728 x 90


gio 10 Maggio 2018

“Lasciami volare”, l’incontro dedicato a genitori e figli

  • In BAT
  • gio 10 Maggio 2018
“Lasciami volare”, l’incontro dedicato a genitori e figli

Gianpietro Ghidini racconterà la sua esperienza ed il dolore della perdita del figlio Emanuele

ANDRIA - Un papà dal cuore grande ma ‘rotto’ per la perdita del figlio racconterà agli andriesi e tutti quanti coloro che vorranno ascoltarlo come si può sopravvivere ad un tale immenso e straziante dolore superando le difficoltà della vita che arrivano per metterci alla prova e rendere migliori chi le vive imparando ad essere sereni.

Con “Lasciami volare”, questo il titolo dell’evento proposto dalla Fondazione “Il Pesciolino Rosso”, vedrà arrivare ad Andria Gianpietro Ghidini, padre di Emanuele, volato via da lui troppo presto a causa della droga. Questo speciale papà si è messo umilmente in discussione arrivando a delle risposte che ora lo portano a cercare di aiutare altri giovani e famiglie nella speranza che quanto accaduto a lui non succeda ad altri. L’iniziativa è organizzata dall'Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Andria ed è patrocinata dall’associazione socio culturale Mirabbasc di Andria, che in collaborazione con la Diocesi Andria nella persona di don Adriano Caricati, direttore dell'Ufficio per l'educazione, la scuola e l'università, il Movimento Corda della Pastorale Giovanile di Andria, l'Azione Cattolica, Forum socio politico, l'Asl Servizio Dipendenze, ha fortemente voluto questo importante momento che sarà un dialogo dedicato ai genitori e figli. Non solo per chi vive lo stesso dolore della perdita di un figlio che sia a causa della droga o di una grave malattia o un incidente stradale, ma a chiunque voglia approfondire questi temi e soprattutto per avere preziosi consigli su come prevenire ed aiutare i giovani che finiscono nel tunnel della dipendenza.


>


L'iniziativa riguarda la testimonianza di Gianpietro Ghidini, secondo cui non solo si può sopravvivere al dolore, ma che le sofferenze e le difficoltà della vita possono rendere migliori. L’appuntamento, aperto a tutti, è per domani 11 maggio alle ore 20, nell’istituto Cafaro a cui tutti i genitori e figli sono invitati a partecipare per una grande opportunità di crescita e di confronto. Ghidini è infatti stato capace di trasformare il dolore per la morte di suo figlio Emanuele in un progetto pieno di energia positiva, apparentemente inspiegabile e dalla forza prorompente, dedicando la sua vita ai giovani e alla loro crescita. Nei suoi incontri le parole autentiche entrano nel cuore di chi le ascolta e costituiscono un momento per condividere riflessioni su temi importanti che ci interrogano nel nostro vissuto quotidiano. Per lui è ormai una missione visto che ad oggi ha già tenuto più di mille incontri in tutta Italia, e ha incontrato oltre 300mila tra genitori e studenti.

All’incontro parteciperà anche Carolina Bocca, una mamma che è riuscita a salvare il proprio figlio dalla droga rimettendo in discussione sé stessa e la sua vita, rimettendo tutto per iscritto in un libro.

“Promuovere degli eventi lodevoli come Lasciami Volare, è una grande opportunità per l'intera comunità – spiega l'assessore all'Istruzione, Paola Albo - al fine di incoraggiare testimonianze dirette all'educazione, alla prevenzione e soprattutto alla consapevolezza degli effetti e conseguenze che tutti noi possiamo subire a causa dell'utilizzo di sostanze stupefacenti, argomenti che continuano ad interrogare la nostra società e ci mettono in discussione come collettività che accompagna la crescita delle giovani generazioni. La prevenzione richiede una risposta consapevole e responsabile di tutta la comunità”.