All'alberghiero “Salvemini” la gara regionale di Agrichef della Cia

All'alberghiero “Salvemini” la gara regionale di Agrichef della Cia

Il riconoscimento a chi dimostrerà abilità e esperienza nell'uso di prodotti locali

FASANO - Una sfida tra chef, non di ristoranti cittadini, bensì di agriturismi pugliesi si sfideranno domani, 12 marzo 2019, nell’istituto alberghiero “Gaetano Salvemini” a Fasano. A partire dalle or 10.30, i cuochi di nove agriturismi provenienti da ogni provincia della Puglia si sfideranno nella gara degli Agrichef Cia dal titolo "incontriamoCIAtavola".

I cuochi prepareranno dal vivo il loro piatto e lo presenteranno a una giuria insieme alla storia aziendale, esprimendo al meglio il proprio territorio. Il Festival degli Agrichef, organizzato da Turismo Verde (Associazione dell’Agriturismo per l’Ambiente, il Territorio e la Cultura rurale della CIA-Agricoltori Italiani), si sta svolgendo in tutta Italia; l’azienda ritenuta più meritevole sarà la rappresentante pugliese al contest finale che si terrà a Roma in primavera.

La giuria, composta dal dirigente dell’Istituto professionale per i Servizi di Enogastronomia e di Ospitalità Alberghiera “Rosanna Cirasino” che ospita l’evento, insieme ad autorità ed esperti della ristorazione e stakeholder, valuterà i piatti in base a criteri quali: aspetto e composizione del piatto; profumo, cottura, piacevolezza, sensazione, stagionalità, utilizzo dei prodotti locali; utilizzo di prodotti a denominazione; rispetto delle tradizioni contadine; narrazione della ricetta, narrazione dell’agriturismo, narrazione del territorio.

All’evento parteciperanno gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Fasano, che così potranno conoscere da vicino i prodotti tipici dell’agricoltura pugliese oltre che le ricette e i metodi di preparazione dei piatti della cucina contadina.

Ad ottenere il riconoscimento Agrichef della Cia sono, ad oggi, già un centinaio di cuochi/cuoche di comprovata abilità ed esperienza che esercitano il suo mestiere all'interno della cucina dell'agriturismo, impegnandosi a trasformare principalmente produzioni agricole aziendali, o di prossimità, nel rispetto della stagionalità e dei saperi contadini, e utilizzando nella realizzazione dei piatti ingredienti legati alla tutela della biodiversità. L'Agrichef è colui che ha i piedi nella terra, le mani in cucina e la testa nella sua azienda.


Articoli più letti