Per i 18 anni de 'Il Libro possibile' il tema è il passo dell'umanità

  • In BARI
  • ven 14 Giugno 2019
Per i 18 anni de 'Il Libro possibile' il tema è il passo dell'umanità

Tanti ospiti per tanti generi di cultura e approfondimenti, con graditi ritorni nelle piazze per 4 giorni

POLIGNANO A MARE - Compie diciotto anni la kermesse culturale “Il libro possibile” di Polignano a mare, ormai considerata la più importante del Mezzogiorno. Come sempre saranno le piazze a far da cornice all’evento e al prestigioso parterre d’ospiti, sei le piazze del suggestivo centro storico chi si trasformeranno in palcoscenici culturali: piazza Aldo Moro, piazza San Benedetto, piazza dell’Orologio, vico Porto Raguseo, Balconata Santa Candida, Via Mulini. Dal 3 al 6 luglio, 2019 a Polignano a Mare il Festival “Il libro possibile”, ospiterà grandi nomi di scrittori, giornalisti, politici, attori e personaggi del mondo dello spettacolo pronti a raccontare di sé o di ispirazioni o fatti realmente accaduti riportati nei loro libri.

Tra gli ospiti più attesi l’astronauta Paolo Nespoli, Roberto Saviano, il giornalista-conduttore Andrea Purgatori, il geologo Mario Tozzi, lo scrittore inglese Richard Mason, il trio femminile per una serata ‘vista’ dalle donne sulla sotria di una società che abbraccia diverse etnie e religioni con la bosniaca Diana Bosnjak Monai, la serba Tijana Djerkovic e la bulgara Zdravka Evtimova e poi la pugliese Gabriella Genisi, l’attrice bitontina Bianca Guaccero, l’attore andriese Riccardo Scamarcio, il magistrato barese Gianrico Carofiglio, e ancora l’attore e scrittore Fabio Canino, Vladimir Luxuria, il registra e drammaturgo Ascanio Celestini, le conduttrici Rita Dalla Chiesa e Barbara Palombelli, ci sarà chi renderà omaggio a personaggi simbolo dell’Italia come Giorgio Armani, Pietro Mennea e Berto Ricci, tra gli argomenti anche la mafia, politica, nuove frontiere di internet, economia, storia, cucina, felicità, amore e i 50 anni dell’allunaggio (avvenuto il 20 luglio 1969). Presente, ormai ospite fisso, Dario Vergassola con le sue interviste impossibili.

Il tutto girerà intorno al tema della XVIII edizione “Il Passo dell’umanità”, per un omaggio al primo sbarco sulla Luna, di cui a luglio ricorre il cinquantesimo anniversario. Il primo passo dell’uomo in un “universo” fino ad allora solo sognato diventerà punto di partenza per un confronto sulle grandi questioni che hanno attraversato la storia e su quelle che ci attendono nel futuro.

Il 6 luglio il vice presidente esecutivo e Ceo, Marco Tronchetti Provera e il giornalista Enrico Mentana saranno insieme sul palco a dialogare sul tema del festival rispondendo alle domande del pubblico, moderati da Dario Vergassola. Antonio Calabrò, direttore della Fondazione Pirelli (sponsor della kermesse), che presenterà “Umanesimo industriale. Antologia di pensieri, parole, immagini e innovazioni” volume di prossima pubblicazione.

Direttrice artista del festival “Il libro possibile”, nonché ideatrice dell’evento di successo, la docente Rosella Santoro. In continuità con quanto fatto nel 2018, il Festival avrà anche finalità benefiche e solidali, sosterrà il progetto della Regione Puglia Dona Emozioni, per la sensibilizzazione alla ‘cultura del dono’, di organi e sangue. In collaborazione con l’Istituto Acustico Maico di Bari, verrà inaugurato lo spazio “I miei passi nel silenzio”. Protagonisti di una tavola rotonda sul tema: il dott. Michele Cassano, primario di Otorinolaringoiatria all’Ospedale di Foggia, Marilena Abbatepaolo, consigliere comunale di Polignano a Mare e presidente della commissione cultura e il giovane cantautore Roberto Valenza, in arte Shago. Il Festival sosterrà e darà voce, infine, all’Ircss De Bellis di Castellana Grotte (istituto di ricovero a carattere scientifico specializzato in gastroenterologia), centro di eccellenza italiana per la ricerca antitumorale. Sarà l’occasione per scrivere ‘virtualmente’ il libro della ricerca in ambito sanitario. Illustrare come sia possibile essere parte integrante dei più importanti scenari della ricerca internazionale, valorizzando le risorse umane del territorio, diminuendo l'emorragia dei giovani talenti figli della nostra Terra, ottimizzando quelle economiche, aprendosi alla internazionalizzazione delle collaborazioni scientifiche. In questo scenario l'Irccs "Saverio de Bellis" si pone come un esempio virtuoso di ricerca medica, come punto di riferimento non solo dell'ambito regionale e nazionale, dimostrando con i fatti che in Puglia si può” - Prof. Gianluigi Giannelli, direttore scientifico dell'Ente.

Pirelli al Festival.

Tante le novità della XVIII edizione, tra queste, la media partnership di Sky TG24 che racconterà l’evento con collegamenti dalle piazze principali e interviste ai protagonisti della kermesse. Il 23 giugno, si terrà una speciale anteprima del Festival con Richard Powers, Premio Pulitzer 2019 per il romanzo “Il sussurro del mondo”, un appassionato atto di resistenza e impegno, un inno d’amore alla letteratura, al potere delle storie, alla grandiosità della natura.

Il 3 luglio la kermesse si aprirà con una serata dedicata alla Luna e con ospite l’astronauta italiano Paolo Nespoli, in orbita tre volte nello spazio per un totale di quasi un intero anno solare, intervistato da Marta Meli.

Il geologo Mario Tozzi e il musicista Enzo Favata, poi, porteranno a Polignano a Mare lo spettacolo “Il Mediterraneo: la nascita del mito”, dall’incontro tra uno scienziato e un artista scaturisce un affresco inedito del Mediterraneo, della Sardegna e del mito di Atlantide, un film senza immagini raccontato con le parole e i suoni, nel quale prendono forma paesaggi arcaici e ricerca scientifica, rivelando allo spettatore una geografia antica, sepolta nella stratificazione delle ere geologiche e preistoriche.

Il 4 luglio lo svedese Bjorn Larsson, appassionato velista e scrittore tra i più seguiti in Italia, presenterà il suo ultimo romanzo “La lettera di Gertrud”. Il 6 luglio, ci sarà Richard Mason, indimenticata firma di “Anime alla deriva” e del “Respiro della notte”. Lo scrittore inglese di origini sudafricane, sul palco del Festival, illustrerà in anteprima il progetto a cui sta lavorando: una serie TV internazionale su Michelangelo, per testimoniare il grande passo in avanti che l’umanità deve al suo genio e al suo coraggio.

Nella sezione “Il passo degli altri” verrà inaugurata la rassegna “I crocevia. Scritture, pensieri e voci dai Balcani”, per conoscere e raccontare tradizioni, storia e bellezza dei Paesi dell’altra sponda dell’Adriatico, che sono stati la culla dell’Europa di frontiera di oggi. La prima edizione, tutta al femminile, avrà al centro il tema della bellezza: la bellezza delle città, ferita dalle guerre e dalle vicende che hanno attraversato il Novecento. Ospiti saranno la bosniaca Diana Bosnjak Monai con “Da Sarajevo con amore. Diario dell’assedio”; la serba Tijana Djerkovic con “Il cielo sopra Belgrado”; la bulgara Zdravka Evtimova con “La ragazza che mangiava poesie” per raccontare la storia di una società che abbraccia etnie, religioni, lingue e tradizioni diverse in continuo dialogo/scontro sotto lo stesso tetto. Nell’occasione saranno, inoltre, presentati in anteprima nazionale i nuovi lavori di Diana Bosnjak Monai, “A te che hai guardato muta”, e Tijana Djerkovic, “La regina dei cornetti salati”.

Attesissimo il ritorno di Roberto Saviano, per la prima presentazione in Puglia di “In mare non esistono taxi”, edizione illustrata in cui Saviano commenta, con parole di impegno e denuncia, le immagini di fotografi internazionali che testimoniano la tragedia dei migranti in mare.

Per la narrativa in giallo, grandi amici del Festival e nuovi ospiti calcheranno i palchi della kermesse. Ci saranno Maurizio De Giovanni, in un dialogo tra parole e musica con il sassofonista Marco Zurzolo, leggerà alcuni passi de “Il pianto dell’alba. Ultima ombra per il commissario Ricciardi” (Einaudi), Gianrico Carofiglio con “La versione di Fenoglio” (Einaudi); Marcello Simoni con “L’enigma dell’abate nero” (Newton & Compton); Lorenzo Beccati con “Il Resuscitatore - Il romanzo del Dr. Frankenstein italiano” (DeA Planeta).

Il conduttore di “Atlantide” Andrea Purgatori parlerà di “Quattro Piccole Ostriche” (Harper Collins), thriller ambientato ai giorni nostri, con radici nel periodo berlinese della caduta del muro. Dialogherà con lui Paola Laforgia, responsabile Ansa Bari. L’Etiopia di fine anni trenta e l’aspra guerra coloniale fanno da sfondo, invece, alla misteriosa vicenda narrata da Paolo Comentale in “Quando le stelle caddero nel fiume” (Edizioni di Pagina). Fantasy ad alta tensione è, poi, “Pietra nera” (Nottetempo), l’ultimo romanzo che lo scrittore e saggista Alessandro Bertante porterà a Polignano. Non mancheranno le voci femminili del noir. Di “Magia nera” (Bompiani) tratterà la giornalista Loredana Lipperini, conduttrice di Fahrenheit su Radio Tre.

Gabriella Genisi, ideatrice pugliese del commissario Lolita Lobosco, introdurrà al pubblico della kermesse il primo romanzo di una nuova avvincente serie: “Pizzica Amara” (Rizzoli). Marilù Oliva presenterà “Musica sull’abisso” (HarperCollins). Tra i sassi di Matera è ambientato “Una favolosa estate di morte” (Rizzoli), il nuovo thriller di Piera Carlomagno. Nella Tripoli antisemita del secolo scorso si dipana il mistero di Leah e dei protagonisti di “Qual è la via del vento” (edizioni e/o), di Daniela Dawan, avvocato di origini libiche.

In programma anche storie d’amore, di riscatto e humor. Enrico Galiano presenterà “Tutta la vita che vuoi” (Garzanti), tra gli insegnanti più amati d’Italia grazie alla sua web-serie “Cose da prof” che ha superato i dieci milioni di visualizzazioni. Coniuga insegnamento e scrittura anche Stefania Auci, che approderà con “I leoni di Sicilia. La saga dei Florio” (Nord edizioni).

L’attore e scrittore Fabio Canino racconterà una complicata relazione sentimentale omosessuale, nata nel difficile e maschilista mondo del calcio di serie A. Con lui sul palco Vladimir Luxuria. Agli ostacoli del cuore è dedicato pure “Le convenienze” di Lorena Fiorelli. E due giovani attori porteranno i loro romanzi d’esordio: Marco Bonini con “Se ami qualcuno dillo” e Clizia Fornasier con “È il suono delle onde che resta”.

Ascanio Celestini, regista e drammaturgo, farà divertire il pubblico con le sue dissacranti “Barzellette”. Tra realtà e finzione si colloca la storia di trafficanti e produttori di cannabis dell’Olanda degli anni Settanta-Ottanta, raccontata ne “Il cartello olandese” da Federico Van Stegeren. L’autore è meglio conosciuto come l'Olandese Volante, noto dj delle principali emittenti radiofoniche italiane. Di “Mariti” parlerà la scrittrice e giornalista Annarita Briganti. Mentre di donne e del complesso universo femminile, parlerà lo youtuber Yuri Sterrore, in arte Gordon, con “Tu che mi capisci”.

In un’edizione che celebra la Luna e i desideri dell’uomo non mancherà il tema del sogno, esplorato dal noto sceneggiatore Ivan Cotroneo, attraverso una raccolta di racconti brevi “Le voci del sogno”. Nel fantastico mondo onirico è ambientato anche “Il ragazzo leone”, primo romanzo di Sonny Olumati, ballerino e coreografo, nonché testimonial del movimento degli Italiani senza cittadinanza.

Molti i volti noti della televisione italiana che si raccontano in pagine autobiografiche. Due celebri conduttrici, Rita Dalla Chiesa, con “Mi salvo da sola” (Mondadori), e Barbara Palombelli, con “Mai fermarsi” (Rizzoli). L’attrice e cantante Bianca Guaccero parteciperà con “Il tuo cuore è come il mare. Lettera a mia figlia Alice sulla vita e sulle favole e su come nasce una perla” (Rai libri).

Renderanno omaggio, con i propri libri, a italiani che hanno fatto la storia: Tony Di Corcia con Giorgio Armani – Il re della moda italiana, presentato in anteprima nazionale al Festival; Tommy Di Bari, con Pietro Mennea. L'uomo che ha battuto il tempo; Michele De Feudis con Berto Ricci “L’Universale” – contributi per un’atmosfera”.

Per la narrativa, non poteva mancare, infine, Simona Sparaco con “Nel silenzio delle nostre parole”, titolo vincitore del Premio DeA Planet 2019. Un romanzo corale che narra con sensibilità e passione quel momento in cui la vita incontra la morte e le barriere di ciascun essere umano crollano.

In occasione dei cinquant’anni dall’allunaggio, celebrati dal Festival, Ettore Perozzi, responsabile dell’ufficio per la sorveglianza spaziale dell’Agenzia Spaziale Italiana e scopritore di un asteroide, presenterà “Luna nuova – Tra mito e scienza dalle eclissi alle basi lunari” (il Mulino). Di Universo, stelle, pianeti e nuovi orizzonti della fisica e dell’astronomia, con il libro “Sospesi tra due infiniti” tratterà anche Gianfranco Bertone, del Centro di Eccellenza in Fisica delle Gravitazioni e delle Astroparticelle (Grappa-Gravitation, AstroParticle Physics Amsterdam), e professore associato all'Università di Amsterdam, dove dirige un team di ricerca che indaga sull’interazione tra fisica delle particelle e cosmologia.

Sempre nel 1969 nasceva il Tpc (Tutela del patrimonio culturale) il nucleo (ora comando) dei Carabinieri dedicato alla salvaguardia delle opere d’arte, di cui parlerà il generale dell’Arma, Roberto Riccardi, con il suo libro “Detective dell'arte”. Delle nuove frontiere di internet, tv e mezzi di comunicazione, tra pericoli e virtù, discuteranno, invece: il costituzionalista Michele Ainis con “Il regno dell’Uroboro”, insieme con Giuseppe Cruciani e Sam Habibi Minelli; Christian Rocca, importante firma della stampa nazionale, con “Chiudete internet. Una modesta proposta” ; Carlo Freccero, direttore di Rai2, con “Fata e strega - Conversazioni su televisione e società”; il conduttore del TG1, Francesco Giorgino, con “Alto volume. Politica, comunicazione e marketing”.

C’è, poi, chi tenterà di far luce su pagine buie della storia italiana. Il pm antimafia, sotto scorta dal 1993, ora presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati di Palermo, Nino Di Matteo e il giornalista Saverio Lodato presenteranno “Il patto sporco. Il processo Stato-mafia nel racconto di un suo protagonista”. Con loro sul palco Giuseppe De Tomaso, direttore della Gazzetta del Mezzogiorno.

Di criminalità organizzata parleranno anche Salvatore Borsellino e il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, con il libro “La mafia spiegata ai ragazzi”; il giornalista Paolo Borrometi, minacciato di morte da Cosa Nostra, con il suo testo-denuncia “Un morto ogni tanto – la mia battaglia contro la mafia invisibile”. Lo storico e politico Miguel Gotor dialogherà con il giudice Gian Carlo Caselli sul caso Moro, con il libro “Io ci sarò ancora. Il delitto Moro e la crisi della Repubblica”. Prende spunto da un fatto di cronaca recente, invece, “Ventisei Madonne Nere” di Domenico Gallo, presidente di Sezione della Corte di Cassazione. Il titolo fa riferimento alla vicenda della nave militare spagnola Cantabria, arrivata il 5 novembre 2017 nel porto di Salerno, con a bordo i cadaveri chiusi in sacchi neri di ventisei giovani donne africane.

Non mancherà, però, chi guarda al passato dell’Italia con nostalgia e meraviglia.

Lo scrittore di romanzi storici Valerio Massimo Manfredi tornerà a Polignano con il saggio “Sentimento italiano. Storia, arte, natura di un popolo inimitabile”. A dialogare con lui Gianni Riotta. Walter Veltroni con il suo libro Roma. Storie per ritrovare la mia città racconterà la storia della capitale all’epoca del suo mandato da sindaco. Aldo Cazzullo porterà sul palco “Giuro che non avrò più fame. L’Italia della ricostruzione”. Giordano Bruno Guerri, in “Disobbedisco. Cinquecento giorni di rivoluzione. Fiume 1919-1920”, illustrerà quel periodo storico con documenti inediti.

Di politica economica si occuperà l’economista e direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani Carlo Cottarelli, che anticiperà i temi del libro su cui è attualmente al lavoro, in uscita a settembre. A dialogare con lui, Giuseppe De Bellis. Spazio, inoltre, al delicato tema del lavoro e della tutela dei lavoratori, con Aboubakar Soumahoro. Il sindacalista d’origine ivoriana parlerà del suo libro “Umanità in rivolta” con la giornalista Francesca Biagiotti. Insieme a loro, sul palco, Mimmo Lucano, già sindaco di Riace conosciuto per il suo impegno in aiuto di migranti e rifugiati.

Ancora. Al Festival, una sezione dedicata alla grande arte italiana con: “Luoghi e misteri di Caravaggio”, di Paolo Jorio, Rossella Vodret Adamo; “Il genio infelice. Il romanzo della vita di Antonio Ligabue” di Carlo Vulpio. Al patrimonio paesaggistico e culturale del nostro Paese e, in particolare, della Lucania sono dedicate, poi, le pagine del volume “Andare per Matera e la Basilicata” di Eliana Di Caro. In cartellone, infine, tematiche legate ad alimentazione e benessere con Bruno Barbieri, chef stellato nonché famoso giudice di Masterchef, presenterà “Domani sarà più buono. Da ogni piatto possono nascere nuove ricette” con consigli su come riutilizzare gli avanzi e combattere gli sprechi a favore di maggiore consapevolezza e sostenibilità.

L’inscindibile legame tra corpo, mente ed emozioni, invece, è oggetto de “L'intestino in testa. Il ruolo guida dell'intestino per la salute di tutto il corpo”, di Antonio Moschetta, medico e professore ordinario di Medicina interna all’Università Aldo Moro di Bari, ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali per la sua attività di ricerca.

C’è poi il manuale dedicato a chi voglia godere dei benefici fisici e spirituali del viaggio su due ruote “ LA BiCi della felicità” della giornalista Ludovica Casellati secondo la quale la strada per la felicità va percorsa in bici, secondo. In “Ogni giorno un miracolo. Imparare l'arte di amare la vita” il regista e sceneggiatore Alberto Simone darà indicazioni utili per affrontare le sfide della quotidianità e imparare ad “amare nello stesso modo i giorni di sole e quelli di tempesta”. Tra presentazioni e conversazioni sui grandi temi del nostro tempo, occhio anche alle “incursioni” esilaranti di Dario Vergassola, storico amico del Festival che con le sue “interviste impossibili” sorprenderà gli ospiti e il pubblico.

Non mancheranno eventi per bambini con laboratori e attività di lettura animata con gli scrittori per bambini Annalisa Strada e Oreste Castagna, voce di “Dodò ne L'albero azzurro” e protagonista de “La Melevisione” nel ruolo dello gnomo giornalista Gipo Scribantino. Autori di libri per bambini, ma anche per adolescenti come la star del web Marta Losito, che presenterà il suo libro “#Nonostante”. Ulteriori e più dettagliate informazioni sugli eventi in programma saranno presto pubblicate sul portale web "Il libro possibile".