mer 08 Maggio 2019

In ricordo di Davide Santorsola intitolazione terrazza e concerto

  • In BAT
  • mer 08 Maggio 2019
In ricordo di Davide Santorsola intitolazione terrazza e concerto

A Palazzo delle Arti Beltrani dove suonò prima di lasciarci per sempre e dove c’è il suo pianoforte donato dal

TRANI - Trani dedica alla stella pugliese del jazz Davide Santorsola, nato ad Andria nel 1961 e morto nel 2014 all’età di 53 anni dopo una malattia, la terrazza del Palazzo delle Arti Beltrani che da questa sera, 8 maggio 2019, sarà chiamata "Corte Davide Santorsola".

Dopo la cerimonia di intitolazione della Corte del Palazzo, alle ore 20, a cura dell’Amministrazione comunale, seguirà il Concerto jazz, organizzato dalle associazioni di Trani “Domenico Sarro”, “Obiettivo Trani”, “Delle Arti”, Fondazione European Arts Academy “Aldo Ciccolini”, che intende ricordare il pianista proprio con musica e parole che tanto amava in una serata interamente a lui dedicata. Due artisti d’eccezione, Giovanna Montecalvo e Gianni Lenoci, si esibiranno in brani tratti dalla tradizione del jazz, particolarmente cari a Davide Santorsola che tra l’altro amava anche il bepop e il mainstrean contemporaneo. L’ingresso al concerto è libero ma con prenotazione e fino ad esaurimento posti (al numero di telefono 0883.500044 o via email a info@palazzodelleartibeltrani.it)

L’8 maggio il caro e indimenticato pianista tranese avrebbe festeggiato il suo 58° compleanno e per tale motivo si è scelto di dedicare una giornata particolare con un’intitolazione e un concerto in cui il pianoforte di Davide Santorsola tornerà a suonare, per la prima volta da quando Davide non c’è più, da quel giorno di dicembre del 2014 che lo ha portato via dai suoi cari e dai suoi estimatori.

Per volontà di Mariagrazia Urgo, moglie di Davide, il pianoforte del grande jazzista resterà al Palazzo delle Arti Beltrani tutelato dall’associazione musicale Domenico Sarro di Trani, e si andrà ad aggiungere al Grancoda Steinway & Sons dell’Associazione Auditorium di Castellana grotte.

“Non ho permesso a nessuno di toccare e suonare il suo pianoforte. Fino a quando nella mia testa è entrato un tarlo, forse quello della ragione. Il pianoforte doveva essere suonato, usato e coccolato. Correvo il rischio di rovinare una delle cose per me più preziose – ha riferito Mariagrazia Urgo -
Non suonare un pianoforte significa lasciarlo deteriorare. Allora ho pensato di collocarlo presso Il Palazzo delle Arti Beltrani. Gli artisti potranno rendergli omaggio ed il pianoforte continuerà a vivere. La scelta naturalmente non è stata casuale. Una sera Davide suonò a Palazzo Beltrani, io non potei seguirlo perché cantavo col mio gruppo altrove. Al rientro a casa, ci abbracciammo come sempre e ci raccontammo. Lui era entusiasta di come aveva suonato e soprattutto rimase folgorato da quel bel Palazzo storico vicino al mare... sì lui adorava il mare e la sua amata Trani!”

Il Concerto jazz, intende ricordare il pianista e la musica che tanto amava. Laureato in musica al Dams di Bologna, Santorsola era cresciuto accanto ai maestri Franco D’Andrea ed Enrico Pieranunzi, nel corso della sua carriera aveva collaborato con Phil Woods, Lee Konitz, Urbie Green, Benny Golson, Bobby Watson e tanti altri, partecipando a tanti festival in giro per il mondo. Negli ultimi dieci anni di vita è stato insegnante di pianoforte jazz al Conservatorio di Cosenza nonché al Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari.


Articoli più letti