Una festa per celebrare i due siti Unesco di Monte Sant’Angelo

  • In FOGGIA
  • ven 21 Giugno 2019
Una festa per celebrare i due siti Unesco di Monte Sant’Angelo

Dedicato soprattutto ai bambini coinvolgerà numerosi cittadini in laboratori e visite guidate gratuite

MONTE SANT'ANGELO - Per festeggiare i due riconoscimenti Unesco, nella città di Monte Sant’Angelo il 22 giugno 2019 ci saranno eventi per celebrare la bellezza della natura, con le faggete vetuste nella Foresta Umbra (2017), e quelle ad opera dell’uomo, con le tracce longobarde nel Santuario di San Michele Arcangelo (2011). Una iniziativa che prevede vari appuntamenti e a cui è stato dato il titolo di “ Monte Sant’Angelo Longobarda”.

I due patrimoni dell’umanità sono unici per storia, ma anche per luce, condizioni atmosferiche e accoglienza proprio come scriveva il critico letterario e accademico toscano Antonio Tabucchi: “Ci sono giorni in cui la bellezza gelosa di questa città sembra svelarsi: nelle giornate terse, per esempio, di vento, quando una brezza che precede il libeccio spazza le strade schioccando come una vela tesa. Allora le case e i campanili acquistano un nitore troppo reale, dai contorni troppo netti, come una fotografia contrastata, la luce e l'ombra si scontrano con prepotenza, senza coniugarsi, disegnando scacchiere nere e bianche di chiazze d'ombra e di barbagli, di vicoli e di piazzette”.

Parole che non possono che invitare a visitare questi luoghi speciali al punto che l’Unesco ha stabilito che dovranno essere per sempre tutelati.

Parole ricordate dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, durante la presentazione del doppio evento commemorativo previsti per il 25 giugno e il 7 luglio che sarà preceduto dalla “Notte bianca del patrimonio culturale”, dalle ore 19 del 22 giugno, con musei e monumenti aperti fino alle ore 21 con visite guidate gratuite (per questioni organizzative è però necessaria la prenotazione al numero di telefono 0884.562062 o via email a infopoint@turismomontesantangelo.it). Il 25 giugno si ricorderanno gli otto anni dal riconoscimento delle tracce longobarde e la conseguente iscrizione del Santuario di Monte Sant'Angelo nel sito seriale “ i Longobardi in Italia. I luoghi del Potere (568-774 d.C)”, per cui il 24 e il 25 giugno sono previsti numerosi laboratori per ragazzi. Il 7 luglio, invece, ci sarà “ Una notte in Foresta” lunga passeggiata notturna e guidata tra le Faggete Unesco, ricorderà il secondo riconoscimento (anche per questa esperienza è necessario prenotarsi al numero 0884.562062).

Per Emiliano “la bellezza è qualcosa d’immateriale, qualcosa che non si può misurare col centimetro; la bellezza è stupore, è quel sentimento in grado di dilatare il tempo della felicità.

Io credo che celebrare i due riconoscimenti dell’Unesco per questa città, voglia dire per noi tutti rinnovare il patto antico dei pugliesi con la bellezza, vuol dire impegnarsi, ciascuno col ruolo che gli compete, a custodirla dalle brutture del nostro tempo, vuol dire educare le nuove generazioni a costruire il proprio avvenire confidando nei suoi valori. Una bellezza, quella di Monte Sant’Angelo, capace di farci conoscere nel mondo e capace di far giungere il mondo da noi, nella piena consapevolezza di essere da sempre una terra ospitale e accogliente, che non rinuncia ad essere una finestra spalancata sul Mediterraneo”.

Protagonisti della grande festa popolare saranno i più piccoli cui sono dedicati due interi giorni di laboratori. Due giorni per incuriosirli, per far conoscere, amare, imparare, giocando, la storia dei luoghi che vivono al fine di farli sentire responsabili di un bene che è soprattutto loro e di cui dovranno prendersi cura e valorizzarlo.

Alla presentazione degli eventi commemorativi era presente pure l’assessore regionale all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone, che ha ricordato quanto il borgo di Monte Sant’Angelo “unico, ricco di storia, di fascino si appresta a festeggiare la ricorrenza di due importanti riconoscimenti Unesco che rappresentano un vanto per l’intero territorio pugliese”.

“Monte Sant’Angelo Longobarda” è promossa dall’Assessorato alla Cultura, turismo, istruzione della Città di Monte Sant’Angelo, dall’Assessorato all’Industria turistica e culturale della Regione Puglia, dall’Ente Parco Nazionale del Gargano, dall’Associazione Italia Langobardorum in collaborazione con Pro Loco, Legambiente, C’era una volta, Monte Sant’Angelo Francigena, Ecogargano, Padri Micheliti del Santuario di San Michele Arcangelo.