Tutti pronti arrivano le bande più antiche di Capitanata

  • In FOGGIA
  • gio 09 Agosto 2018
Tutti pronti arrivano le bande più antiche di Capitanata

Per il secondo appuntamento annuale si tiene il “Raduno delle Bande”, ma non sarà l’unico evento musicale

ORSARA DI PUGLIA - Sarà un weekend all’insegna della musica quello in arrivo ad Orsara. Sono infatti previsti due importanti eventi: il “Raduno delle Bande” ed i concerti del Wild Fest, dedicato alla musica techno.

I complessi bandistici di Capitanata, per un totale di oltre 120 musicisti, suoneranno i loro strumenti e faranno risuonare le note di pezzi musicali nelle strade di Orsara in occasione del raduno delle Bande musicali. A ritrovarsi nella città foggiana saranno le bande più antiche della provincia di Foggia e quindi da Deliceto, Manfredonia, Ordona, Panni e Roseto Valfortore.


>


Una di seguito all’altra nelle loro elegante e colorate divise, attraverseranno strade e piazze a suon di musica per allietare tutti i presenti, nel nome della storia che si rinnova di generazione in generazione, nel ‘paese dell’Orsa’, dopo il successo dello scorso anno, l’11 agosto prossimo tornerà per la sua seconda edizione il “Raduno delle bande”.

L’evento, organizzato dall’Associazione musicale Santa Cecilia di Orsara di Puglia, prenderà il via alle ore 11, da Palazzo De Gregorio, dove il giornalista della Rai, Tito Manlio Altomare, presenterà il suo libro “Puglia in festa”. Alle ore 17.30, dopo essersi ritrovate in via Croce, le bande giunte da ogni parte della Capitanata cominceranno a sfilare per le vie del paese. Alle 18.30, le bande si ritroveranno in corso della Vittoria per una nuova grande parata. Il raduno si concluderà dopo le ore 20.30, quando saranno consegnate le targhe di partecipazione.

Il 2018 è un anno particolare per il Complesso Bandistico Santa Cecilia Città di Orsara di Puglia perché segna il traguardo di 238 anni di storia. La banda musicale di Orsara di Puglia è stata infatti fondata nel 1780 e, tra mille vicissitudini e due guerre mondiali, continua a essere un presidio di formazione culturale anche nel terzo millennio, innovando una tradizione che trae linfa vitale dall’integrazione tra vecchia e nuova guardia. Il Complesso Bandistico di Orsara di Puglia, secondo la documentazione conservata negli archivi dell’associazione, è una delle bande più antiche della Puglia, se non la più antica in assoluto ed è una delle più longeve d’Italia. Ma c’è un aneddoto storico molto interessante anche a proposito della Banda di Roseto Valfortore, anch’essa presente sabato 11 agosto al secondo raduno bandistico. In pochi sanno che la Banda del presidente degli Stati Uniti, quella che accompagna trionfalmente l’uomo più potente del mondo nelle sue apparizioni pubbliche per le grandi occasioni, è stata fondata a partire da un nucleo di musicisti della vecchia Banda di Roseto. Un nucleo di musicisti rosetani emigrati negli Stati Uniti che, fra il 1891 e il 1894, dopo essere stati protagonisti assieme ad altri concittadini della fondazione di Roseto Pennsylvania negli Usa, fondarono anche la “Roseto Cornet Band” diretta dal maestro Filippo Carrescia.

Nei giorni che precederanno il raduno bandistico, sono tanti gli eventi che animano l’estate orsarese come quello di oggi, 9 agosto, per la grande Gara di Orienteering Notturno, che inizierà alle ore 22.30 a cura della Polisportiva Ursaria, e che sarà preceduta da tre appuntamenti: alle 18.30, Palazzo De Gregorio ospiterà la conferenza su “Le battaglie del 1462” a cura di Italia Nostra; alle 20.30, Largo San Michele si trasformerà in teatro per la commedia “Il tempo passa senza far rumore”, della compagnia Senza Nome; ed alle 21, a La Tana dell’Orso, concerto del “Duo Annie”.

Sempre ad Orsara di Puglia, in contemporanea con il Raduno dei complessi bandistici, l’11 ed il 12 agosto, si celebra la terza edizione del Wild Fest, festival dedicato alla musica techno e che vedrà come ospiti tre mostri sacri della musica elettronica. Il primo appuntamento, sabato 11 agosto, si terrà a partire dalle ore 23.30 a Torre Guevara, antichissima residenza nobiliare, il direttore artistico del festival, John Acquaviva, uno dei nomi più importanti del clubbing mondiale, darà il via alla lunga notte della techno. Poi toccherà a Daniel Miller, produttore di Depeche Mode, Moby e tanti altri mostri sacri della musica internazionale. Ci sarà anche Shaun Reeves, che grazie ai suoi geniali remix ha collaborato con la leggenda del cinema, David Lynch. Si replica il giorno successivo, domenica 12 agosto, nelle cucine dello chef Peppe Zullo, con il Decompression Party, esclusiva cena su prenotazione con live set e interviste a tu per tu con i DJ che hanno animato il Wild Fest 2018. Info e prenotazioni alla pagina Facebook del festival (wildfest.festivalPuglia) o al numero 347/3008283.