranza per sostituirlo con quello di “cittadinanza”, favorendo l’integrazione, l’accesso ai servizi e limitando le condizioni di disagio ed emarginazione che possono poi sfociare in situazioni di devianza sociale e violenza. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere al Settore Servizi Sociali in piazza Aldo Moro 16 (telefono
0883/516747-749) oppure inviando un'email a servizisociali.ruggiero@comune.barletta.bt.it. 

Il Comune di Locorotondo con il progetto “Costruire partecipazione 2019” vedrà impegnati 10 giovani in attività, quali: supporto alla comunità scolastica, affiancamento in attività di inclusione con bambini diversamente abili e con bisogni educativi speciali; collaborazione in progetti di inclusione sociale e sviluppo di buone pratiche avviati sul territorio dall’Amministrazione comunale locale Comune di Locorotondo. I moduli per la presentazione della domanda si possono reperire sul sito Progetto Costruire Partecipazione 2019. Per ulteriori informazioni è possibile sulla pagina web o rivolgersi a Arci Martina Franca dal lunedì al venerdì, dalle ore 16.30 alle ore 19.30 e mercoledì mattina dalle ore 10 alle ore 12, telefono 0804807104.

Il Comune di Putignano offre invece la possibilità a 15 giovani di effettuare il volontariato in quattro progetti nell’ambito della cultura, del sociale e del monitoraggio dell’inquinamento ambientale. Più nel dettaglio 4 posti sono per il progetto al Museo; altri quattro all’Urp; altri quattro ai servizi sociali e tre all’Ufficio Ambiente. La durata del servizio è di 12 mesi. È possibile candidarsi, presentando relativa domanda, per uno solo dei 4 progetti previsti e consultare le schede dei progetti sul sito istituzionale al seguente. Ulteriori informazioni sono pubblicate sulla pagina web del Comune di Putignano. Per assistenza nella compilazione della domanda è possibile rivolgersi presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico, in via Roma n. 10, dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 14 e il giovedì dalle 16 alle 19, o contattare il numero 080.4056307 e chiedere di poter avere informazioni in merito alla domanda di Servizio Civile. Per l’occasione, inoltre, gli operatori volontari del Progetto Pianeta Giovani 2017 organizzano, presso l’Ufficio URP dalle 9 alle 13 un seminario il 25 settembre per il supporto alla compilazione della domanda on-line su apposito portale.

Il Comune di Troia partecipa con un progetto dedicato agli anziani (“Immagini della memoria”), destinato al miglioramento delle condizioni di vita degli anziani, e che impiegherà, complessivamente 6 volontari che saranno impegnati nella raccolta di dati, immagini, oggetti, attrezzi antichi. Il materiale sarà utilizzato per la creazione di un Museo delle arti e mestieri popolari. Ulteriori informazioni sono sul portale della Provincia di Foggia.

L’Università degli Studi di Bari, da 10 anni accreditato ente di I classe nell’Albo Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha visto approvati e finanziati i seguenti Progetti di Servizio Civile: “BiblioUniba” per 49 posti e “Diversamente Civili” per 37 posti, aventi come sede le Biblioteche e gli Uffici dislocati presso le varie strutture universitarie di Bari e Taranto, mentre per l’estero (per un totale di altri 26 volontari): “Vol@Uniba_Israele per 8 posti a Gerusalemme; “Vol@Uniba_SudAmeica” per 14 posti a Lima (in Perù), Quito (in Ecuador) e Belo Horizonte (in Brasile) ed altri 4 posti con “Vol@Uniba_SanMarino” nella Repubblica di San Marino. Per ulteriori informazioni basterà consultare il sito web dell’Università di Bari.