Tutti in campo per il Trofeo e costruire il Villaggio dell'accoglienza

  • In BARI
  • ven 15 Marzo 2019
Tutti in campo per il Trofeo e costruire il Villaggio dell'accoglienza

Nuova iniziativa dell’associazione Agebeo per il progetto dedicato ai bambini malati e alle famiglie

BARI - Per contribuire alla realizzazione del “Villaggio dell’accoglienza” in costruzione a Bari, dodici squadre hanno aderito al “18° Memorial Vincenzo Farina - Un calcio alla leucemia infantile” in programma il 17 marzo 2019 e organizzato dall’associazione Agebeo, con il Comune di Bari e l’associazione socio-educativa e culturale “Cucciolo”.

A partire dalle ore 9, nel “Centro sportivo Cofit Club” a Bari (in via Amendola), atleti si contenderanno il titolo in ricordo di Vincenzo, figlio di Michele Farina presidente dell’Agebeo che continua a raccogliere fondi per realizzare il villaggio per poter accogliere bambini malati e famiglie provenienti da fuori Bari. Tra le squadre di calcio a 7 che scenderanno in campo spicca la rappresentativa di ragazzi di una comunità del circuito penale del territorio provinciale barese “Villaggio degli eroi”, ai quali l’organizzazione ha voluto lanciare un messaggio positivo e un inno alla vita nella quale tutti hanno diritto ad avere una seconda possibilità. Le 12 squadre sono rappresentative di: Agebeo, Comune di Bari, Giornalisti di Puglia, Commercialisti, Five star, Vigili del fuoco Bari, BariMania, Banca Monte dei Paschi di Siena, Tempo Libero Bari onlus, Free Time, Villaggio degli Eroi Modugno e Fino alla fine.


>


Madrina del torneo sarà la giornalista sportiva Claudia Carbonara, accompagnata dal giornalista sportivo Michele Salomone, insieme ad altri ospiti a sorpresa. Nel centro sportivo saranno allestiti uno stand gastronomico con prodotti di un’azienda di Palo del Colle e ampi spazi ludici per i bambini a cura dei volontari dell’associazione “Cucciolo”, con giochi gonfiabili, sculture di palloncini e truccabimbi. Il supporto medico-sanitario in campo sarà garantito dalla Croce Rossa Italiana. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare e a donare un piccolo contributo per la raccolta fondi.

Intanto, come reso noto dall’assessora al Welfare Francesca Bottalico, dal 15 marzo 2019, per due venerdì al mese, dalle ore 10 alle 12, i familiari dei bambini ospedalizzati nelle strutture di Bari possono contare su un sostegno qualificato grazie all’attivazione di uno sportello di ascolto dedicato e presente in viale Unità d’Italia 63. Il servizio, gratuito per i cittadini, è curato dall’associazione “Agebeo e amici di Vincenzo” attraverso un finanziamento dell’assessorato al Welfare comunale.

Lo sportello, coordinato e gestito dalla dottoressa Angela Quacquarelli, permetterà alle famiglie in difficoltà di ricevere, in forma del tutto anonima e privata, il supporto necessario per affrontare un momento traumatico come quello di una diagnosi medica. È importante, infatti, per le famiglie, realizzare e gestire ogni tipo di dinamica privata e familiare in un passaggio doloroso e delicato come quello della malattia dei propri bambini. L’attivazione di questo servizio è pensata, in particolare, per i familiari dei bambini ricoverati in ospedale che, dopo una diagnosi, vengono proiettati, letteralmente, nel peggiore degli incubi e che spesso, per attraversare questo passaggio, hanno bisogno del confronto e del conforto non solo degli esperti ma anche di chi abbia già vissuto esperienze analoghe. Lo sportello dell’Agebeo, una delle realtà cittadine storicamente impegnate su questo fronte, è stato finanziato ad esito del bando comunale a contrasto delle povertà, e rappresenta un nuovo tassello delle politiche del welfare di prossimità in risposta ai molteplici bisogni rilevati sul nostro territorio.