Inaugurato il primo treno “Jazz” per la tratta regionale

  • In BARI
  • gio 28 Febbraio 2019
Inaugurato il primo treno “Jazz” per la tratta regionale

Altri due entreranno subito in funzione mentre gli altri 43 entro il 2024

BARI - Tre convogli regionali di Trenitalia viaggeranno sulle linee Lecce-Brindisi-Bari, e Bari-Foggia e Taranto-Bari. Si tratta dei treni “Jazz” dotati di 5 vagoni o “casse”, lunghi 82 metri e largo 2,9 metri, in grado di viaggiare a una velocità massima di 160 km orari. Progettato secondo nuovi standard di comfort, sicurezza e accessibilità, conta 204 posti a sedere, comprese due postazioni per viaggiatori a ridotta mobilita, e sei stalli per portabici. L’ingresso alle carrozze “a raso” del marciapiede facilita la salita dei passeggeri, mentre le pedane retrattili permettono un accesso agevole anche alle persone a ridotta capacità motoria. Molti i servizi a bordo: impianto di videosorveglianza, schermi luminosi interni visibili da ogni punto del treno per le informazioni, impianto di sonorizzazione, scritte in braille, prese di corrente a 220 V per l’alimentazione di cellulari e Pc portatili. Ogni treno ha un costo di 6 milioni di euro.

Uno dei nuovi treni “Jazz” è stato inaugurato ieri nella Stazione Bari Centrale dall’assessore regionale ai Trasporti e Infrastrutture Giovanni Giannini che ha dato il via ufficiale, come da lui stesso annunciato, “al rinnovo completo dei treni regionali in dotazione a Trenitalia. Altri 43 treni infatti dedicati alle tratte regionali percorse dai pendolari, arriveranno con un ordine ben preciso: 12 nel 2021, 16 nel 2022, 5 nel 2023 e 10 nel 2024”. Saranno tutti treni Pop, secondo la classificazione di Trenitalia. Il rinnovo della flotta sarà graduale perché i tempi di arrivo dipendono dai tempi tecnici necessari alla realizzazione del singolo convoglio, circa 18 mesi, a cui si aggiungono i tempi necessari per i collaudi.

“In questo modo – ha sottolineato l’assessore Giannini - l’attuale flotta regionale di Trenitalia costituita da 43 treni, sarà sostituita da 46 treni di ultima generazione, con un aumento dunque di tre treni”. Per Giannini le ricadute sul territorio e sugli utenti “saranno estremamente positive per la qualità del servizio, per il comfort dell’ambiente, per la sicurezza dei passeggeri, per l’accessibilità e per la velocità di percorrenza”. Ora si chiede la collaborazione di tutti i cittadini affinché non si verifichino atti vandalici.

All’inaugurazione hanno partecipato anche l’amministratore delegato di Trenitalia Orazio Iacono e il direttore Divisione Passeggeri regionale di Trenitalia di Puglia e Basilicata, Bruna Di Domenico.