Per il film più bello Assocastelli mette a dispozioni dimore storiche

  • In BARI
  • lun 24 Giugno 2019
 Per il film più bello Assocastelli mette a dispozioni dimore storiche
(foto tratta dal sito web https://assocastelli.it)

Presentato il progetto nato da un’idea di Regione Puglia, Apulia Film Commission e Assocastelli

BARI - Un progetto per "Il film più bello: la Puglia" che, insieme con l'associazione "Assocastelli", consentirà di far conoscere Palazzi, Dimore e Castelli privati della Puglia a disposizione per scenari, set e location per film. Al momento sono 25 gli associati ma, come afferma il presidente Ivan Drogo Inglese "contiamo di arrivare presto a quota 50, in modo da continuare a valorizzare le identità. Abbiamo già un’offerta molto variegata, vogliamo favorire il matching tra offerta e domanda. Andremo anche al festival di Venezia con un evento dedicato per la presentazione delle location”.

Il nuovo progetto denominato “Il film più bello: la Puglia” è stato presentato dalla Regione-Assessorato all’Industria del turismo e della cultura e da Apulia Film Commission (Afc) ed è nato proprio con lo scopo di mettere a disposizione le strutture per le produzioni cinematografiche che arrivano in Puglia, con un servizio di indicazioni tecniche e operative per gli autori e per chi allestisce i set, in modo da orientare le scelte scenografiche. Per chi volesse saperne di più basta visitare il portale web di Assocastelli. Tra gli edificici già disponibili ci sono Palazzo Accolti Gil e il Castello Marchione entrambi a Conversano, Villa Ciardi a Bisceglie, in Valle d'Itria Masseria Tagliente a Martina Franca, in Salento Castello di Casamassella (vicino ad Otranto), il Palazzo Ducale di Alessando e il Castello di Ugento.

“Il rapporto con le associazioni di categoria – ha spiegato il direttore di Apulia Film Commission, Antonio Parente – è per noi strategico. E’ fondamentale interagire con i soggetti aggregatori, in modo da favorire l’arrivo di nuove produzioni in Puglia. Spesso le dimore storiche e i beni culturali diventano tratti identitari delle regioni dove si girano film e questo è già successo in Puglia. Intendiamo continuare su questa strada anche con l’aiuto di associazioni come Assocastelli”.

Per l’assessore regionale Loredana Capone “Assocastelli” consentirà una mappatura dal Gargano al Salento e “permetterà anche di sviluppare un originale e intrigante attività di business to business, a partire dalla Mostra del cinema di Venezia dove sarà presente anche Afc. Progetti come questo a disposizione di registi e autori ci permettono di percorrere l’ultimo miglio della strategia regionale per la promozione della cultura, dell’economia e del turismo. Abbiamo triplicato gli investimenti nel cinema, investendo soprattutto nelle nuove professionalità che un tempo non esistevano in Puglia. Ora ci sono i cineporti e società con talentuosi esperti di casting e location e infine puntiamo molto sul cineturismo, che è una chance che non vogliamo perdere”.

Insomma l'iniziativa non solo consente a chi è interessato di 'girare' film in Puglia di avere un elenco preciso di palazzi, dimore e castelli storici disponibili per riprese, ma anche di conoscerle e, magari, di innamorarsene al punto da scrivere storie legate al particolare edificio così come alla località che la ospita in modo da conoscere meglio e più a fondo un'altra parte della Puglia.