Aziende pugliesi premiate con “I Cinque Grappoli” della Guida Bibenda

Aziende pugliesi premiate con “I Cinque Grappoli” della Guida Bibenda

Sono 26 per 27 vini, la cerimonia si terrà nella serata organizzata da Fondazione Italiana Sommelier

FASANO - Sono 26 le aziende di 21 diverse località pugliesi, prevalentemente del Salento ma un po' tutta la regione Puglia è rappresentata, che il 16 febbraio 2019 saranno premiati a Fasano, a Borgo Egnazia (Savelletri), in occasione del premio “Cinque grappoli di Puglia”, il più alto riconoscimento della Guida Bibenda ai vini italiani, ai grandi produttori e a storie straordinarie che stanno conquistando il mondo. Fondazione Italiana Sommelier porta in Puglia il prestigioso premio che vedrà in competizione aziende vinicole di San Severo, Andria, Minervino Murge, Modugno, Monopoli, Gioia del Colle, Sammichele di Bari, Alberobello, Locorotondo, Sava, Torricella, Manduria (2 in tutto), Brindisi (2), Cellino San Marco (2), Erchie, San Donaci, Salice Salentino (2), Guagnano (2 in tutto), Leverano, Copertino e Nardò. Tra cui quelle di due noti personaggi del mondo dello spettacolo e della televisione: Albano Carrisi e Bruno Vespa.

La cerimonia di premiazione e la degustazione degli oltre 20 vini selezionati è l’evento che premia l’orgoglio della produzione vitivinicola pugliese, consegnando nelle mani di grandi produttori “I Cinque Grappoli”, il più alto riconoscimento che la storica Guida Bibenda, la più autorevole nel settore con oltre 25 mila vini recensiti, consegna a chi ha saputo distinguersi e a chi continua a scrivere la storia di questo Paese, conquistando il mondo. Settore in cui la Puglia sta dando uno straordinario contributo. Così, dopo la celebrazione nazionale avvenuta a Roma, Fondazione Italiana Sommelier Puglia dedica ai nostri produttori un evento proprio nella loro terra. Sono 26 le aziende e 27 i vini premiati con il massimo riconoscimento, un numero importante perché in crescita rispetto allo scorso anno.

La cerimonia di premiazione, moderata dalla giornalista Monica Caradonna, vedrà la degustazione dei migliori vini di Puglia a cura di Massimo Billetto, docente di Fondazione Italiana Sommelier e storico redattore della Guida Bibenda. Per l’occasione lo chef Domingo Schingaro dedicherà un piatto ai vini de “I Cinque Grappoli di Puglia”. Sarà un’occasione importante che andrà oltre la premiazione, perché vedrà tutti i produttori presenti in sala confrontarsi tra loro e il mondo della comunicazione. Così come spiega Giuseppe Cupertino, presidente di Fondazione Italiana Sommelier Puglia: “È quello su cui lavoriamo costantemente da anni, ovvero la valorizzazione e la promozione dei nostri vini che rappresentano oggi la storia e il futuro del nostro territorio. È un grande investimento per Fondazione Italiana Sommelier Puglia, una mission importante da portare avanti nel mondo del vino e in quello dell’olio. E’ proprio grazie ai produttori che conosciamo le problematiche ma anche i punti di forza e, soprattutto, gli aspetti futuri della produzione pugliese. Insieme a loro possiamo portare la nostra terra a diventare grande”.

Una serata quindi di premiazione, di confronto e di grande orgoglio pugliese, in una location d’eccellenza, Borgo Egnazia, e con la possibilità per pochissimi appassionati (l’evento è su prenotazione per posti limitati), di tastare i 27 vini in un’unica serata, accompagnati da uno dei più grandi esperti nel mondo della comunicazione del vino quale Massimo Billetto.

Le aziende pugliesi premiate sono: Cantele di Salice Salentino, Tormaresca di Minervino Murge, Rivera di Andria, Schola Sarmenti di Nardò, Gianfranco Fino di Sava, Centovignali di Sammichele di Bari, Polvanera di Gioia del Colle, d’Araprì di San Severo, Severino Garofano di Copertino, Albea di Alberobello, Carvinea di Modugno, Conti Zecca di Leverano, Feudi di Guagnano, Petra Nevara di Locorotondo, Cosimo Taurino di Guagnano, Tenute Al Bano Carrisi di Cellino San Marco, Candido di San Donaci, Trullo di Pezza di Torricella, Masca del Tacco di Erchie, Vespa Vignaioli per Passione di Manduria (già Futura 14), Morella di Manduria, Leone De Castris di Salice Salentino, Masseria Li Veli di Cellino San Marco, Cantine Due Palme di Monopoli, Cantine Risveglio e Tenute Rubino entrambi di Brindisi.


Articoli più letti