Medico del “Perrino” tra i finalisti del premio Veronesi

Medico del “Perrino” tra i finalisti del premio Veronesi

E’ tra i 15 più votati su oltre 6mila segnalazioni inviate dalle pazienti con tumore al seno

BRINDISI - Un dirigente medico della Radioterapia dell’Ospedale “Perrino” di Brindisi, il dottor Francesco Tramacere, è tra i 15 finalisti del “Riconoscimento U.V. al Laudato Medico” istituito da Europa Donna Italia nel 2017 per preservare l’eredità umana di Umberto Veronesi.

L’elenco dei professionisti, appartenenti a diverse categorie, è scaturita da una selezione operata su oltre 6.000 segnalazioni inviate dalle pazienti con tumore al seno per indicare gli specialisti che, nei Centri di Senologia Multidisciplinari, hanno dimostrato particolare disponibilità, empatia e vicinanza durante il percorso di cura.


>


Le segnalazioni sono state eseguite sulla base dei principali criteri che definiscono l’umanizzazione della cura: la disponibilità del medico a interagire con la paziente; l’ascolto attento per conoscere i suoi bisogni; la comunicazione chiara e semplice; l’empatia dimostrata; il sostegno ricevuto dallo specialista. I 5 medici con il maggior numero di segnalazioni riceveranno il “Riconoscimento Umberto Veronesi al Laudato Medico”.

Le donne, o le persone più vicine alle ammalate, hanno votato il loro medico preferito durante il mese di ottobre 2018 sul sito "Europa Donna" esprimendo un giudizio sulla qualità della relazione instauratasi durante il percorso di cura con i medici chirurghi, oncologi, radiologi, patologi e radioterapisti, dei centri senologici. Cinque i criteri di voto sull'umanizzazione della medicina: la disponibilit del medico ad interagire con la paziente, l'ascolto attendo ai bisogni, la comunicazione chiara e semplice, l'empatia ed il sostegno ricevuti dallo specialista.

La cerimonia di assegnazione del riconoscimento si svolgerà il 28 novembre 2018 a Milano, nella Sala Napoleonica di Palazzo Greppi dell’Università degli Studi di Milano e sarà preceduta da un dibattito tra pazienti e clinici tra cui Paolo Veronesi, Alberto Costa, senologo e biografo di Umberto Veronesi, Gabriella Pravettoni, docente di Medical Humanities all’Università Statale di Milano e Fabrizio Benedetti, neurofisiologo all’Università di Torino.

Tra i finalisti ci sono altri tre medici pugliesi l'oncologo dottor Antonio Cusmai, dirigente Dipartimento Oncologia Ospedale San Paolo di Bari, i radiologi Ilaria Mancarella, dirigente medico presso la Asl Lecce-DSS Maglie-Breast Unit Ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, ed Angela Vestito, Unità Operativa Complessa di Radiodiagnostica –RMN – Senologia San Paolo di Bari.