728 x 90

La città pronta ad essere invasa da maschere e carri

  • In FOGGIA
  • mer 31 Gennaio 2018
La città pronta ad essere invasa da maschere e carri

Ecco gli eventi per il Carnevale organizzato dall’associazione “Movidaunia”

APRICENA - Sfileranno l’11 e il 18 febbraio prossimi maschere e carri carnevaleschi nelle vie di Apricena, già addobbata con pupazzi e cartelli in cartapesta in vari angoli delle strade. Inaugurato lo scorso 13 gennaio il Carnevale targato “Movidaunia” giunge alla sesta edizione, ed è organizzato con l’Amministrazione Comunale e l’associazione “La Città che vogliamo”.

Il tema di quest’anno è “Indiani di Puglia” e per la due giorni di Carnevale, in cui si attendono forestieri, si esibiranno artisti di strada e ballerini di scuole di ballo locali ed in attesa dell’ospite di eccezione. In attesa che il Carnevale si faccia sentire con la sua allegria e spensieratezza, si può visitare la mostra fotografica “Carnevale Apricenese”, organizzata per il quinto anno consecutivo, da “Fotografia Stefania Pizzicoli” nelle varie sale del wine Bar de “La Tasca” in corso Garibaldi. Le foto firmate Pizzicoli sono un piacevole confronto tra il Carnevale del passato e quello del presente, e resteranno in esposizione fino al 18 febbraio 2018 sono presenti nelle varie sale seguendo un accurato, puntuale e folcloristico percorso cronologico dei momenti carnevaleschi apricenesi e rallegreranno le serate presso il locale dai sapori enogastronomici e suoni tipici garganici e foggiani.


>


Sarà una festa all’insegna di piume, lustrini e colori, quella in programma in più giornate ad Apricena, ma nel solco della tradizione di altri popoli. Il tema degli indiani è ormai un costume che fa parte della tradizione folkloristica e culturale locale, che affascina i bambini ma anche i grandi, forse per una serie di tradizioni e segreti degli indiani d’America ma anche quelli dell’India, meticolosamente custodite e tramandate di generazione in generazione. Travestimenti appartenenti all'ambito delle rievocazioni storiche che non hanno altro scopo se non quello ludico e della celebrazione del costume. In questo caso, la maschera vuole essere un metodo di espressione personale che va dalla semplice presentazione di un costume accurato e ben fatto, alla creazione di interi mondi e nuovi personaggi e, in una sorta di commistione di generi, si vengono a collegare la performance e l’arte teatrale al travestimento rituale.

Nei giorni designati, al suono di tamburelli e di urla tribali, sfileranno per le strade gli indiani… quelli regionalizzati, quelli di Puglia, con i loro coloratissimi piumaggi, con i loro abiti cuciti appassionatamente e scrupolosamente; se si incontreranno con altre tribù, si sfideranno simbolicamente con movenze da combattimento e con una particolare modulazione delle voci, il tutto in una lingua sconosciuta e assolutamente segreta. Nella regionalizzazione pugliese sono comunque compresi pure gli indiani brasiliani e quelli della Louisiana con una grande comunità di indiani ed il loro Mardi Gras o Holi, la festa più colorata e divertente del calendario indiano.

In fondo, il Carnevale è da sempre la festa del popolo, il luogo del riso e della follia, dello scherzo, della materialità, dell’abbondanza, l’occasione in cui l’ebbrezza, la danza, la musica permettono di liberarsi dal proprio io contingente. Il percorso è delineato da festoni che da giorni preannunciano l’arrivo di questo grande evento e dove sfileranno maschere e carri.

Prima dell’11 e del 18, il 4 febbraio ci sarà la sfida tra le contrade in cui il paese è stato suddiviso dall’associazione Apricena Medioevale. Tanti gli eventi con i giochi di una volta dalle ore 18 il “Tiro con l’arco”, il “Tiro alla fune” ed il “Palo della Cuccagna” tra corso Garibaldi e piazza Federico II, con lo sfondo della Torre dell’Orologio. Il tutto in grande sintonia con i commercianti di corso Garibaldi, con l’associazione Apricena Medioevale e con il Palazzo della Cultura Apricena, sito nella piazza, che per l’occasione aprirà le sue porte.

Il 5 febbraio, dalle ore 18, il Carnevale rallegra il centro anziani “Sandro Pertini” con l’evento “Chiacchierando in allegria”.

Per le giornate principali del Carnevale, l’11 febbraio, dalle ore 11 una biga compirà il giro cittadino per annunciare l’inizio della manifestazione, fermandosi nei vari punti del paese; alle ore 15 la sfilata carnevalesca partirà da viale Palmiro Togliatti, per poi arrivare, verso le ore 18.30, in piazza Federico II, dove si svolgerà il “Gioco della Pentolaccia”. Il Palazzo della Cultura effettuerà, anche in questo appuntamento, l’apertura domenicale straordinaria.

Il 18 febbraio, dopo il mattutino giro cittadino della biga banditore dell’inizio della manifestazione, si partirà dalle ore 15 da “Casa Matteo Salvatore”. L’arrivo è previsto per le ore 17 in piazza Giovanni Paolo II, dove si chiuderà la manifestazione. Una voce speciale seguirà i toni del Carnevale di quest’ultima domenica: quella di Dj Osso di “Radio m2o” musica allo stato puro.

Autobus e treni speciali, messi a disposizione dalle Ferrovie del Gargano ed Acapt nord gargano srl scorteranno gli ospiti di paesi limitrofi, che in Apricena. I biglietti di viaggio potranno poi essere utilizzati per una consumazione presso bar, ristoranti e pizzerie di Apricena.