Per la giornata delle donne concerto con la Red Shoes Women Orchestra

  • In BAT
  • lun 04 Marzo 2019
Per la giornata delle donne concerto con la Red Shoes Women Orchestra

La serata, con ingresso gratis, sarà diretta dal maestro Dominga Damato per un evento tutto al femminile

BISCEGLIE - Un’orchestra di 30 donne suonerà, il 6 marzo 2019, a Bisceglie per dar voce alle donne uccise e violentate. Lo faranno con un simbolo forte e che ormai, da qualche anno, simboleggia il triste fenomeno in aumento delle morti per violenze: indosseranno tutte scarpe rosse.

“La voce delle donne”, questo il titolo dell’evento che vedrà protagonista la “Red Shoes Women Orchestra”, si svolgerà nel Teatro Politeama, con inizio alle ore 20.30, e sarà ad ingresso gratuito. La neonata “Red Shoes Women Orchestra” è formata da professioniste e studentesse dei licei musicali di Puglia e suoneranno in esclusiva nazionale per mettere in atto l’idea nata in seno all’associazione “Il Nuovo Piccolo Conservatorio di Rutigliano” del maestro Dominga Damato, nota bacchetta rosa di straordinario talento e che dirigerà l’orchestra.

L’iniziativa si prefigge di sensibilizzare il pubblico sull’argomento di stringente attualità della lotta alla violenza a danno delle donne, attraverso uno strumento di forte impatto emozionale ed evocativo, l’unico vero linguaggio universale esistente: la musica. L’evento, declinato tutto al femminile, sarà un’occasione di riflessione in vista dell’8 marzo, la giornata che celebra la donna. L’intento è di contribuire a creare attenzione e consapevolezza attorno al tema della violenza sulle donne attraverso la musica, strumento che da sempre unisce con eccezionale forza aggregativa, oltre che mezzo privilegiato per veicolare messaggi importanti. Unico uomo del progetto il violista Giacomo Battista, che ne cura la direzione artistica.

Un percorso musicale frutto di un'attenta e laboriosa scelta dei brani che vede la figura femminile alternativamente musa ispiratrice, protagonista, eroina, madre universale nella immaginazione dei compositori. Il repertorio si muove tra le celebri arie “Habanera” di Georges Bizet a “È scabroso le donne studiar” di Franz Lehár, passando per l’“Ave Maria” di Caccini, sino alle atmosfere più sensuali di “Libertango” di Astor Piazzolla e “Por una cabeza” di Carlos Gardel. Solo per citare alcuni brani.

Con la musica si possono toccare anche argomenti delicati e scomodi o addirittura drammatici e con questo concerto ci si propone di far riflettere il pubblico sulla violenza di genere. Messaggi forti mirati ad una maggiore consapevolezza sociale del tema attraverso un repertorio interpretato da trenta musiciste, che si faranno portatrici de “la voce delle donne”.

Apprezzeremo in un meraviglioso viaggio musicale che attraversa i secoli le virtù vocali di Francesca Ruospo, mezzosoprano, nome noto anche nella Bat per numerosi concerti e spettacoli tutti di straordinario successo e gradimento del pubblico, già tenutisi nella cittadina del nord barese. Dirigerà con la sua indiscussa maestria questo straordinario ensemble il maestro Dominga Damato.

A far da madrina della serata Patrizia Rossini, una donna sempre in prima fila per i diritti civili, in particolar modo di quelli a sostegno del gentil sesso. Dirigente scolastica alla “Don Orione” di Bari-Japigia, scrittrice di successo, porterà la sua testimonianza di donna risoluta ed impegnata.

Tante le forze che si sono volute unire per questo progetto artistico che gode del patrocinio del Comune di Bisceglie, e vede la collaborazione della Commissione Diocesana Feste Patronali, Avis Bisceglie, Unitre Bisceglie, Lilt sez. Barletta Andria Trani, Fidapa, Bpw Italy, Rotary club Bisceglie, Centro Studi Biscegliese, Confcommercio Bisceglie, MercatinCittà, Associazione Santa Margherita, agenzia Sinestesie Mediterranee. La serata sarà presentata da Annamaria Natalicchio.