lun 17 Dicembre 2018

Una fiaba per rendere i bambini consapevoli della pedofilia

  • In BAT
  • lun 17 Dicembre 2018
Una fiaba per rendere i bambini consapevoli della pedofilia

Scritto dalla docente e psicoterapeuta tranese Anna Caiati, ha una finalità pure benefica

TRANI - Un libro per parlare ai bambini, attraverso una fiaba, di un argomento non facile ma da cui devono essere messi in guardia: la pedofilia. Si intitola “Meglio così” ed è un’opera innovativa e rivoluzionaria scritta da Anna Caiati di Trani (omonima del direttore della testata di Puglia positiva e con la quale non ha vincoli di parentela).

Docente, psicoterapeuta e mamma, Anna Caiati da sempre si è posta il problema di parlare direttamente ai bambini di un argomento purtroppo sempre più spesso nelle cronache. “Sono profondamente convinta – afferma Anna Caiati psicoterapeuta e ora anche scrittrice - che come si insegna ai bambini ad attraversare la strada solo se il semaforo è verde o a non giocare con l’elettricità,così si può insegnare loro che non tutti gli adulti sono amici. L’esperienza,da docente, psicoterapeuta e mamma, mi insegna che la difesa più efficace – e spesso l’unica - è quella messa in atto dagli stessi bambini, ovviamente consapevoli. E del resto, come in tutte le situazioni di prevenzione, prima si comincia è meglio è. Perché è evidente dalle quotidiane notizie di cronaca che gli adulti di riferimento, pur attenti e consapevoli, non sono assolutamente in grado di prevedere e quindi proteggere i bambini in ogni ambito extrafamiliare. Immaginate, poi, cosa succede quando sono ‘distratti’ dalla vita quotidiana”.


>


Come mezzo per parlare ai bambini ha scelto la fiaba che, da tempi lontani, costituisce il miglior modo per far vivere e capire ai più piccoli i pericoli della vita senza spaventarli. I bambini per quanto si immedesimino in una storia fantastica allo stesso tempo sono sempre consapevoli di quello che è reale da quello che è fantasia, ma spesso non distinguono ciò che è bene da ciò che è male in quanto ingannati volutamente dagli adulti. Ciò significa che i genitori, magari coadiuvati da nonni e zii, devono insegnare loro le differenze e metterli ‘in guardia’ non con divieti quanto piuttosto con il dialogo e il ragionamento misurato sulle capacità di comprensione del bambino.

Proprio agli adulti, Anna Caiati, ha dedicato un segnalibro su cui indica cinque preziosi consigli “le 5 cose da fare e le 5 cose assolutamente da non fare. Perché – asserisce Caiati - anche gli adulti vanno resi consapevoli affinché sappiano e intervengano nei modi più efficaci”.

Il libro è in realtà un libricino di 12 pagine illustrate a colori, i disegni sono stati realizzati da Dario De Marinis, e hanno poche righe scritte affinché possa essere utilizzato anche dai bambini di 4-5 anni di età e ai quali può essere letta da un adulto, preferibilmente il genitore. Il libro “Meglio così” di Anna Caiati è edito da “Il temperino rosso” di Trani, nella collana “Il Bocciolo”. Libro che sarà presentato al pubblico il 20 dicembre 2018, a Trani città di residenza della scrittrice.

L’appuntamento, aperto a tutti, in particolare ai genitori, è alle ore 18 nella Biblioteca comunale ed è organizzato dall’A.Ge Trani presieduta da Anna Brizzi, con patrocinio del Comune, assessore Debora Ciliento, e dell’Ordine degli Psicologi di Puglia. All’evento interverranno, insieme con l’autrice, il dottor Gennaro La Notte, vice ispettore della Polizia di Stato che presenterà i dati del fenomeno e il lavoro delle forze dell’ordine a riguardo. Ci sarà anche l’avvocato e professor Antonio Maria La Scala, presidente nazionale di “Penelope” e presidente di “Gens Nova onlus”, approfondirà la normativa sui minori e in particolare sugli abusi. La fiaba sarà letta dalla docente e tutor all'Università degli Studi di Bari Angela Genco, e commentata dall’autrice Anna Caiati che dialogherà sull’argomento con il presidente dell’Ordine degli Psicologi, dottor Antonio di Gioia. Le conclusioni saranno invece affidate al Garante Regionale dei Minori, dottor Ludovico Abbaticchio.

Per rendere la serata comunque ‘leggera’, in clima natalizio, ci sarà anche un momento musicale con i maestri Filomena Pilone e Alfonso Mastrapasqua che suoneranno dopo ogni intervento. Il libro ha una doppia finalità, oltre quella di far ‘aprire gli occhi’ ai bambini e renderli più consapevoli, anche quella benefica. Le vendite del libro, grazie alla grande generosità della scrittrice, docente e psicoterapeuta, saranno devolute ad associazioni che si occupano di abusi sull’infanzia e pedofilia. Quanto raccolto la sera del 20 dicembre 2018, in particolare, sarà devoluto al Centro antiviolenza di genere ed antistalking “Save” di Trani.