Rivelati i nomi per il premio “Puglia imperiale Stupor Mundi”

  • In BAT
  • lun 17 Dicembre 2018
Rivelati i nomi per il premio “Puglia imperiale Stupor Mundi”
Antonella Di Vietri ideatrice e organizzatrice del nuovo premio pugliese

Sono due giovani eccellenze della cultura pugliese, uno del mondo del cinema l’altra della musica

ANDRIA - L’attore e produttore cinematografico Riccardo Scamarcio e la pianista, compositrice e direttrice d’orchestra maestro Federica Fornabaio, entrambi andriesi, torneranno nella città d’origine, quella tanto amato da Federico II, per ricevere un prestigioso riconoscimento: "Premio culturale Puglia Imperiale - Stupor Mundi" pensato per incoronare le eccellenze nel segno di Federico II.

La cerimonia, solenne promettono gli organizzatori dell’evento, si svolgerà in una maestosa location: Castel del Monte. Il premio, ideato e organizzato da Antonella Di Vietri, presidente dell’associazione culturale e di promozione turistica “DivinApulia” di Andria, è alla sua prima edizione e vuole essere un riconoscimento alle eccellenze della cultura nel segno di chi tanto ha amato e reso famosa Andria, Federico II. E i due premiati, i primi di tale riconoscimento, seppur in ambiti diversi, rappresentano al meglio Andria e la Puglia imperiale nel mondo.


>


Ispirato dall’umanesimo dell’imperatore svevo, il riconoscimento prevede due categorie, "Stupor Mundi" e "Puer Apuliae", i due appellativi di Federico II, uomo di cultura universale e sensibile alle arti, che ha connotato la nostra terra di un’identità unica, lasciandoci una forte eredità fatta di segni tangibili della sua poliedrica personalità e amore verso la nostra regione. Così come la scelta della data non è casuale, dicembre fu infatti il mese che vide l’alfa e l’omega del grande della dinastia degli Hohenstaufen, nato il 26 dicembre 1194 e morto il 13 dicembre 1250 proprio in Puglia a Castel Fiorentino.

In occasione della cerimonia solenne del premio, il sindaco della città di Andria, Nicola Giorgino conferirà a Riccardo Scamarcio, uno dei suoi “figli” più famosi, soprattutto alle giovani generazioni, la Benemerenza civica, onorificenza prestigiosa concessa al celebre attore e produttore, andriese doc, che con opere concrete nel campo delle arti e della cultura ha esaltato il prestigio della città.

La cerimonia, doppia per l’attore Scamarcio, avrà inizio alle 16.30 e si svolgerà il 22 dicembre 2018, tra la grande bellezza, l'imponenza di un capolavoro unico di ingegneria medievale, la “corona di Puglia”, che si staglia maestosa a testimoniare secoli di storia e il genio di un imperatore illuminato quale Federico II di Svevia. Questi gli elementi che hanno ispirato Antonella Di Vietri ad istituire il premio.

Nella Sala multimediale dello splendido maniero federiciano, concesso in via straordinaria dal direttore del Polo Museale della Puglia dottoressa Mariastella Margozzi e grazie alla lungimiranza del direttore di Castel del Monte, dottoressa Elena Silvana Saponaro, ci saranno i due premiati da sempre legati alla terra d’origine e autorità locali, per un fine nobile: sottolineare le eccellenze del territorio per promuoverne la crescita culturale e turistica a tutto tondo. Il premio, così come concepito dall’organizzatrice, sarà assegnato a personalità di spicco che hanno contribuito con il loro encomiabile operato alla valorizzazione massima del territorio pugliese e del suo patrimonio storico, artistico e culturale.

Molti gli attori in campo entusiasti di promuovere il premio: oltre alla già citata associazione culturale “DivinApulia”, il MiBAC-Polo Museale della Puglia, il Comune di Andria-Assessorato alla Cultura e Turismo nella persona dell’avvocato Francesca Magliano, e il club per l’Unesco nella persona dell'ingegner Giovanni Di Bari.

L’obiettivo della manifestazione è quello di continuare nell'opera di divulgazione e di promozione di tutte le eccellenze territoriali, così come lo stesso Federico fu mecenate di gran pregio e precursore dello spirito ecumenico, costituendo un unicum nella platea dei grandi della storia. Un omaggio di Antonella Di Vietri a questo illustre imperatore a cui tutti coloro che appartengono alla Puglia imperiale devono riconoscenza.

Dichiarato dall’Unesco “Patrimonio mondiale dell’umanità” dal 1996, il maestoso maniero ottagonale di Castel del Monte fu scelto per campeggiare sulla moneta da un centesimo di euro nazionale. Con il premio si vogliono celebrare quasi vent’anni di questa scelta poiché la moneta non sarà più stampata dalla Zecca di Stato a partire da gennaio 2019. Alla cerimonia è possibile partecipare su invito.