Nuovi importanti risultati per gli schermidori foggiani under 14

  • In FOGGIA
  • gio 11 Aprile 2019
Nuovi importanti risultati per gli schermidori foggiani under 14

Una medaglia d’argento ed altre buone prestazioni per gli atleti del Circolo Schermistico Dauno

FOGGIA - Ancora successi per la scherma pugliese e foggiana in particolare. Ottimi risultati sono stati ottenuti dagli atleti del Circolo Schermistico Dauno nella seconda prova del Grand Prix U-14 di sciabola disputata a Mazara del Vallo. L'atleta Gaia Carafa ha conquistato il secondo posto nella prova di sciabola, fermata in finale da Giada Likaj con il risultato di 15-9. Dopo aver concluso la fase a gironi al secondo posto, Gaia ha battuto altre quattro atlete tutte con grande distacco. A Mazara del Vallo, dove si è disputata la seconda prova del Gran Prix Under 14 “Kinder + Sport” di sciabola, dunque Gaia Carafa ha sfiorato la vittoria nella categoria ragazze, giunta seconda dopo la fase a gironi dove si è distinta per la sua bravura.

Ottima prestazione, anche se non è salito sul podio, per Davide Cicchetti che ha raggiunto il nono posto in classifica generale. Dopo aver chiuso al primo posto la fase a gironi, ha ceduto per 15-10 a Salvatore Lazzaro, nell'assalto valido per l'accesso al tabellone degli otto. Tra gli altri atleti del Circolo Schermistico Dauno, altri quattro possono vantare importanti avanzamenti. Sono Pietro Mastrolitto classificatosi all'undicesimo posto, Valerio Virgilio al ventesimo, Riccardo Maestri al ventisettesimo e Davide Ricciardi al trentottesimo.


>


Si è chiusa con un ventottesimo posto la prova di sciabola individuale di Emanuele Nardella nei Mondiali Cadetti e Giovani di Torun 2019. Il fresco campione d'Europa (nell'edizione di Foggia 2019) è stato sconfitto 15-13 dal connazionale Giorgio Marciano, che poi ha vinto la medaglia d'argento.

Giovani atleti che sicuramente avranno modo di raggiungere altri importanti risultati nelle prossime gare e confermare che la scherma è tra le specialità sportive più promettenti nella Daunia.