Un’immensa opera scultorea del maestro Genco al Museo Ribezzo

Un’immensa opera scultorea del maestro Genco al Museo Ribezzo

Sarà visitabile sino a gennaio “Promenade” la creazione dell’artista a tutto tondo di Putignano

BRINDISI - Duecento sculture realizzate in ceramica e ferro raffiguranti uomini in cammino è la maestosa opera installata a Brindisi, nel giardino che mette in comunicazione il Museo Archeologico “Ribezzo” con l'ex chiesa di Santa Chiara, sede del presidio di lettura, ed inaugurata il 20 settembre.

L’opera realizzata da Nicola Genco e intitolata “Promenade” ha dato vita ad una mostra curata da Lia De Venere che ha curato il catalogo in cui scrive che “le strane figure che in ordine sparso attraversano il giardino che collega museo e presidio di lettura, sono le immagini di uomini, venuti da lontano o andati lontano, solcando mari e fiumi, scalando alture impervie, percorrendo pianure e foreste, attraversando ponti, scavalcando muri. Sono le ombre di coloro che hanno fatto di un luogo estraneo la propria dimora, che hanno incontrato la diversità e sono essi stessi diventati diversi. Teste e busti di ceramica bianca, fragili e preziosi al tempo stesso, per dire che mente e cuore sono le sedi della conoscenza e dei sentimenti; come gambe lunghi ed esili tondini di ferro arrugginito affondati nel terreno a simboleggiare la durata e la durezza del cammino, ma anche la determinazione e la tenacia con cui l’hanno affrontato”.

Nicola Genco, scultore di Putignano classe 1959, riunisce così la moltitudine di creature in una terra di mezzo, in una sorta di guado tra due sponde con l’intento di mettere in luce e porre attenzione al valore inestimabile dell’incontro di culture, le relazioni umane, lo scambio delle idee e delle esperienze. I volti dei viandanti, sinteticamente modellati, impediscono di individuarne genere, età, etnia. Sono solo persone che vanno decise e incontro all’altro, anche per conoscere meglio se stessi.

L’installazione resterà visibile sino al 6 gennaio 2020, ed è questa una delle tante opere dell’artista putignanese che è anche grafico, designer, pittore, fotografo, un artista visivo a tutto tondo. In tutte le sue creazioni è sempre palese l’interesse per i diversi aspetti della natura, così come il rapporto vivo e forte con la materia; frammenti di mondi diversi attraverso la sintesi creativa danno vita a opere d'arte caratterizzate dalla ibridazione di più materiali.