Venti donne riceveranno il Magna Grecia Awards

Venti donne riceveranno il Magna Grecia Awards

Diverse le giornaliste fra cui Parodi e Bosetti, una madre esemplare, la cantante De Sio e l’attrice D’Aquino

MASSAFRA - Un esercito di donne rappresentanti del mondo dello spettacolo, del giornalismo, della moda ma soprattutto professioniste e madri esemplari saranno tra le premiate del Magna Grecia Awards, per un’edizione, così come fortemente voluto dal patron Fabio Salvatore, indirizzata alla figura femminile. Il riconoscimento sarà conferito il 18 maggio 2019 durante un evento nel Teatro comunale di Massafra.

Tra le venti premiate diverse sono le giornaliste tra cui Cristina Parodi che alla notizia del premio ha dichiarato: «È un bellissimo segnale, un premio importante assegnato a persone che si occupano di vari ambiti, ciò vuol dire che le donne in gamba ci sono, sono brave e devono essere riconosciute. Purtroppo in Italia siamo ancora lontani dalla parità assoluta con gli uomini. Certo, la situazione negli ultimi anni è migliorata, ma ci sono ancora casi di evidente differenza di trattamento».


>


La brillante professionista che vanta successi come giornalista e conduttrice televisiva, sui più noti schermi italiani, non sarà l’unica donna a ricevere il “Magra Grecia Awards” che vuole essere simbolo di tenacia ed impegno verso le donne che devono storicamente “faticare di più” per ottenere riconoscimenti di ogni sorta. In tutti i settori, che si tratti di attori o amministratori delegati, le donne sono sempre pagate meno e, nel terzo millennio, spesso superare dagli uomini non per maggiori titoli o competenze. «Ben venga l’idea degli organizzatori del Magna Grecia Awards – ha aggiunto Parodi - È un esempio comunicativo nazionale molto forte per rivendicare il diritto della donna a realizzarsi nella carriera e nella famiglia».

Tra le premiate della grande kermesse 2019, la cui manifestazione avrà inizio alle ore 20.30 e che ha il titolo “Tu che mi capisci” ci sono le giornaliste Giulia Bosetti, Simona Branchetti, Annalisa Chirico, le figlie di vittime della mafia come Fiammetta Borsellino figlia del magistrato Paolo ucciso nel 1992, Ivana Fava carabiniere e figlia dell’appuntato Antonio ucciso nel 1994, suor Margherita Bramato direttore generale dell’ospedale “Panico” di Tricase, Elisabetta Cipollone mamma di un figlio vittima di un pirata della strada e che in ricordo di questo figlio apre pozzi in Africa, l’ex studentessa Maria Andò finita in carcere da innocente, le cantanti Teresa De Sio e Laura Valente, le attrici Michela Andreozzi, Tosca D’Aquino, Diana Del Bufalo, Barbara Foria, Alice Pagani, Aurora Ruffino, la conduttrice televisiva Andrea Delogu, la web star Elisa Maino, la fashion editor Carlotta Oddi, con ambasciatrice d’eccezione Lorella Cuccarini.