lun 06 Agosto 2018

Inaugurato il giardino il cui nome sarà scelto dai bambini

  • In BAT
  • lun 06 Agosto 2018
Inaugurato il giardino il cui nome sarà scelto dai bambini

Si trova tra via Leopardi e via Manzoni e nell’area di 4mila mq comprende giochi e giostrine

BARLETTA - La città di Barletta vanta un nuovo giardino, quello inaugurato ed aperto al pubblico lo scorso 3 agosto, situato tra via Leopardi e viale Manzoni. Alla cerimonia era presente il sindaco di Barletta, Cosimo Cannito, insieme con alcuni rappresentanti dell’Amministrazione comunale.

L’area, ampia 4.000 metri quadrati, comprende uno spazio per i più piccoli, attrezzato di giochi e giostrine e si sviluppa su due percorsi longitudinali, posti a quote differenziate, lungo i quali si elevano delle ‘vasche di verde’, che creano un gioco di terrazzamenti ombreggiati. I giardini saranno aperti ogni giorno dalle 9 alle 13 e dalle 17 alle 21. Al momento l’ingresso è posto in viale Manzoni, con la previsione di aprire al pubblico l’accesso di via Leopardi.


>


Ad oggi però, il giardino è ancora senza nome, la denominazione sarà però presto affidata agli alunni delle scuole del quartiere. Saranno i piccoli cittadini, i maggiori fruitori, a decidere come chiamare l’area a verde con giochi.

“Questo luogo rischiava di morire prima ancora che la cittadinanza potesse fruirne, nonostante fosse, di fatto, pronto per essere aperto dal 2016 – ha detto il sindaco Cosimo Cannito – e per questo abbiamo deciso di prendere l’area in carico e aprirla, con l’intento e la previsione di creare in questo quartiere una sorta di collegamenti fra le aree verdi esistenti, a cominciare da quella in via Leonardo Da Vinci”.

Il giardino inaugurato è un’opera che rientra nel Pru, il Piano di recupero urbano delle aree poste a sud della ferrovia, e fa riferimento a un progetto del 2007, messo a punto dall’architetto Nicola Gambarrota, presente all’inaugurazione e che il primo cittadino ha pubblicamente ringraziato per l’impegno profuso nella realizzazione e per la disponibilità mostrata per l’apertura dello stesso.

E’ stato realizzato con capitali privati dalla ditta Habitat Costruzioni spa di Modugno (Bari), a compensazione di oneri finanziari della medesima per avere realizzato opere edilizie nella 167. Parte di quegli oneri erano da destinare, appunto, alla realizzazione di opere di urbanizzazione. Per la parte restante dovuta, si stanno concordando tempi e modi con l’Avvocatura comunale, già interessata e coinvolta in questa procedura giuridico–amministrativa.