Per Big!FF un focus dedicato al regista Antony Hickling

  • In BARI
  • mer 06 Giugno 2018
Per Big!FF un focus dedicato al regista Antony Hickling
Una scena del film "Little Gay Boy"

Si terrà, ad ingresso libero, al Cineporto di Bari

BARI - Il Bari International Gender Film Festival torna a Bari con un prezioso focus su Antony Hickling, tra i più apprezzati registi e attori e scrittori della scena indipendente inglese. Si tratta di un’altra tappa del Big!FF, il Bari International Gender Film Fest, in programma l’8 giugno prossimo dalle ore 19.30, al Cineporto di Bari.

L’iniziativa, ad ingresso libero, è un altro segmento che prelude al festival sulle diversità di genere della città di Bari, promosso dalla Cooperativa AL.I.C.E. - Area Arti Espressive (realizzato con il sostegno della Regione Puglia), le cui attività sono ormai distribuite lungo tutto l'arco dell'anno, e che si svolgerà, nella sua seconda edizione, dal 25 al 30 settembre 2018 a Bari.


>


Poesia, amore, desiderio, violenza, visioni: sarà un Big Focus - sostenuto da Apulia Film Commission - a tinte forti sulla cinematografia di Hickling, capace di mescolare linguaggi e culture diverse. Oriente e Occidente, cultura classica e contemporanea, simbolismo religioso e metafore. Oltre a rappresentazioni sessuali esplicite, al confine tra reale e surreale. Una cifra stilistica intensa, quella di Hickling, che può permettersi di portare in scena, con ironia e provocazione, innocenza e brutalità, l'inconscio umano e le sue incarnazioni, attraverso storie e personaggi che diventano archetipi.

Saranno tre i suoi lavori proiettati al Cineporto di Bari, opere camaleontiche e presentate nei festival cinematografici di tutto il mondo che giocano alla trasformazione, attraversando espressività differenti, tra performance, danza contemporanea, cinema, letteratura. Il tutto fuso in una regia straordinariamente sperimentale (la visione è vietata ai minori di 18 anni).

Il programma partirà alle 19.30, con un'introduzione a cura di Cosimo Santoro, fondatore della società di distribuzione “The Open Reel”. Alle 20 toccherà alla proiezione del corto PD, seguito da "Little Gay Boy" (2013), una delle sue opere più interessanti. Il film è l'unione di tre cortometraggi, “L'Annonciation or The Conception of a Little Gay Boy”, “Little Gay Boy, Christ is dead” e “Holy Thursday (The last supper)”, che hanno ottenuto grande successo ai festival LGBT di tutto il mondo.

Alle 21.30 toccherà a un talk condotto da Claudia Attimonelli, docente di Semiologia del Cinema e dell'Audiovisivo all'Università di Bari (Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione): converserà con Hickling del suo cinema e della sua poetica. Alle 22.30 chiusura con “Frig” (2018), ultimo lungometraggio del regista inglese, anch'esso diviso in tre parti (Love, Shit and Sperm).

Il Bari International Gender Film Festival è il festival del cinema sulle diversità di genere della città di Bari ed intende contribuire, attraverso il cinema di qualità, alla sensibilizzazione politica e culturale nel panorama regionale e avere un profondo ruolo sociale nella costruzione e diffusione di una cultura di rispetto verso tutte le diversità di genere presenti sul territorio pugliese.