Dalla Spagna la mostra itinerante sui riti della Settimana Santa

  • In BARI
  • mer 03 Aprile 2019
Dalla Spagna la mostra itinerante sui riti della Settimana Santa
Un momento della mostra Plenilunio di Primavera a Valladolid

Con le foto delle tradizioni spagnole e pugliesi per incentivare scambi culturali e turistici

BITONTO - Fa tappa a Bitonto la mostra dedicata ai riti Settimana Santa tra Puglia e Spagna presentata a Valladolid, terra di Castilla e Leòn, per l’importante iniziativa itinerante di scambi culturali, promozione identitaria e turismo religioso promossa dalla cooperativa FeArT e dall’associazione Puglia Autentica, in collaborazione con la Regione Puglia e Pugliapromozione. Le immagini che immortalano momenti intensi delle processioni, dei riti e delle tradizioni degli eventi pasquali della Settimana Santa in Puglia e Spagna, tra l’altro molto simili in alcune località (frutto delle antiche dominazioni spagnole nella nostra regione) saranno esposte nella Galleria Nazionale della Puglia. La mostra fotografica intitolata “Plenilunio di Primavera” sarà inaugurata il 5 aprile, alle ore 18.30, e qui resterà sino al 12 aprile 2019 (orari di visita ore 9.30-19, chiuso mercoledì 10 aprile).

L’iniziativa rientra nel programma degli eventi per la Settimana Santa a Bitonto organizzata dal Comune di Bitonto, città finalista per il 2020 come Capitale italiana della Cultura, e dal Parco delle Arti di Bitonto. Al vernissage interverranno il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, l’assessore al Marketing territoriale, Turismo, Festival, Eventi e Governo partecipato, Rocco Magini, il Coordinatore PiiiL Cultura in Puglia, Paolo Ponzio, la direttrice della Galleria Nazionale della Puglia, Nuccia Barbone Pugliese, lo storico dell’arte Francesco Di Palo (curatore dell’introduzione al catalogo nella mostra) e il presidente di Puglia Autentica, Gaetano Armenio.


>


Il “Plenilunio di Primavera” si articola in una serie di iniziative comprendenti, per l’appunto, la mostra fotografica sui riti delle Passioni pugliese e spagnola comprendente oltre quaranta scatti. Da un lato l’esposizione include foto sulla Settimana Santa pugliese, racconto per immagini che intende introdurre il visitatore in un percorso di fede e religiosità carico di emozioni e restituire il senso di questi antichi riti che, gelosamente conservati dalle confraternite locali, rivivono nelle tradizionali processioni. Ma per i visitatori sarà anche l’occasione per scoprire i suggestivi itinerari di una terra nella quale l’azzurro del mare contrasta con i paesaggi segnati dagli ulivi, dai vigneti e dalle masserie.

La mostra restituisce, pertanto, momenti, simboli e gesti della Settimana Santa pugliese, a partire dalle suggestiva processione di Bitonto, dove la Madonna peregrina circondata da decine di candele in una città completamente al buio. Tra le altre immagini, quelle del Pellegrinaggio dell’Addolorata di Taranto con l’uscita a mezzanotte dalla chiesa di San Domenico, dell’accensione del falò di Noicattaro, della processione della Deposizione di Ruvo di Puglia, delle catene di Troia e della processione dei Cinque Misteri di Molfetta. E, ancora, scatti che ritraggono i Misteri di Gallipoli e i riti di Vico del Gargano, con le Madonne del Venerdì Santo e del Cristo Morto, le “fracchie” accese di San Marco in Lamis, la Processione della Desolata di Canosa di Puglia e molte altre ancora.

I riti spagnoli, affini per storia ed origini a quelli pugliesi, vengono presentati, a loro volta, in un’altra sezione tematica comprendente immagini della Settimana Santa di Valladolid, l’antica città della Spagna nordoccidentale nella quale i numerosi eventi culturali legati ai giorni della Passione ogni anno attraggono numerosi turisti da tutta la Spagna e dal resto del mondo. Gli scatti, molti dei quali messi a disposizione da José Luis Alonso Ponga, direttore del Centro Internazionale degli Studi sulla Settimana Santa dell’Università di Valladolid, mettono in evidenza il paesaggio urbano, le meraviglie scultoree, le tradizioni delle confraternite e quello delle musiche legate ai riti, insieme con la devozione. Raccontano di come la secolare religiosità conviva con il contemporaneo attraverso il movimento delle persone nelle chiese e per le strade, i sapori e il cibo come momento di condivisione e i riti iniziatici con i quali i bambini vengono introdotti alla tradizione dai genitori.

L’iniziativa “Plenilunio di Primavera”, curata dal direttore scientifico Gaetano Armenio, presidente di Puglia Autentica, associazione che dal 2008 porta avanti il progetto Settimana Santa con un progressivo allargamento della rete di partner e attività, si propone di preservare e salvaguardare il patrimonio religioso della Puglia attraverso la conservazione, valorizzazione e promozione delle identità culturali e storiche delle tradizioni popolari, anche con un forte impulso all’innovazione e nell’ottica di un potenziamento del circuito del turismo culturale e religioso, con una particolare attenzione alla sostenibilità e alle politiche di destagionalizzazione.

Sono questi gli obiettivi prioritari del progetto, che pone il viaggio come momento fondamentale di confronto e di scambio con le realtà culturali europee, momento di analisi, di riflessione e di esplicitazione degli elementi comuni, delle diversità e delle contraddizioni presenti in queste terre nelle quali confluiscono culture, tradizioni, diverse eppure unite dalla stessa civiltà, quella che ha visto nascere e fiorire i popoli del bacino del Mediterraneo.

La mostra itinerante dopo il successo riscosso a Valladolid, dove tra l’altro si sono esibiti le Voci delle Confraternite di Vico del Gargano e della Banda Davide delle Cese di Bitonto in eventi organizzati in collaborazione con Regione Puglia e Pugliapromozione, è dunque arrivata in Puglia. Dopo la tappa a Bitonto sarà a Molfetta, Vico del Gargano e Lecce. I tanti curiosi e fedeli che in Spagna hanno ammirato la mostra si sono innamorati della Puglia e verranno a visitarla, forse proprio dalla prossima Pasqua per vivere le tradizioni pasquali pugliesi e scoprire i legami con quelli di Valladolid. Ed in effetti l’iniziativa ha anche lo scopo di favorire il turismo culturale e religioso che, nelle prossime settimane, con il progetto di co-branding regionale, farà tappa a Molfetta (dal 14 al 25 aprile). L’esposizione comprende immagini che, dal Gargano al Salento, raccontano la Settimana Santa di Andria, Bisceglie, Molfetta, Bitonto, Ruvo di Puglia, Corato, Canosa di Puglia, Conversano, Noicattaro, Valenzano, Francavilla Fontana, Troia, Vico del Gargano, San Marco in Lamis, Gallipoli, Taranto e Pulsano. Insieme con momenti dei riti i possono ammirare parti di monumenti, paesaggi, le magnifiche sculture lignee realizzate da importanti artisti del Barocco spagnolo.

Per chi volesse scoprire le date della mostra itinerante ed altri eventi gli appuntamenti con i riti pugliesi per la Pasqua 2019 ricordiamo che sono elencati e descritti nella pagina web "Settimana Santa in Puglia" (non ancora aggiornata) dell'associazione di promozione turistica e culturale "Puglia autentica" della Regione Puglia.