Legambiente cerca giovani volontari per monitorare natura e ambiente

  • In BARI
  • ven 08 Febbraio 2019
Legambiente cerca giovani volontari per monitorare natura e ambiente

Anche Bari ha uno sportello informativo per il progetto “VolontariXNatura”

BARI - Legambiente Puglia cerca giovani volontari in difesa della natura per monitorare lo stato, quindi problemi e criticità ambientali, attraverso una raccolta di dati. E per questo sta avviando sportelli informativi in varie città d’Italia, tra cui Bari. Cinque i campi di azione per tutelare concretamente l’ambiente: acqua, aria, biodiversità, legalità, arte. Con un comune denominatore “la citizen science”, la scienza dei cittadini che permette di acquisire competenze scientifiche tramite attività partecipate di monitoraggio.

E proprio la citizen science è il filo rosso di “VolontariXNatura”, il nuovo progetto di Legambiente sostenuto dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e cofinanziato dal Parco Nazionale dell’Aspromonte. “VolontariXNatura” promuove l’eco-volontariato coinvolgendo attivamente i cittadini nella raccolta di dati, segnalazioni e informazioni utili a intercettare problemi e criticità ambientali, individuando soluzioni per la loro mitigazione. L’obiettivo è sollecitare, in particolare tra gli under 36, azioni che contribuiscano concretamente alla salvaguardia dell’ambiente e dei beni comuni, favorendo una cittadinanza attiva.

Il progetto si snoda in cinque diverse campagne, in cui ciascuno può impegnarsi per conoscere lo stato di salute dei luoghi di maggiore frequentazione. La campagna acqua prevede il monitoraggio dei rifiuti abbandonati lungo i fiumi e sulle spiagge, analisi microbiologiche e la raccolta di segnalazioni relative a scarichi sospetti; tramite la campagna aria si impara ad analizzare la percentuale di polveri sottili e di sostanze inquinanti e climalteranti; la campagna biodiversità mira a tutelare flora e fauna valorizzando parchi e riserve, contrastando l’invasione delle specie aliene; legalità è la campagna che permette di individuare azioni illegali che ledono l’ambiente, raccogliendo segnalazioni di smaltimenti illeciti di rifiuti, discariche abusive, sacchetto selvaggio, ma riguardanti anche il bracconaggio e i maltrattamenti di animali; la campagna arte, infine, monitora fruibilità e accessibilità dei beni culturali, per una loro conservazione e valorizzazione.

I volontari possono scegliere uno o più campi di azione in cui sperimentarsi all’opera, creando un proprio account nel sito “Volontari per Natura”, scaricando schede e questionari necessari per le attività di monitoraggio. L’iter progettuale include un’intensa attività delle scuole e nelle università, luoghi di maggiore via vai, per stimolare la pratica del volontariato in forma organizzata. I dati raccolti saranno sintetizzati in dossier informativi, con la descrizione delle criticità rilevate e le indicazioni operative per la loro risoluzione.

«La citizen science è una scienza democratica che mette al centro i cittadini - commenta Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia - che diventano attori di attività che tutelano e valorizzano il nostro territorio. Il progetto “VolontariXNatura” punta a coinvolgerli fornendo loro competenze scientifiche, utili per affrontare in modo sinergico le criticità ambientali, purtroppo in forte aumento».

Per favorire l’adesione dei cittadini, Legambiente Puglia ha attivato uno Sportello Volontariato cui chiedere informazioni, a Bari in via della Resistenza 48 B/2, aperto il martedì e giovedì dalle ore 15 alle 18.