Liceo Aristosseno, verso nuovi traguardi nelle competizioni tra scuole

Liceo Aristosseno, verso nuovi traguardi nelle competizioni tra scuole

A febbraio la I H, ora seconda, si è classificata al primo posto in Matematica alle interregionali

TARANTO - Il nuovo anno scolastico è iniziato da meno di un mese e già il liceo "Aristosseno" di Taranto pensa a nuove gare tra scuole. Può infatti vantare un primo posto nella competizione interregionale “Matematica Senza Frontiere” a due anni dalla partecipazione di uno studente del liceo “Aristosseno” alla gara nazionale delle “Olimpiadi della Fisica”, per il liceo tarantino il traguardo in ambito scientifico che non sarà l’unico.

La classe I H, ormai diventata seconda, si è classificata al primo posto (in ex-equo con un’altra scuola), nella competizione del 22 febbraio 2018 di “Matematica Senza Frontiere” nel polo di Campobasso, a cui sono confluiti gli elaborati delle scuole di otto regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Molise, Puglia e Sicilia.


>


Tale risultato scaturisce dall’impegno degli studenti che, con perseveranza e abnegazione, hanno saputo assimilare e rielaborare gli interventi formativi delle professoresse di matematica Rita Battisti Rita e Maria Raffaella Tambone, referente di istituto del progetto, che ha curato la preparazione degli studenti alla gara durante un corso pomeridiano attivato dal liceo, a cui va un particolare ringraziamento.

Ma il maggior merito per i risultati conseguiti dagli studenti, e quindi il più grande ringraziamento, è rivolto al dirigente scolastico Marzo Salvatore perché è sempre pronto ad accogliere e promuovere le iniziative che mirano a stimolare e valorizzare le attitudini degli studenti, anche nelle discipline scientifiche, attraverso la partecipazione ad Olimpiadi e Competizioni accreditate dal Miur.

E, statene certi, l’intero liceo inizia sin da ora a preparare gli alunni alla partecipazione di altre competizioni affinché i ragazzi possano abituarsi da subito a confronti di crescita e formazione sempre più completi ed estesi per preparli ad affrontare in maniera più leggera le difficoltà che si presenteranno con gli anni a venire nel futuro professionale.