E’ arrivato il Bibliobus di Bibliohub per le biblioteche in periferia

  • In LECCE
  • lun 17 Settembre 2018
E’ arrivato il Bibliobus di Bibliohub per le biblioteche in periferia

In Puglia sono coinvolte le città di Foggia e Lecce

LECCE - “Bibliobus”, il bus biblioteca che sta percorrendo l’Italia a tappe per diffondere la cultura, la nascita e l’uso di biblioteche nelle periferie grazie al progetto in rete “Bibliohub”, è arrivato a Lecce nel giardino degli Agostiniani. Sosterà sino a domani, 18 settembre 2018, accanto all’edificio satellite che ospiterà la nuova biblioteca.

La piccola biblioteca mobile, realizzata dall’Associazione Italiana Biblioteche (Aib) su progetto di Alterstudio partners, con la collaborazione di vari soggetti, è stata inaugurata ed aperta al pubblico il 23 luglio a Canicattini bagni (Siracusa), il 15 sera è partito da Bagheria (Palermo) e dopo varie soste (Rosarno, Vibo Valentia, Matera), è giunto in Puglia dove farà tappa a Lecce prima e poi a Foggia e da qui si dirigerà a Napoli ed alte località sino ad arrivare il 22 settembre a Roma dove concluderà il viaggio al Bibliopride. In giro per l’Italia vuole diventare luogo di incontro, cultura, gioco e discussione esattamente, ma forse anche di più, di come avveniva prima dell’era dei ‘social media’. Bibliobus è polifunzionale poiché progettato come piattaforma multimediale come punto di incontro, d’informazione, prestito di libri ed e-book scaricabili con Qr-code, internet, vetrina di bookcrossing e hotspot wi-fi, laboratorio per favorire la socializzazione di adulti e bambini. Il veicolo di diffusione di cultura, informazione e socialità sarà al servizio delle biblioteche periferiche. Per ora il progetto fa tappa solo per ‘mostrarsi’ ma presto le soste saranno prolungate per 2 sino a 4 mesi nelle città aderenti a quella che è una sorta di roulotte, 5 metri x 2 metri, pronta a trasformarsi e ad accogliere. Cinque le “Bibliobus” realizzate in due anni tramite una raccolta fondi in crowdfunding.


>


Si tratta di “un altro pezzo del percorso che stiamo realizzando per aprire a Lecce tanti piccoli presidi – dichiara l’assessore comunale alla Cultura Antonella Agnoli – avamposti democratici, di incontro, lettura, gioco. Piccole biblioteche sociali di prossimità facili da usare e da vivere”.

Del tour e del video-diario di viaggio si sta occupando il Csbno – Culture Socialità Biblioteche Network Operativo, azienda speciale che da vent’anni coordina servizi e attività tra e per le biblioteche, che è anche tra i partner e co-finanziatori del progetto. Il Csbno ha allineato sotto un’unica regia oltre una dozzina tra sistemi e realtà bibliotecarie italiane che hanno aderito all’iniziativa “BiblioHUB in rete”, tra queste accanto a alcuni sistemi lombardi, veneti, torinesi, della città di Nuoro e di Reggio Emilia, ci sono anche Lecce e Foggia che grazie alle biblioteche che nasceranno con il progetto Community libraries e alla nuova TeatiniNelfrattempo, sta dando vita a un mini sistema bibliotecario cittadino.

Il bibliohub sarà visitato da alcune classi delle scuole della città e sarà aperto alla visite per i cittadini. “Sarà l’occasione – continua l’assessore Agnoli – per avviare la seconda parte del processo partecipativo per la realizzazione della biblioteca agli Agostiniani, e per raccontare quello che è accaduto ai ITeatini Nel frattempo, uno nuovo servizio per tutti collocato in uno spazio al pianterreno dell'ex Convento dei Teatini”.