Una festa del baratto per rispettare l’ambiente

Una festa del baratto per rispettare l’ambiente

Organizzato dal Comune con la Monteco in favore di chiunque voglia scambiare oggetti funzionanti

MARTINA FRANCA - L’ambiente si difende anche adottando una serie di pratiche semplici e ‘antiche’ ma pur sempre valide come ad esempio il baratto, l’attività di scambiarsi oggetti che possono risultare inutili per qualcuno ed utili ad altri.

Dunque prima che diventino rifiuti ingombranti, in quanto non facilmente decomponibili se non nei decenni, ben vengano iniziative come quella in programma Martina Franca il 20 gennaio 2019 quando, in piazza Crispi dalle ore 10 alle 13 si svolgerà la “Festa del Baratto” organizzata dal Comune di Martina Franca e Monteco srl.

Si tratta di un'iniziativa finalizzata all’educazione di buone pratiche ambientali, di riduzione e riuso dei rifiuti. A chiunque capita di avere in casa oggetti nuovi o usati che vengono scarsamente utilizzati, perché non ci piacciono o perché ne abbiamo in eccesso; che si tratti del classico regalo natalizio poco azzeccato o di un acquisto frettoloso abbandonato nell'armadio, di suppellettili, piccoli oggetti di arredamento, abbigliamento, accessori o vecchi libri, cd e dvd, questi oggetti finiscono il più delle volte nel dimenticatoio, ad ammuffire negli scatoloni in garage finché un giorno non ci si decide a buttarli nel bidone dell'indifferenziata. Tramite questo evento sarà finalmente possibile barattare i nostri oggetti nuovi o usati, purché in buono stato, con gli altri partecipanti e magari trovare quello che cercavamo, contribuendo così a ridurre la quantità di rifiuti destinati in discarica.

Poche le regole da rispettare: giungere sul posto con massimo dieci oggetti e che siano in buono stato e funzionanti, assolutamente vietato ricevere corrispettivo in danaro.

Proprio in questi giorni il Comune ha, tra l’altro, ripreso l’attività di sensibilizzazione ambientale nelle scuole, ponendo ai piccoli cittadini la domanda: “Cosa può fare ciascuno di noi per limitare i danni prodotti dal nostro vivere quotidiano?” la risposta è: “Applicare la regola delle 3R: Riduci, Riusa, Ricicla”.

La festa del baratto ci aiuta a ricordare che gli oggetti possono avere una seconda vita e che conviene, da tutti i punti di vista, modificare le abitudini di consumatori che, purtroppo, tendono sempre ad acquistare nuovi prodotti anziché riparare o riutilizzare quello che hanno. Tutti ci guadagneranno: chi baratterà, l’ambiente che non sarà ‘soffocato’ da nuova spazzatura, e il Comune che risparmierà, insieme con i cittadini, spese inutili di raccolta di ingombranti.