L’istituto di agraria “Pavoncelli” diventa masseria didattica

  • In FOGGIA
  • lun 04 Febbraio 2019
L’istituto di agraria “Pavoncelli” diventa masseria didattica

E’ la prima scuola ad entrare nella rete delle masserie didattiche della Regione Puglia

CERIGNOLA - L’Istituto superiore di agraria “Pavoncelli” di Cerignola è ufficialmente entrato a far parte della Rete delle Masserie didattiche della Regione Puglia, come impresa che svolge attività educativa e divulgativa, attraverso la valorizzazione delle risorse agricole e agroalimentari. Il “Pavoncelli”, con indirizzi alberghiero e agrario, è il primo istituto scolastico con tale riconoscimento dalla Legge Regionale n.2 del 26 febbraio 2008 che istituisce e regolamenta il circuito delle Masserie didattiche pugliesi.

Un riconoscimento dovuto al fatto che l’istituto di Cerignola propone percorsi esperienziali, laboratori didattici legati alla produzione, trasformazione, commercializzazioni di prodotti agricoli tipici del territorio e un museo dedicato alla meccanizzazione agricola.

L’Iiss “Pavoncelli”, diretto dal preside Pio Mirra, propone percorsi didattici legati ai cicli delle produzioni di colture quali grano, olive, uva, ortaggi e frutta; percorsi di trasformazione dall’uva al vino, con imbottigliamento e commercializzazione delle 32 cultivar finalizzate alla sperimentazione. E, ancora, il percorso dall’oliva all’olio con la storica varietà ‘La Bella di Cerignola’; il percorso delle serre per sementario, piante ornamentali e dell’orto con trasformazione del pomodoro in succo e in passata, delle verdure trasformate in piatti tipici e delle serre; laboratori di preparazione delle pietanze tipiche pugliesi; percorsi di energia alternativa da pannelli fotovoltaici. Un museo della meccanica agraria e la vecchia cantina del 1890 offre la possibilità di conoscere strumenti e attrezzature di produzione di ieri e di oggi. E, per finire, anche le visite agli orti urbani assegnati ad associazioni, scuole o privati.

“L’Istituto cerignolano - sottolinea l'assessore regionale alle Risorse agroalimentari, Leonardo di Gioia - è un esempio virtuoso ove la didattica ordinaria interseca la formula vincente della formazione sul campo, intercettando temi importanti come l’innovazione, la sostenibilità, l’inclusione, la valorizzazione del territorio e la promozione storico-culturale. Si tratta di una realtà scolastica che siamo certi farà da traino a tanti altri istituti pugliesi offrendo valore aggiunto all’insegnamento dei ragazzi ma anche al nostro territorio rurale”.

La Regione Puglia, con la legge n. 2/2008, ha inteso tutelare e valorizzare le masserie didattiche non solo perché baluardi della storia e delle pratiche agricole tradizionali, ma perché anche luoghi formativi e di attuazione della multifunzionalità in agricoltura, ove vengono diversificate le attività economiche attraverso le risorse rurali. Una scuola, in questa direzione, è luogo privilegiato di diffusione di conoscenze complete, competenze e rappresentazione delle numerose opportunità che l’agricoltura offre alle future generazioni.