La giovane ranista Pilato batte il record italiano dei 50 metri

La giovane ranista Pilato batte il record italiano dei 50 metri

A luglio sarà in Corea per i mondiali e, con la sua giovane età, ha già battuto un nuovo record

TARANTO - La giovanissima e promettente nuotatrice tarantina continua a meravigliare, a incantare, a far sognare ma soprattutto a nuotare. A Roma, agli Internazionali di Nuoto - 56° Trofeo Settecolli, la 14enne Benedetta Pilato ha realizzato il nuovo primato italiano nei 50 metri rana concludendo la gara in 30" 13 (il precedente era di 30" 30 realizzato nel 2018 da Arianna Castiglioni).

Ad aprile, l'atleta allenata da Vito D'Onghia, durante gli assoluti di Riccione ha conquistato, sempre nei 50 rana, il pass per i Mondiali di Gwangju in Corea dove sarà a luglio 2019. La partecipazione ai mondiali sarà già il primo record della gara mondiale in quanto sarà la più giovane gareggiante italiana ai mondiali sino ad oggi, battendo di qualche mese Federica Pellegrini che debuttò in staffetta nel 2003 all'età di 14 anni e 11 mesi. Benedetta Pilato parteciperà ai primo mondiali con i suo 14 anni e 6 mesi e sicuramente si farà notare ancora una volta.

Nella gara del 22 giugno 2019 all'arrivo era incredula, quando ha visto il tempo registrato a fine gara si è commossa e ha pianto. Nonostante la sua giovane età appare più matura anche perchè è una grande studiosa. Ha appena terminato il primo anno del liceo scientifico all'istituto Principessa Maria Pia di Taranto con una media di voti molto alta. I suoi primi sostenitori sono i genitori, il padre, militare della Marina di stanza a Grottaglie, e la mamma commessa che ogni giorno l’accompagna a scuola e in piscina a Pulsano dove ad allenarla c’è Vito D’Onghia e da qualche anno il supervisore Max Di Mito, primo mentore di Federica Pellegrini, ora trasferitosi in Puglia.

Alla notizia degli ultimi successi di Benedetta Pilato il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci ha voluto partecipare inviando i complimenti pubblici da parte sua e di tutta l'Amministrazione comunale. "Questo traguardo è il frutto del lavoro quotidiano denso di sacrifici e soddisfazioni al quale hanno contribuito la famiglia e l'allenatore Vito D’Onghia con il suo staff – scrive in una nota stampa il primo cittadino Melucci - contributo fondamentale per il quale mi permetto di esprimere gratitudine a nome della città intera. Lo studio, lo sport, la cultura sono basi solide sule quali costruire il futuro della nostra città. Se tanti ragazzi, proprio in questi giorni, stanno riempendo festosamente Taranto per i campionati italiani under 16 di basket, se Benedetta porta Taranto alla ribalta dello sport nazionale, allora significa che il futuro troverà sostegno su quelle basi. Grazie Benedetta, grazie ragazzi. Il vostro impegno e il vostro entusiasmo, vi assicuro, stanno già seminando quel seme che contagerà presto e positivamente la nostra terra”.

A Benedetta Pilato non resta che augurare di continuare a nuotare come ha sempre fatto regalando ai tarantini e ai pugliesi tutti altre grandi soddisfazioni, record e medaglie.


Articoli più letti