Le scuole “Fiore” e “Japigia 1-Verga” vincono le nazionali di Robocop

  • In BARI
  • lun 16 Aprile 2018
Le scuole “Fiore” e “Japigia 1-Verga” vincono le nazionali di Robocop

Gli alluni della “Fiore” andranno alle gare mondiali, quelli della “Japigia 1-Verga” agli europei

BARI - Non solo sempre più ‘tecnologici’ ma anche fantasiosi e ballerini, attenti e competitivi, pronti a mettersi in gioco tanto da riuscire a conquistare persino un posto per la partecipazione alla competizione europea ed un altro per quella mondiale. Sono gli studenti, con meno di 14 anni, dell’Istituto Comprensivo “Japigia 1-Verga” e della scuola media “Fiore” di Bari, che hanno partecipato alle gare nazionali di robotica della rete Robocup junior Academy, l’unica rete nazionale valevole per la partecipazione alle competizioni mondiali ed europee. Presenti anche altri ‘colleghi’ coetanei e più grandi, dell’IC “Mariano Fermi” di Andria e dell’ITT “Giorgi” di Brindisi che comunque già per il solo fatto di essere arrivati a livelli nazionali (il massimo previsto per la categoria di partecipazione scelta) possono dire di aver vinto, avendo partecipato nelle categorie “Rescue line” e “Rescue maze” sia per l’under 14 che per l’under 19.

Le squadre pugliesi si sono aggiudicate un 1°, un 3° ed un 4° posto nella categoria “On stage under 14”. Come riferisce la preside Patrizia Rossini, dirigente della scuola capofila della rete pugliese, l’Ic “Japigia 1-Verga”, e da sempre organizzatrice degli eventi locali regionali e provinciali in quanto fortemente convinta dell’utilità di questa materia nelle scuole sin dalla scuola elementare. Su otto squadre presenti nella categoria “On stage under 14”, la squadra Thecnoshow dell’IC Japigia 1-Verga si è aggiudicata il quarto posto con una performance teatrale in cui robot ed umani si interfacciavano sul tema del bullismo; mentre la squadra Happydancers, dell’IC Japigia 1-Verga, si è aggiudicata il terzo posto, ballando, con i robot da loro programmati, sulle note di “Whatever it takes” degli Imagin dragons accedendo così alle competizioni europee che si svolgeranno a Pescara dal 29 maggio al 1° giugno; la squadra Ants della scuola media “Fiore”, con una performance che ha messo in scena la magia di Harry Potter, si è aggiudicata il primo posto accedendo così alla competizione mondiale che si svolgerà a Montreal a fine giugno.


>


Altri ottimi risultati delle squadre pugliesi anche nella categoria “Rescue line” e “Rescue maze” sia per l’under 14 che per l’under 19. Su 25 squadre pugliesi presenti a livello nazionale, al 25° posto e al 19° posto, si sono classificate rispettivamente le squadre Tesla e Leonardo della scuola media “Fiore”, al 20° posto la squadra Fermenti dell’IC “Mariano Fermi” di Andria, al 7° posto la squadra Game over dell’IC “Japigia 1-Verga”. Nella categoria under 19, le squadre dell’ITT “Giorgi” di Brindisi si sono classificate al 9° ed al 15° posto nella rescue line e al 2° posto nella Rescue maze.

Grande la soddisfazione non solo per tutta la Puglia, che ha cominciato il suo percorso nel mondo della robotica educativa, otto anni fa, quando l’IC “Japigia 1-Verga” ha vinto il primo posto delle nazionali, replicato poi nel 2015. La strada è stata lunga e non facile poiché la competizione si fa più alta di anno in anno, ma ricca di soddisfazioni.

“Oggi tocchiamo con mano quotidianamente le competenze che gli alunni, in ambito didattico, raggiungono con l’uso della robotica educativa – afferma in una nota stampa la dirigente Patrizia Rossini - perchè il primo obiettivo è la loro formazione. Altra grande soddisfazione, aver voluto fermamente una rete territoriale per allargare ad altre scuole della regione l’uso della robotica. I risultati delle competizioni nazionali ne sono la prova”.