Una marcia e un concorso in nome della pace

  • In BARI
  • gio 17 Gennaio 2019
Una marcia e un concorso in nome della pace

Doppio evento per le comunità di Locorotondo e Cisternino per ricordare padre Francesco Convertini

LOCOROTONDO - Torna la “Marcia della Solidarietà, della Pace e della Responsabilità” a Locorotondo che, nell’ambito del “Mese della Pace 2019”, ha previsto l’appuntamento sportivo con finalità sociali il 10 febbraio 2019. Per la 14ª edizione, in cui le comunità di Locorotondo e Cisternino, cammineranno verso la stessa meta: contrada Marinelli per ricordare l’esempio del venerabile padre Francesco Convertini, è in programma anche un concorso per lo striscione dedicato alla marcia.

Il percorso sarà lo stesso dello scorso anno: partenza dal piazzale della chiesa di Trito proseguendo a piedi verso la strada comunale 107, contrada Papariello, incrocio n.1 proseguendo per la strada comunale 113, contrada Parcorutto, e arrivo in contrada Marinelli. Giunti nel piazzale si svolgerà la manifestazione in ricordo di padre Francesco Convertini (in caso di pioggia la manifestazione si svolgerà all’interno della Chiesa Madre di Locorotondo).


>


Nell’occasione saranno premiati i vincitori del terzo Concorso “Metti Amore”, che promuove la conoscenza dell’opera di padre Francesco attraverso la realizzazione di striscioni da mostrare nel corso della Marcia. Il concorso di Disegno per gli striscioni ha come tema “Padre Francesco Convertini” e possono partecipare tutte le associazioni del territorio del Comune di Locorotondo e del Comune di Cisternino, gli istituti scolastici e/o i singoli bambini che abbiano come fine primo la volontà di promuovere la figura di padre Francesco Convertini attraverso un messaggio di pace. Gli elaborati devono essere consegnati entro il 5 febbraio 2019. La giuria, presieduta dal coordinatore dell’Istituto Salesiano “Sacro Cuore”, Piervincenzo Guarini, giudicherà gli elaborati (riunendosi il 6 febbraio) tenendo conto di tre criteri: originalità, merito artistico ed espressività. Ogni partecipante riceverà un attestato di partecipazione. Saranno premiati tre finalisti per il Comune di Locorotondo e tre finalisti per il Comune di Cisternino. Tutti i finalisti riceveranno una targa insieme ad alcuni premi. La premiazione si svolgerà domenica 10 febbraio 2019 al termine della marcia.
 

Padre Francesco era sacerdote salesiano di don Bosco, nato in contrada Papariello a Locorotondo, il 29 agosto 1898, morì a Krishnagar, in India, l’11 febbraio 1976 dove riposa. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale, aveva vent’anni quando fu chiamato sotto le armi. Fu ferito, fatto prigioniero e condotto in Polonia. Tornato in patria prese i voti ad Ivrea, poi a Genova parti missionario in Bengala, dove nessuno come padre Francesco ebbe tanti amici, tanti figli spirituali tra ignoranti e sapienti, tra ricchi e poveri. Era così stimato e amato da essere l'unico missionario ammesso in casa di indù o di musulmani. La vita da missionario non era facile, si spostava di villaggio in villaggio con un cavallo o in bicicletta, ma spesso camminava, con in ‘groppa’ uno zaino, per incontrare e avvicinare più facilmente la gente e parlare loro di Cristo. Fu amato e venerato come maestro di vita interiore, da cristiani, musulmani e indù. Ad ottobre del 2017, a 40 anni dalla morte, le sue osse sono state traslate per essere trasferite, dall’umile tomba, nel giardino adiacente la Cattedrale di Krishnagar dove gli indiani a lui devoti continueranno a dedicargli preghiere. E' stato dichiarato venerabile da Papa Francesco I il 20 gennaio 2017.

Il programma della giornata del 10 febbraio inizierà, a Locorotondo, con il raduno degli ospiti in arrivo da Cisternino, proseguirà alle ore 9.30 in Chiesa Madre per la celebrazione della Santa Messa, alla quale seguirà la partenza da piazza Mitrano dei pulmini per raggiungere contrada Trito, dove l’associazione “In Campagna” si occuperà dell’accoglienza, mentre dalle ore 11 partirà il corteo dal piazzale antistante la chiesa in contrada Trito diretto in contrada Marinelli.