Due brindisini terzi ai campionati italiani di Surflifesaving

Due brindisini terzi ai campionati italiani di Surflifesaving
A destra Silvia Colella

La nuova disciplina agonistica con finalità sociali per salvare chi rischia di annegare

SAN VITO DEI NORMANNI - Ai Campionati Italiani di categoria Surflifesaving (salvamento) Kinder+Sport si sono distinti due brindisini di San Vito dei Normanni. Silvia Colella e Luigi Ungaro sono entrambi riusciti a conquistare una medaglia di bronzo ai Campionati Italiani di salvamento svoltisi a Riccione e con il gran finale a Misano Adriatico, dopo una vera e propria maratona che ha assegnato i titoli nazionali della stagione in mare.

Il surf life saving (in italiano “nuoto per salvamento”) è uno sport che si sta diffondendo in Italia da alcuni anni. Nato in Australia il ‘salvamento’, o anche tecniche di salvataggio, è una specialità del nuoto che richiede resistenza alla fatica, maturità fisica e mentale e soprattutto prontezza di riflessi, e si è diffuso nei territori bagnati dal mare di tutto il mondo. Questa disciplina, in realtà multipla poiché comprende corsa su sabbia, nuoto in mare e in piscina (con varie situazioni e difficoltà), canottaggio e surf, prevede l’agonismo, tanto che ci sono gare, competizioni e campionati ad ogni livello, ma ha una importante valenza sociale poiché tutti gli atleti praticanti imparano a gestire un’emergenza in mare e quindi a salvare vite umane a rischio di annegamento.

Ed è proprio in questa specialità che la Polisportiva Delfinia di San Vito dei Normanni, da sempre protagonista del nuoto per salvamento in Puglia, anche in questa edizione dei Campionati italiani ha portato sul prestigioso podio due atleti, Luigi Ungaro è stato premiato con la medaglia di bronzo nella gare Bandierine categoria cadetti, in una gara combattutissima che ha visto sfuggire la finale per il primo e secondo posto per un soffio. La gara è una prova di corsa e destrezza a eliminazione in cui otto avversari devono correre più veloci degli altri per recuperare una delle 7 bandierine.

Nel frangente femminile juniores grande impresa per Silvia Colella, classe 2003, che ha centrato il terzo posto finale conquistando una bellissima medaglia di bronzo. Il frangente è invece la specialità in cui si nuota tra le boe con partenza e arrivo in spiaggia. Silvia si è comportata ottimamente anche nel Campionato Italiano Lifesailing a Riccione ottenendo, tra le altre prestazioni, il quarto posto finale nei 200 metri Super Lifesaver - Assoluti Femmine - Finale Youth ed il sesto posto nel Super Lifesaver - Youth Femmine, mentre con la sua compagna di team Elisa De Vincentis è decima nella specialità Lancio della corda. Il Super Lifesaver nei 200 metri consiste nel nuoto a stile libero nei primi 75 metri, sino a metà vasca dove bisognerà recuperare dal fondo un manichino e trasportarlo per 25 metri sino al bordo piscina, indossare il torpedo (una speciale fascia che funge da salvagente) e le pinne per una nuotata in stile libero prima e gli ultimi metri con anche il manichino legato allo speciale salvagente.

Il presidente Fin (Federazione italiana nuoto) Puglia, Nicola Pantaleo, con il consigliere regionale nonché responsabile pugliese del Settore Salvamento, Gino Cavaliere, si è complimentato con la società e con gli atleti per i brillanti risultati ottenuti e per portare sempre più in alto il blasone della nostra regione a livello italiano.