Cotognata

Cotognata

Dolce tipico soprattutto in Salento a base di mele cotogne

di Michela da Otranto


>




>




>

INGREDIENTI


>

1 kg di mele cotogne


>

1 kg di zucchero


>

1 limone intero


>

buccia di un limone


>

½ lito di acqua


>




>

PREPARAZIONE


>

Lavare con cura le mele cotogne. Sbucciarle, tagliarle prima in quattro parti per privarle del torsolo e poi tagliarle a cubetti. Immergere le mele in una pentola con il ½ litro di acqua con qualche fettina di limone (questa operazione serve a non far annerire il composto) e 250 grammi di zucchero. Far cucinare per 15 minuti (le mele devono risultate ammorbidite) e poi scolare. Togliere le fettine di limone, far raffreddare e passare al setaccio la polpa ottenuta. Mettere in una pentola, aggiungere lo zucchero rimanente e far cuocere per altri 40 minuti a fuoco basso. Bisogna mescolare continuamente con un cucchiaio di legno. Il composto sarà pronto quando avrà ottenuta una consistenza omogenea ed un colore biondo scuro tendente al bruno, con intenso profumo di frutta. Abbassare la fiamma al minimo e versare la confettura, ancora bollente, in vasetti di vetro precedentemente sterilizzati. Tapparli e disporli su un piano a testa in giù per far formare il sottovuoto per una conserva più duratura. Così può essere utilizzata per preparare dolci a base di confettura come una crostata, ad esempio, ma anche per accompagnare carni e formaggi.


>




>

Se invece dei vasetti di vetro la si dispone in una teglia rettangolare e la si fa addensare, potrà essere taglia a cubetti o tonda, a fette come una torta o ancora con l’aiuto di formine ottenere stelle o altro. Oppure anche in una teglia tonda per dolci per dare la forma di una torta. Si può servire così oppure cospargendolo superiormente o su tutti i lati di zucchero semolato o, solo all’ultimo momento (poco prima di servirlo) di zucchero a velo. Nella tradizione salentina viene servito come dolce tipico del Natale. Tagliato può essere conservato in vasetti di vetro per diversi giorni.