“Ss. Annunziata” sempre all’avanguardia in chirurgia oncologica

“Ss. Annunziata” sempre all’avanguardia in chirurgia oncologica

Rinnovate le attrezzature delle sale operatorie per interventi meno invasivi

TARANTO - Continua all’Ospedale “Ss. Annunziata” di Taranto la ‘rivoluzione’ silenziosa nelle sale operatorie. Si tratta di un rinnovo di una serie di attrezzature necessarie a rendere l’ospedale più all’avanguardia e per poter intervenire sui pazienti in maniera sempre più precisa e meno invasiva in particolare nelle terapie per i tumori.

Con l’acquisto di un letto operatorio completamente automatico e di un laser a diodi chirurgico di ultimissima generazione, molto utile per la chirurgia della trachea e dei bronchi, è stato completato il rinnovo delle attrezzature sanitarie in dotazione all’Unità Operativa di Chirurgia dell’Ospedale di Taranto, diretta dal dottor Teodorico Iarussi, specialista in chirurgia toracica e addominale. Si tratta di un percorso iniziato due anni e mezzo or sono con il suo arrivo.


>


Oltre alla suddetta attrezzatura, si è acquistato tutto lo strumentario chirurgico per poter eseguire interventi con tecnica mini-invasiva laparoscopica e toracoscopica. La sala operatoria, inoltre, è stata dotata di un ‘dissettore epatico’, fondamentale per poter eseguire chirurgia epatica in sicurezza, insieme con una completa colonna endoscopica con monitor in 4K. Per tutta questa attrezzatura si è stipulato un particolare contratto tramite il quale, ogni 3 anni, vi sarà un completo e automatico rinnovo di tali presidi con altri nuovi appena arrivati sul mercato.

Questo notevole salto di qualità permette di eseguire interventi chirurgici – la maggior parte oncologici – sempre più complessi, con minori traumi per i pazienti, ed una maggiore sicurezza degli stessi. Infatti vengono operati ormai giornalmente pazienti con tumori del polmone, dell’apparato digerente (stomaco e intestino), del pancreas e del fegato. Inoltre si è istituita una sezione di chirurgia senologica composta da équipe chirurgiche specifiche, operanti in sedute operatorie dedicate, con l’ausilio di chirurghi plastici, per effettuare nel miglior modo possibile il tempo ricostruttivo con protesi.

Il dottor Teodorico Iarussi, insieme con il suo staff, con il fondamentale apporto della Direzione Generale, non si fermerà qui. Sono in essere gare di appalto per l’acquisto di un robot chirurgico e di una Iort, attrezzatura per eseguire una radioterapia direttamente durante l’intervento di chirurgia oncologica, fondendo così la fase chirurgica a quella radioterapica. Con l’arrivo di queste ultime macchine si potrà affermare che il “Ss. Annunziata” di Taranto è all’avanguardia in chirurgia oncologica in Italia.

Il direttore generale dell’Asl Taranto, Stefano Rossi, ha elogiato il lavoro svolto dal dottor Iarussi: “L’Asl di Taranto è impegnata su diversi fronti per offrire ai cittadini un’assistenza sanitaria sempre più adeguata e più moderna. Le nuove attrezzature costituiscono un importante passo in avanti in questo senso, nell’ottica di voler dare una risposta al passo con lo sviluppo della tecnologia sanitaria”.

Altre notizie interessanti
"Tumore al pancreas operato in laparoscopia"