Più di 30 i film premiati alla prima edizione dell’Apulia Web Fest

  • In BARI
  • ven 24 Maggio 2019
Più di 30 i film premiati alla prima edizione dell’Apulia Web Fest

La Pinacoteca “De Napoli” centro del festival internazionale del cinema digitale indipendente

TERLIZZI - I 35 premi in palio nella prima edizione dell’Apulia Web Fest–Audiovisulas, Peace and Food hanno visto vincitori una trentina di web-serie nel corso dell’evento svoltosi dal 17 al 19 maggio 2019 nella Pinacoteca Michele De Napoli a Terlizzi. L’iniziativa, condotta da Gianluca Giardi e Alessia Martino, per il primo festival internazionale in Puglia dedicato al cinema digitale indipendente, è stata organizzata dal Comune di Terlizzi, in collaborazione con l’associazione culturale Morpheus Ego, col patrocinio di Apulia Film Commission, Mibac e Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, e la direzione artistica di Michele Pinto.

L’Apulia Web Fest ha registrato un altissimo numero di presenze che hanno fatto dei luoghi del festival occasioni di incontro e di scambio artistico-culturale. Ed è qui che i principi fondanti sul concetto di condivisione, intesa come incontro, conoscenza, confronto e reciproca contaminazione, con attenzione alla Pace sono tutti stati rispettati appieno nella conferenza sul Mediterraneo in collaborazione con la Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, e sulla valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze, dall’enogastronomia locale al patrimonio monumentale della città di Terlizzi e della terra di Puglia, avente come simbolo di riferimento assoluto il Castel del Monte, sito Unesco. Il festival ha dato anche spazio alla musica, con la performance percussiva a cura del progetto sonoro Upupa che ha accompagnato il taglio del nastro, mentre la serata conclusiva è stata allietata dal concerto di musica classica ed esecuzione di celebri Colonne sonore di film, a cura della Banda Musicale “VG Millico”, diretta dal maestro Salvatore Campanale, durante premiazione, la performance di canti gregoriani rivisitati in chiave elettronica a cura della Vamp Music Academy.

Nel Festival sono state selezionate 127 opere, tra le 141 iscritte a concorso e provenienti da 26 nazioni diverse, che sono state proiettate nel corso delle tre giornate della rassegna che ha visto arrivate a Terlizzi e Ruvo di Puglia ospiti e artisti, nazionali ed internazionali, fra cui anche il direttore della Webseries World Cup, Joël Bassaget, e la vicedirettrice del Miami Web Fest, Laverne Daley. A decretare i vincitori delle sei categorie principali

Due le giurie che hanno decretato i vincitori delle 6 categorie principali, assegnando un totale di 35 premi, la Young Jury, composta da 100 studenti di quattro istituti scolastici del territorio, e la giuria di esperti, presieduta dal regista Damir Nemir Janeček.

Le sei rassegne in programma negli Usa, Asia, Italia (Caorle Independent Film Festival), Nuova Zelanza e Londra, facenti parte del circuito della “Webseries World Cup” e partner dell’Apulia Web Fest, hanno selezionato dieci lavori filmici che avranno diritto alla selezione gratuita ai loro rispettivi festival: New Zealand Web Fest ha selezionato “A-Live” di Riccardo Cannella (Italy); New Jersey Web Fest “DuDu” di Ophir Ariel (United States); Asia Web Awards “Roar Epic” di Vincenzo Ardito (Italy); Miami Web Fest “Totò e Daiana” di Riccardo Sai (Italy); London Short Series Festival “Anachronisme” di Riccardo Cannella (Italy), vincitore del premio Best Screenplay per la miglior sceneggiatura; Caorle Independent Film Festival ha selezionato quattro film “Flip the Switch” di Dave Moutray (United States) vincitore del Women Empowerment Award, “Boldiouk & Bradock” di Théophile Mou (Belgium) premiato con Best Production per la migliore produzione, “The Power of One Coin” di Flaminia Graziadei (United Kingdom) e “Totò e Daiana” di Riccardo Sai (Italy).

La migliore web series internazionale è stata eletta “Boldiouk & Bradock “di Théophile Mou (Belgium) a cui è stato assegnato il premio Best International Web Series. Gli altri vincitori delle sei categorie principali: Webserie, Cortometraggi, Lungometraggi, Corti scolastici, Documentari, Pilot sono stati “Hands” di Michael Lane (United Kingdom) vincitore dello Special Prize For Peace per il messaggio di pace e per la sensibilità in materia di diritti fondamentali dell’uomo; miglior cortometraggio è risultato “A Ghost in Her Eyes” di Tom Procida (United States) a cui è stato assegnato il Best Short Film; “No Turning Back” di Danny Phillips (New Zealand) come lungometraggio e vincitore del Best Feature; migliore documentario e quindi assegnatario del premio Best Documentary è stato “The migrants crisis in the Mediterranean” di Pasquale Anselmi (United Kingdom); per la sezione Pilot il premio Best Pilot è andato a “13” di Alessandro Lovecchio (Italy). Ed è invece “Roar Epic” di Vincenzo Ardito la miglior web series italiana; come film scuola si è aggiudicato il premio Best School Movie “Tillie” di Olivia Anton (United States).

Il premio per il miglior attore è stato consegnato a Timur Yefremenkov per “Kitti’s Adventures” di Karen Arutyunov (Russian Federation), mentre quello di migliore attrice a Ashton Clay per “Oh Dalia” di Seanie Sugrue (United States), quello per la migliore regia a Quentin Lewis per “Magic of the Mermaid” di Q. Lewis (Brazil), la migliore cinematografia è andata a “Safrom” di Nicola Barnaba (Italy). La migliore attrice giovane è risultata Mariana Lewis per Magic of the Mermaid” di Quentin Lewis (Brazil), la migliore scenografia è stata invece riconosciuta a “Black Hole” di Leonardo Barone (Italy), il miglior cast è stato giudicato quello di “The Pantsless Detective” di Tom Chamberlain (United States).

E poi ancora la migliore web serie comica “The Man for Your Sins” di Joachim Jung (Germany), mentre quella più drammatica “Sagesse2Rue” di Patrice Anselme (France), il thriller/horro più bello “Genesis 88” di Franc Sellers (Spain), così come è stato premiato per la fantascienza “Safrom” di Nicola Barnaba (Italy), per il miglior promo con il Best Trailer “Good Wood” di Janco Christiansen (Germany), e per l’animazione più bella “The One who holds Sovereignty over Everything” di The Church of Almighty God (Republic of Korea).

Tra i premiati italiani anche “The death of Spider-Man” di Paolo Pandin (Italy) per la migliore musica originale e per la migliore comprensione “Welcome to Elsinore” di Donatella Furino e Emma Campili (Italy). Un riconoscimento è andato anche allo spot realizzato da Gianluca Ciuccio (concorso a tempo, della durata di 50 ore, dal 17 al 19 maggio) per la realizzazione di uno spot sulla città di Terlizzi.

L’Apulia Web Fest prevede anche l’assegnazione di ulteriori premi al di fuori della tre giorni della manifestazione che daranno prestigioso e unico risalto alle produzioni audiovisive indipendenti partecipanti al concorso.

Grazie ad un accordo con Uci-Cinemas, l’Apulia Web Fest porterà nelle sale cinematografiche il cortometraggio “The Last Look” di Flavio Langoni (Italy), vincitore del premio Golden Ticket Award che sarà proiettato, all’interno degli intermezzi pubblicitari prima degli spettacoli in programma, negli Ucu Cinemas Showville di Bari, quello di Molfetta e quello di Gioia del Colle, per quattro settimane, dal 18 luglio fino al 14 agosto 2019.

Alcuni dei lavori in concorso saranno proiettati anche nei giorni del 1° e 2 giugno 2019 nella Fiera del Levante di Bari, in occasione dell’edizione 2019 del BGeek il cui pubblico decreterà e premierà la miglior webserie. Altri lavori saranno selezionati per la trasmissione esclusiva sul canale televisivo di Teleregione, Media partner del festival, all’interno di un apposito contenitore che consentirà di presentare al meglio le opere trasmesse..


Articoli più letti