Tra i “Luoghi del Cuore” più votati c’è il Castello di Taranto

  • In BARI
  • gio 04 Ottobre 2018
Tra i “Luoghi del Cuore” più votati c’è il Castello di Taranto

C’è ancora tempo per far aggiudicare i fondi stanziati dal Fai per il recupero di un monumento o un sito

BARI - Con più di 8.800 voti (sino ad ora accumulati) il bellissimo Castello Aragonese di Taranto è all’8° posto tra i “Luoghi del Cuore” più votati con l’iniziativa del Fai (Fondo ambiente italiano) finalizzato alla tutela e salvaguardia di monumenti e siti di interesse storico, culturale ed archeologico. E proprio i tarantini risultano tra i pugliesi più attivi per l’aggiudicazione delle somme destinate al recupero con l’aggiudicazione dei fondi per l’ambiente che il Fai vuole investire per questa ‘gara’ del 2018.

“Luoghi del cuore” vuole salvare quei luoghi ritenuti unici e che sono nel cuore degli italiani, siti speciali perché legati alla propria identità o memoria o perché colpiscono per qualcosa di particolare magari per la bellezza che ha colpito occhi e anima durante una visita o per un ricordo romantico o familiare. Se poi sono in stato di degrado o di abbandono e richiedono una cura necessaria per proteggerli così come un’adeguata valorizzazione per farli conoscere, ferisce e stringe i cuori di chiunque ami le proprie radici e la cultura della bellezza in generale, diventa ancor più importante segnalarli e farli votare.


>


Rendere concreto il desiderio di contribuire fattivamente affinché il recupero venga realizzato è possibile grazie proprio all’iniziativa del Fai “I Luoghi del Cuore” che, giunto alla nona edizione, prevede un semplice clic da parte di chi ha a cuore la salvaguardia di uno o più monumenti.

Votare è possibile sino al 30 novembre 2018. Chiunque può contribuire, gratuitamente, a far accumulare voti per aggiudicare sino a 20mila euro e salvare un affresco, piuttosto che una piccola chiesa di campagna o in una grotta, così come un ponte storico, una strada o persino un sito ambientale come un bosco o un giardino.

Al momento il Castello Aragonese è il primo per la Puglia, seguono l’area naturale e la strada di Circumarpiccolo, sempre a Taranto, al 13° posto con poco più di 5.600 voti e secondo per la Puglia, il Santuario Madonna della Scala a Massafra è invece al 16° posto con 5.130 voti al terzo tra i siti pugliesi, mentre al 18° posto nella graduatoria generale è la Rocca con il Castello Alfonsino di Brindisi (quasi 4mila voti), al 25° con 2.900 preferenze c’è la Chiesa di San Giacomo a Supersano, alla quale segue al 27° dalla dimora storica del Castello Nuovo di Trepuzzi (2.700), al 35° posto si trova la Chiesa SS. Annunziata a Rutigliano (2.300), 37° la cappella del Casale Di Giano a Bisceglie (2.100), al 39° la Chiesa di San Mercurio a Serracapriola (2.050), al 51° Palazzo Celestini a Carmiano (1.700), al 56° Chiesa di San Salvatore a Sannicola di Lecce (1.600), al 69° i Giardini pensili ducali a Bovino (1.340), 119° Villa Rosa a Manfredonia (quasi 680 preferenze ottenute). In elenco, ma molto in fondo in classifica ci sono anche il Bosco Marcedd’, la Chiesa del Santo Rosario ed il Borgo antico-Paese azzurro tutti a Casamassima, il Castello Normanno Svevo, Palazzo San Michele e Masseria Caggiano nel comune di Bari, la Cattedrale ed il Bosco di Bitonto, la Chiesa San Michele in Grotta a Minervino Murge, il Castello Dentice di Frasso a Carovigno, il Castello del Porto turistico di Villanova ad Ostuni, la fontana medievale di San Ruggiero a Canne della Battaglia a Barletta ed il Parco archeologico Mura messapiche a Muro Leccese.

Ma l’elenco è davvero lunghissimo. Per scoprire quali altri siti e monumenti sono ‘candidati’ basta visitare il sito del Fai, cercare la località più vicina o quella d’interesse e votare il monumento o le riserve naturali che sono elencati. Si contribuirà così a far salire in classifica il monumento preferito e sperare che sia tra quelli che riceveranno in tempi più brevi i fondi per il restauro, altrimenti bisognerà ricandidarlo l’anno venturo ed attendere ancora.

Altri articoli interessanti

Una visita al Conveto per il recupero con I Luoghi del cuore Fai