Per il decoro e l'igiene della città formati cinque vigili ecologici

Per il decoro e l'igiene della città formati cinque vigili ecologici

Dipendenti Amiu con agenti di Polizia Locale per far rispettare le norme sul conferimento dei rifiuti

TARANTO - Cinque nuovi vigili ecologici prenderanno presto servizio a Taranto e controlleranno il territorio cittadino per stanare abusi e irregolarità in materia di decoro e igiene urbana. Gli speciali ‘vigili’, che affiancheranno quelli veri della sezione ambientale della Polizia Locale, hanno seguito un corso di formazione tenuto da funzionari del corpo di Polizia Locale che, per questa occasione, hanno vestito i panni di docenti. I vigili ecologici scenderanno in strada per informare ma anche denunciare tutte quelle azioni e cittadini che non rispettano il regolamento in tema di pulizia di strade e marciapiedi e di conferimento dei rifiuti e della differenziata.

«Il percorso formativo che abbiamo avviato con il progetto dei vigili ecologici – ha dichiarato il presidente Amiu Calroalberto Giusti – ha un duplice scopo: qualificare ulteriormente il personale, che in questo modo acquisisce competenze specifiche arricchendo la platea dei servizi offerti dall’azienda, e rispondere alla specifica esigenza manifestata dal socio, un upgrade delle capacità di controllo del territorio che integri l’ottimo lavoro già svolto dalla Polizia Locale».

Si parte con 5 unità, che affiancheranno altrettanti agenti per affinare la formazione ricevuta, ma l’idea è quella di arrivare ad un totale di 15 vigili ecologici con l’obiettivo finale di costituire un corpo autonomo dotato di mezzi di trasporto e telecamere. Lo scopo è quello di dare a questo servizio una funzione deterrente che contribuirà alla diminuzione degli abusi (abbandono ingombranti, conferimento fuori orario, ecc.) e al conseguente risparmio di risorse umane ed economiche necessarie per ristabilire il decoro in città.

Il comandante Michele Matichecchia ha sottolineato come l’esperienza maturata dalla sezione “Ambientale” della Polizia Locale nel controllo del territorio, dietro l’impulso dell’assessore Gianni Cataldino, abbia già dato ottimi risultati, nonostante le risorse umane siano appena sufficienti. Lo scopo non è solo punire i trasgressori colti in flagrante o individuati con l’aiuto di cittadini che tengono ad una città più pulita. La presenza dei vigili ecologici e l’attività della Polizia Locale sono elementi di una strategia mirata ad aumentare la percezione della presenza dell’Amministrazione sul territorio.

Al termine della presentazione, i vigili ecologici Amiu e agenti della sezione “Ambientale” della Polizia Locale hanno compiuto una prima prova generale in via Messapia, nei pressi dell’ufficio del Giudice di Pace, postazione tristemente nota per il continuo abbandono di rifiuti ingombranti. Sul posto sono stati raccolti elementi per risalire agli autori del conferimento abusivo, coinvolgendo anche gli abitanti della zona.