Il Comune organizza un corso di formazione per ispettori ambientali

  • In LECCE
  • lun 14 Gennaio 2019
Il Comune organizza un corso di formazione per ispettori ambientali

Si tratta di volontari con il compito di vigilare sulle buone prassi del conferimento dei rifiuti

NARDO' - Un corso per formare la nuova figura istituita dal Comune di Nardò: ispettore ambientale volontario comunale (in molte città soprannominato 'ecovigile'), si svolgerà a partire dall’11 febbraio 2019. Si tratta di volontari che dovranno vigilare sulle “buone prassi” ambientali dei neretini, per cui si occuperanno di attività informative, educative, di prevenzione, di segnalazione e di contestazione delle violazioni sul territorio comunale, finalizzate alla prevenzione e alla corretta applicazione di regolamenti e ordinanze sul corretto conferimento dei rifiuti, sulla difesa del suolo e del paesaggio, sulla tutela dell’ambiente.

Il servizio, che non è retribuito e quindi totalmente volontario, sarà svolto da personale qualificato individuato a seguito di un apposito corso gratuito di formazione, che prevede 20 ore di lezione da svolgersi nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 15.30 alle 19.30. I partecipanti dovranno superare un esame finale ed essere inseriti in una graduatoria di merito. L’esame sarà una prova scritta a risposte multiple (che si intenderà superata se il candidato risponderà in modo positivo ad almeno 12 domande su 20).


>


I moduli di lezione verteranno sul nuovo sistema di raccolta differenziata nella città di Nardò, sul Testo Unico Ambientale, sulla figura e sui compiti dell’Ispettore Ambientale, sull’illecito amministrativo e procedure che riguardano le sanzioni ai sensi della legge 689/81, sulla redazione di un verbale amministrativo e degli atti di contestazioni delle violazioni ambientali. Venerdì 22 febbraio è prevista la prova finale d’esame.

Per l’iscrizione al corso, da effettuare entro il 9 febbraio 2019, è necessario compilare l’apposito modulo disponibile al Comando di Polizia Locale di via Crispi n. 99 e all’ufficio Urp (chiostro dei Carmelitani), ma è scaricabile dal sito www.comune.nardo.le.it. Lo stesso dovrà poi essere per posta elettronica certificata (protocollo@pecnardo.it e polizialocale@pecnardo.it), posta elettronica ordinaria (polizialocale@comune.nardo.it) o spedito o consegnato a mano all’ufficio Protocollo, presso il Castello in piazza Cesare Battisti.

In seguito alla graduatoria, saranno individuati (massimo) dieci Ispettori Ambientali. È considerato titolo preferenziale nella formulazione della graduatoria l’appartenenza (attuale o pregressa) alle forze dell’ordine o ad associazioni di volontariato. L’incarico avrà la durata di un anno e potrà essere rinnovato. All’Ispettore Ambientale sarà rilasciato apposito tesserino di riconoscimento e fornita una pettorina.

L’arrivo degli ispettori debitamente formati, per l’assessore comunale all’Ambiente Mino Natalizio, costituisce un modo per vigilare e controllare il conferimento, la gestione, la raccolto e lo smaltimento dei rifiuti in maniera più precisa per far eseguire correttamente la raccolta differenziata per ogni famiglia e per ogni cittadino. Un’idea nata anche per combattere l’abbandono indiscriminato di rifiuti, dal momento che l’ispettore che rappresenterà “una sorta di accompagnatore di ognuno di noi verso le buone pratiche sui rifiuti” potrà, ricorda Natalizio: “contestare infrazioni o reati in materia ambientale agli incivili e agli irriducibili sporcaccioni e, in questo senso, collaborerà in maniera molto stretta con la Polizia Locale”.