Sub non vedenti effettueranno una speciale pulizia nei fondali marini

  • In FOGGIA
  • ven 06 Settembre 2019
Sub non vedenti effettueranno una speciale pulizia nei fondali marini

Con l’iniziativa di “Albatros” e Parco Nazionale del Gargano a cui parteciperà il presidente Emiliano

ISOLE TREMITI - Dieci speciali sub effettueranno una pulizia dei fondali delle Isole Tremiti. Libereranno il fondo del meraviglioso mare che circonda le isole Diomedee da plastica e quant’altro minaccia l’ambiente marino. I sub sono speciali non solo per questa inziativa che effettueranno ma perché non vedenti. Graie all’associazione pugliese “Albatros-Progetto Paolo Pinto” hanno imparato a non temere il buio dei fondali marini, ad usare le bombole e soprattutto ad orientarsi.

Ora una nuova esperienza, quella di raccogliere i rifiuti e ripulire i fondali del mare. Lo faranno in un immersione speciale che vedrà la partecipazione pure del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Ad accompagnarlo, tra le meravigle del patrimonio sommerso dell’Area Marina Protetta da sentire con il tatto, insieme con le guide formate proprio dall’Ente Parco Nazionale del Gargano, ci sarà Emiliano, che dopo un apposito corso di formazione effettuerà la sua prima immersione al buio.

“Tanti anni fa quando accompagnai lo stesso gruppo di sub non vedenti a fare immersioni sotto un lago ghiacciato in Piemonte - racconta Michele Emiliano - promisi che prima o poi mi avrebbero aiutato a conoscere il mare con il loro sguardo. E quando ho saputo di questa iniziativa alle Isole Tremiti, uno dei tesori ambientali più importanti della Puglia e d’Italia, ho capito che era giunto il momento di mantenere la promessa. Non potevo far più finta di non vedere”.

La giornata di pulizia dei fondali denominata proprio “Non far finta di non vedere”, la prima di questo genere in Italia, servirà a sensibilizzare in maniera molto più efficace al rispetto dell’ambiente marino e ad uso sempre più limitato della plastica, specie alle Tremiti che per prime in Italia ne hanno bandito l’uso.

“Quando alla tutela ambientale si affianca l’inclusione sociale - dichiara Pasquale Pazienza, presidente del Parco Nazionale del Gargano - la provocazione diventa ancora più forte nei confronti di chi, pur senza barriere, non riesce a guardare nella direzione giusta. Invertire la rotta è diventata una necessità, ormai non più rimandabile, per la nostra vita e per quella delle generazioni future”.

L’evento, organizzato dall’Ente Parco Nazionale del Gargano e dall’Associazione Albatros, rientra tra gli appuntamenti celebrativi del Trentennale dell’Area Marina Protetta. Nei mesi di luglio ed agosto i fondali delle isole sono stati costantemente ripuliti, sia grazie all’attività del ‘battello spazzamare’ donato dal Ministero dell’Ambiente e rientrato in funzione quest’anno, sia grazie a #CLEANUP2019, l’iniziativa di successo che il Parco Nazionale del Gargano ha affidato al diving Marlin Tremiti e che ha visto la numerosa partecipazione di sub e turisti provenienti da ogni parte del Paese.

L’immersione, in programma oggì 6 settembre alle ore 17, sarà preceduta da un incontro con la stampa a cui parteciperà, oltre che il presidente Emiliano e rappresentanti dell’associazione e autorità locali, anche Vladimir Luxuria, già testimonial e sub brevettata dell’Associazione dedicata alla memoria del grande campione Paolo Pinto.

“Abbiamo voluto esaudire il sogno di mio marito - racconta la presidente di Albatros Angela Costantino. Paolo è stato campione del mondo di gran fondo ed è rimasto senza vista negli ultimi due anni di vita. Ma questo non gli ha impedito di continuare ad amare il mare, tanto che ogni volta che ci entrava diceva: ‘Riesco finalmente a vedere’. Di qui l’idea di consentire ad un numero sempre maggiore di non vedenti di godere con altri sensi dell’immenso patrimonio custodito nel nostro mare”. Fino ad oggi l’associazione ha formato oltre 100 istruttori e 150 sub non vedenti in tutta Italia e da anni collabora con il Parco Nazionale del Gargano e l’Area Marina Protetta delle Isole Tremiti per la formazione di guide specializzate proprio nella promozione sociale delle attività subacquee per non vedenti e disabili motori.

A celebrare i 30 anni dell’Area Marina Protetta sarà anche l’ottima musica del Tremiti Music Festival, in programma sino al 7 settembre 2019, promosso da Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese e Puglia Sounds, con grandi interpreti del jazz internazionale.

Altri articoli interessanti
"Un corso per guide sub per non vedenti, era il sogno di Paolo Pinto"